Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Videoproiettore 3LCD Epson TW20

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 18 Luglio 2006 nel canale PROIETTORI

“Tra i videoproiettori entry level, Epson è praticamente l'unico produttore a proporre un modello per applicazioni home theater con tecnologia 3LCD, rapporto d'aspetto in 16:9, ottica basculante in orizzontale e verticale e rapporto qualità prezzo molto elevato”

Il test con segnali video analogici II

Utilizzando un HTPC come sorgente non siamo riusciti a trovare le giuste impostazioni per saltare ogni operazione di scaling, mappando in maniera nativa i microdisplay LCD. Con un po' più di tempo a disposizione dovrebbe comunque essere possibile, come già successo per i due modelli Epson con stessa risoluzione che hanno preceduto il TW20.

Per il giudizio finale abbiamo utilizzato come sorgente un lettore DVD Video Pioneer di fascia economica (Mod. DV575), con uscita a scansione progressiva. Nel menu del videoproiettore abbiamo selezionato le impostazioni predefinite "Nero Teatro 1", sollevando il controllo di luminosità di due punti per aggirare la sensibile compressione sulle basse luci ed eliminando l'overscan che è presente nelle condizioni di default.

In queste condizioni, abbiamo riempito senza problemi uno schermo con diagonale da 70" con guadagno unitario che, osservato da una distanza di 3 metri, ci è sembrato davvero un ottimo compromesso per rapporto tra dimensione e luminosità dell'immagine, percezione dei dettagli e visibilità del reticolo dei pixel.

Il livello del nero è pienamente accettabile ma quello che è più sorprende è la riproduzione dei colori, potenti e profondi come raramente capita di osservare, anche in videoproiettori dal costo fino a 10 volte superiore! In realtà la saturazione è fin troppo eccessiva in condizioni di default, ma basta diminuire leggermente il parametro "colore" per tornare alla normalità.

Il bilanciamento del bianco non è poi troppo lontano dal riferimento. Le due impostazioni della temperatura colore da preferire sono quella "media" e "calda", che offrono un buon risultato, quasi equidistante dal riferimento con una leggera preferenza per l'impostazione "media".

Segue : Conclusioni Pagina successiva