Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Foxconn controlla la fabbrica LCD di Sharp

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 11 Aprile 2012, alle 11:26 nel canale DISPLAY

“Solo qualche settimana fa vi avevamo annunciato la sigla di un accordo tra Sharp e Foxconn in ambito display, con l'azienda taiwanese che acquisiva di fatto il 50% della capacità produttiva di pannelli LCD della fabbrica di Sakai. Ora Foxconn ne diventa il maggior azionista”

Il quotidiano finanziario giapponese Nikkei annuncia che Sharp ha deciso di vendere oltre il 14% delle proprie partecipazioni nella joint-venture produttiva della fabbrica di Sakai a Toppan Printing Co. e Dai Nippon Printing Co. Con questa nuova operazione (che succede a quella di qualche settimana fa - vedi news), Foxconn si ritrova quindi ad essere il maggior azionista della più grande e avanzata (pannelli 10G) fabbrica di pannelli LCD al mondo, controllando il 46% delle quote.

La fabbrica è, inoltre, già predisposta per la produzione di pannelli OLED e saranno semplicemente necessari ulteriori investimenti per adeguare i materiali produttivi. Componenti che dovrebbero essere introdotti proprio con l'ingresso delle due nuove aziende nipponiche quali socie della joint-venture. Sony detiene ancora il 7% delle quote, ma in virtù dei disastrosi risultati finanziari (leggi news), potrebbe decidere a breve di vendere la propria partecipazione.

Fonte: Nikkei



Commenti (6)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: privilege82 pubblicato il 11 Aprile 2012, 12:06
e così Apple ha scelto Sharp!
Fossi la Sony me lo terrei stretto quel 7% delle quote...perchè il loro valore salirà di molto.

Si intravede oramai uno scontro tra titani:
Apple-Foxconn-Sharp Vs Lg-Google-Samsung

Sony e Panasonic resteranno a guardare? forse sarebbe meglio se puntassero tutto sui prodotti di nicchia.
Commento # 2 di: messaggero57 pubblicato il 11 Aprile 2012, 12:52
Lasciando da parte per un attimo le operazioni di alta ingegneria finanziaria , la cosa più interessante è che con ogni probabilità anche Sharp entrerà nel segmento dei TV OLED. Probabilmente al CES non aveva presentato nulla in quanto attendeva un investitore tipo Foxconn per riconvertire gli impianti per la produzione di pannelli.
Commento # 3 di: g_andrini pubblicato il 11 Aprile 2012, 16:32
Mi sembrano operazioni di facciata. Certo, la Cina è in pieno sviluppo, ma la crisi, nelle esportazioni, la sente anche lei.
Commento # 4 di: messaggero57 pubblicato il 11 Aprile 2012, 16:49
Per essere precisi la Foxconn è taiwanese, anche se molti impianti produttivi sono situati nella Cina Popolare. Ad ogni modo la Cina è, insieme a pochi altri, uno dei paesi ad avere esuberanza di capitali da investire in questo periodo e se vuole mantenere questo stato di cose le sue aziende devono investire nei settori emergenti, come appunto i pannelli OLED. Acquisendo la modernissima fabbrica Sharp di Sakai, Foxconn cerca di garantirsi questo futuro riconvertendola con relativa poca spesa. Certo fa una certa impressione vedere un colosso giapponese vendere ai cinesi un impianto produttivo di questo livello: è come se da noi venissero gli indiani di Tata e si comprassero le fabbriche Fiat!
Commento # 5 di: darjo pubblicato il 11 Aprile 2012, 22:03
se uno si ferma a pensare però la notizia non stupisce tanto.
Sharp a Sakai sforna una quantità impressionante di pannelli al giorno e la grande parte li vende a terzi con grossa concorrenza di lg e samsung ora invece si è tolta il problema in più però c'ha guadagnato gli assemblatori foxcon per i tv gratis.
Inoltre da qualche anno ha puntato tutto sul quattron che è tutto altro che un tv commerciale perciò gli basta solo una parte delle linee di produzione per fare i pannelli di qualità per loro.
Inoltre il giappone è fortemente sismico e con i soldi guadagnati costruiranno fabbriche e finanzieranno ricerca in un paese più agevole.
D'altronde poi oltre a Sakai c'è sempre la mega fabbrica di kameyama.
Le ultime disavventure ambientali del giappone hanno insegnato che è ingenuo se non suicida concentrare tutto il proprio potere produttivo in una sola nazione.
Commento # 6 di: giovideo pubblicato il 12 Aprile 2012, 18:44
Già, speriamo che in sharp non si suicidino come in foxxconn.....