Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

La nuova misura del gamma

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 15 Ottobre 2007 nel canale DISPLAY

“Tra le indagini più importanti per la verifica della qualità di videoproiettori e display, la misura della linearità della scala dei grigi e della curva del gamma è una delle più importanti. In questo articolo viene proposto un nuovo grafico per la rappresentazione grafica del gamma e dei valori di luminosità misurati”

Curve del gamma e riferimenti

Come abbiamo visto nella pagina precedente, riportando su un grafico i valori di luminanza in funzione del segnale in ingresso di un display ideale, otterremo una curva: non una retta. La "forma" di questa curva è regolata da un esponente che non è altri che il famigerato "gamma" che deve avere un valore ben definito. La forma della curva può essere rappresentata molto semplicemente dalla funzione seguente:

In questa era legata all'alta definizione, considerando le raccomandazioni BT.709-5 dell'ITU (International Telecommunication Union), il gamma dei vari display e videoproiettori HD dovrebbe essere pari a 2,2. C'è da aggiungere che  l'EBU (European Broadcasting Union) nel documento EBU Tech 3321 dello scorso Settembre, ha indicato per i display a schermo piatto un gamma di riferimento pari a 2,35.

AV Magazine prenderà come riferimento il valore di 2,2 per tutte le analisi sui prodotti, che siano per applicazioni home theater, per business, per cinema elettronico o anche per il cinema digitale. Per nostra fortuna, anche tra le specifiche dello spazio colore sRGB legato a prodotti per applicazioni informatiche, si fa riferimento ad un gamma pari a 2,2.

Nei grafici qui in alto, la curva del gamma di riferimento con esponente pari a 2,2 è in verde. In colore rosso e blu ho disegnato invece curve del gamma con esponente pari rispettivamente a 2,5 ed 1,9. Curve con gamma più elevato si traducono in una crescita dei livelli più lenta sulle basse luci e più rapida sui livelli più elevati. Al contrario, un gamma più basso si traduce in basse luci in rapida crescita e alte luci con crescita più contenuta.

In questa ultima immagine, ammesso che il vostro display che state utilizzando per visualizzare questo articolo sia perfettamente calibrato ed abbia un gamma costante pari a 2,2, ho simulato le differenze della riproduzione di una scala dei grigi con gamma rispettivamente pari a 1,9 (in alto), 2,2 (al centro) e 2,5 (più in basso).