Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

War Horse

di Alessio Tambone , pubblicato il 19 Febbraio 2012 nel canale CINEMA

“Candidato a 6 premi Oscar, il nuovo film di Spielberg ci riporta in tempi di guerra. Siamo nel primo conflitto mondiale: un cavallo incontra popoli ed eserciti, cambiando la vita di chi si affeziona all'eleganza dell'animale. Tra questi il giovane Albert”

Un cavallo in guerra

Nel Devon una modesta famiglia di agricoltori inglesi acquista ad un'asta Joey, un giovane puledro da caccia che con grande fatica viene domato e addestrato dall'unico figlio della coppia Albert. Il grande rapporto di amicizia tra il ragazzo e il cavallo viene interrotto dallo scoppio della Prima Guerra Mondiale e dalle ristrettezze economiche della povera famiglia, costretta a vendere all'esercito il cavallo per poter pagare l'affitto.

Per Joey comincia un lungo viaggio attraverso il fronte bellico. Il cavallo entra in contatto con l'esercito inglese, con quello tedesco e con la popolazione francese, conquistando fiducia e amicizia negli oscuri labirinti della Grande Guerra, in una alternanza di emozione e dolore, vita contrapposta alla morte, eserciti che combattono senza remore o rimorsi. Anche Albert e i suoi amici partiranno in guerra, con la segreta speranza di ritrovare Joey ma senza la giusta preparazione per sopportare gli orrori del campo di battaglia.

War Horse parla dell'amicizia in tempi di guerra, in particolare del rapporto tra lo splendido cavallo Joey e gli essere umani che incrociano il suo cammino. Il film è tratto dall'omonimo romanzo per ragazzi di Michael Morpurgo, un successo editoriale che ha generato anche un avvincente spettacolo teatrale vincitore di cinque Tony Awards. Lo storia è stata adattata per il grande schermo da Lee Hall (Billy Elliot) e Richard Curtis, famoso per gli script di Quattro matrimoni e un funerale e Notting Hill, ma anche autore della serie TV Blackadder, commedia ambientata proprio fra le trincee della Prima Guerra Mondiale.

Il film conferma ancora una volta l'incredibile talento di Steven Spielberg nel raccontare la condizione umana, questa volta attraverso un viaggio omerico che serve a forgiare la tenacia e l'umanità dei protagonisti. Dimenticate però Salvate il soldato Ryan, Schindler's list o le serie TV Band of brothers e The Pacific, entrambe prodotte da Spielberg. War Horse non è un film di guerra, nel senso più classico del termine: non c'è crudezza, eccessiva violenza o una netta distinzione tra buoni e cattivi. La storia segue le vicende del cavallo Joey, vero protagonista del film, utilizzando il fondale bellico come scenario grandioso - e sinistramente affascinante - della pellicola.

Il fatto che il protagonista del film sia effettivamente un cavallo si ripercuote anche sullo script, con un numero di dialoghi sotto la media, attori noti (Emily Watson, Peter Mullan, Niels Arestrup) e non (il "co-protagonista" Jeremy Irvine, Celine Buckens) bravi interpreti ma sempre al servizio della trama, sempre un passo dietro l'esaltazione della star equina, alla fine interpretata da 14 cavalli diversi (tra cui il veterano Finder, già al cinema con Seabiscuit) truccati sistematicamente per circa 45 minuti per richiamare i tratti caratteristici di Joey.