Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Film Amazon/Netflix nei cinema IMAX?

di Riccardo Riondino, pubblicata il 18 Settembre 2018, alle 11:15 nel canale CINEMA

“IMAX è alla ricerca di partnership con Netflix e gli altri fornitori di servizi OTT, collaborazione che potrebbe risolvere il problema dei film esclusi dai festival cinematografici perché distribuiti in anteprima via streaming”

Il film prodotti da Netflix, Amazon e Hulu potrebbero giungere sul grande schermo nell'immersività del formato IMAX. Lo ha dichiarato il CEO Richard Gelfond durante una conferenza stampa di Goldman Sachs. L'intervista ha rivelato che IMAX ha aperto le trattative con tutti gli operatori OTT, pur senza specificare i dettagli, come ad esempio se ci siano clausole di esclusiva temporale. Questo è l'approccio seguito da Amazon, che concede talvolta la precedenza alle sale cinematografiche rispetto alla piattaforma Prime Video. Netflix invece finora si è attenuta alla politica di privilegiare gli abbonati/finanziatori, scelta che gli è costata però l'esclusione dal Festival di Cannes.

Di recente lo stesso Steven Spielberg si è schierato apertamente contro la distribuzione anticipata dei film in streaming, raccomandandone l'esclusione dai premi Oscar. Non si può quindi escludere che tutti i principali festival del settore imitino l'esempio di Cannes, il cui regolamento impone la programmazione nei cinema per entrare nelle nomination. Un eventuale accordo permetterebbe quindi a Netflix di adeguarsi, mentre MAX da parte sua potrebbe attingere ad un serbatoio di nuove produzioni in continuo aggiornamento, forse anche con accordi di esclusiva.  Gelford ritiene che anche per i film prodotti dai colossi OTT una programmazione nei cinema sia inevitabile, quantomeno per i titoli con il più ampio budget. Di queste partnership potrebbe trarre benefici anche l'iniziativa IMAX Enhnced, lanciata in collaborazione con DTS.

Fonte: Flatpanels HD



Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Nordata pubblicato il 18 Settembre 2018, 13:10
Però mi pare che già a Venezia il vincitore era prodotto da Netflix, infatti ci sono state alcune polemiche (da parte dei soliti vincitori annunciati".

Può darsi che prima o poi venga accettata la realtà ovvero che la produzione dei film non è più appannaggio delle 7 Sorelle (o quante erano) e nella realtà attuale non ha più senso limitare la cosa ai film da sala, ma è giusto includere anche la TV, che come numero di spettatori sicuramente non scherza.

Per quanto riguarda invece l'aspetto tecnico della cosa sono perplesso, IMAX si è fatta conoscere e rispettare per alcuni aspetti precipui delle proprie realizzazioni: grande formato della pellicola (cosa ormai superata), formato dello schermo con relativo A.R., sistema audio con relativo numero di canali.

In questo caso cosa avverrà: il film realizzato da Netflix, ad esempio, verrà prodotto in formato IMAX, con risoluzione e audio adeguati e poi verrà scalato e tagliato in modo da renderlo adatto ad una visione televisiva, con risultati che stravolgeranno abbastanza l'intento originale (per non parlare degli ulteriori costi di produzione, argomento sensibile ) oppure capiterà che durante la visione TV si passerà da un formato 16:9 o 21:9 con relative bande a qualche scena in formato quadrato tipico dell'IMAX, come piace fare a qualche regista che ogni tanto in un film normale infila 4 secondi di tali scene? (La cosa avrà un senso, ma mi sfugge)

Oppure il film sarà un normale film HD, o magari in 4K, e verrà proiettato nelle sale IMAX come un qualsiasi altro film, facendo però cadere tutte le premesse relative a IMAX, facendo così diventare queste sale come quelle di una qualsiasi altra catena cinematografica?