Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Test OLED Sony KD65A1

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 22 Settembre 2017 nel canale 4K

“Il "primo" OLED di Sony si distingue dalla nuova ondata di nuovi schermi "organici" con un'estetica a cui è difficile resistere, con un sistema audio innovativo e la promessa di prestazioni video che rasentano l'eccellenza e in alcuni casi potrebbero addirittura a superarla. Sarà tutto vero?”

Visione, conclusioni e pagella


- click per ingrandire -

Nella tranquillità della dark room e dopo alcune sessioni approfondite per la calibrazione con Calman, ho passato alcuni giorni in compagnia dell'A1 collegato al lettore Blu-ray Oppo UDP-203 Multiregion, con alcuni dischi in formato HD e UHD Blu-ray 4K che utilizzo spesso negli eventi video e negli shoot-out: "Sicario", "Lucy", "Sully", "Oblivion", "Passengers", "The Arrival", "Planet Hearth 2", "Namibia" e "La La Land". Ovviamente ho utilizzato anche Netflix con, "Ridicolous 6", "Santa Clarita Diet", "Ozark" e "Death Note". Per l'analisi delle immagini in movimento ho usato alcune clip di partite di calcio a risoluzione 4K e con frequenza di quadro 50p e 60p che purtroppo non sono in distribuzione e che provengono direttamente da un paio produzioni televisive a cui ho partecipato. Tutti i miei commenti si riferiscono con il TV impostato nelle migliori condizioni, quindi dopo la calibrazione.

Per la visione di materiale REC BT.709 ho impostato la luminanza a 120 NIT, il bilanciamento del bianco secondo il riferimento D65 e il gamma NON secondo le specifiche 1886 bensì con valore lineare a circa 2,35. In queste condizioni, avvicinando la poltrona in modo che i miei occhi fossero a circa un metro e mezzo dal centro dello schermo, la qualità d'immagine del nuovo Sony A1 mi ha riempito di gioia, sotto ogni aspetto. Quello che mi ha entusiasmato più di ogni altra cosa è la capacità di riprodurre le sfumature vicinissime al livello del nero, senza rumore e con saturazioni sconosciute alla tecnologia LCD "classica". Un'altra qualità è la stabilità del bilanciamento del bianco a qualsiasi livello di luminosità delle immagini, cosa che non è poi così scontata per la giovane tecnologia OLED. Si tratta - senza mezzi termini - della migliore qualità d'immagine in alta definizione che mi sia mai capitato di osservare in un TV commerciale, addirittura superiore rispetto ad alcuni monitor broadcast con tecnologia LCD.

Il confronto con il TV LG 55B6V, perfettamente tarato, è decisamente a vantaggio di Sony. Non soltanto per la precisione sulle basse luci e l'assenza di "rumore" o "dither" sui primissimi gradini di luminosità ma soprattutto per la gestione delle immagini in movimento. Con materiale 24p visualizzato a frequenza nativa non c'è alcuna differenza apprezzabile. Attivando l'interpolazione dei fotogrammi la differenze balzano subito agli occhi, specie per il dettaglio e l'evidenza di artefatti. In più col Sony A1 si riesce a trovare un buon compromesso tra aumento di dettaglio delle immagini in movimento e "invadenza" dell'effetto "soap-opera". Anche con immagini televisive a scansione interlacciata (1080i) da satellite e digitale terrestre, il Sony si comporta egregiamente, segno di un DSP di qualità utilizzato per il de-interlacciamento. Con materiale a risoluzione SD invece, specialmente a basso bitrate, i miracoli ancora non sono arrivati.

Con materiale in HDR10, riprodotto sia da Netflix che con Oppo 203 ed un nutrito parco titoli, il divertimento aumenta in maniera esponenziale. I limiti di potenza verificati alle misure (il traguardo dei 1.000 NIT è ancora molto lontano) sono molto difficili da evidenziare, anche con materiale molto luminoso, segno di un tone-mapping scelto con cura, specialmente nella parte più alta della gamma dinamica. Se devo trovare un difetto alle curve di compressione dinamica scelte da Sony, probabilmente avrei risparmiato un po' di potenza tra i 100 NIT e i 500 NIT, per sparare le "ultime cartucce" più in alto; è comunque molto difficile mettere in crisi il TV e ci si riesce soltanto con alcune sequenze scelte con "cattiveria": con quelle più luminose da "The Arrival", "Namibia" e "Lucy" in realtà il gioco è semplice ma attualmente non esiste OLED che riesca a superare il "test" come un Tv LCD come lo ZD9 della stessa Sony. Sempre in HDR, l'eccellenza è in parte compromessa da alcune imprecisioni nella riproduzione dei colori, evidenti soprattutto in alcune scene di La La Land, anche queste molto luminose, soprattutto nel rosso e nel magenta. D'altra parte, se il nuovo A1 riuscisse anche in questa impresa, non sarebbe più un TV ma un monitor professionale per color correction. E non è ciò che si chiede a questo prodotto.

Con un TV del genere, così bello da osservare anche quando è spento, diventa difficile resistere alla tentazione di sperticarsi in lodi esagerate quando si arriva alle conclusioni. Cercherò di resistere, senza mancare di sottolineare prestazioni con materiale in alta definizione che in alcuni aspetti superano l'eccellenza e sono più simili a quelli di un monitor da post-produzione che di un TV da tenere a casa. Anche l'audio funziona egregiamente, con una riproduzione dell'immagine stereofonica sconosciuta praticamente a tutti i TV, anche a quelli dotati di "soundbar" al di sotto della cornice inferiore... In questo caso, per avere una gamma bassa ben presente, basterà avvicinare il TV ad una parete posteriore e modulare la risposta in frequenza con i controlli audio presenti nel menu utente, il tutto senza esagerare con il volume poiché gli altoparlanti sono comunque piccini. Con materiale HDR le prestazioni sono "soltanto" ottime ma l'eccellenza non è poi così lontana: non dico di introdurre l'autocalibrazione, ma se almeno arrivasse con un aggiornamento firmware la possibilità di calibrare i colori con un CMS, l'eccellenza sarebbe ancora più vicina. 

La pagella secondo Emidio Frattaroli: voto finale 8,4

Costruzione 9,0
Versatilità 9,0
Menu e taratura 8,0
Prestazioni in SDR 9,0
Prestazioni in HDR 8,0
Rapporto Q/P 7,5

Per maggiori informazioni sul Sony Bravia KD-55XD9005: www.sony.it/electronics/televisori/XE9005-Series

 

 

 

Articoli correlati

Test Sony KD-55XE9005 HDR 4K

Test Sony KD-55XE9005 HDR 4K

La nuova serie XE90 di Sony, composta da quattro modelli con diagonale compresa tra 49" e 75", propone un paio di caratteristiche di sicuro interesse, come la tecnologia di retro-illuminazione "diretta" con local dimming e la presenza di una sezione DSP utilizzata nei TV di fascia più elevata del costruttore giapponese...
Test: Sony Bravia KD-65XD9305

Test: Sony Bravia KD-65XD9305

Il Sony Bravia XD93 è il primo TV 4K compatibile HDR che viene sottoposto alle "nuove" misure video sui cui abbiamo lavorato negli ultimi 12 mesi, per verificare la corrispondenza con le specifiche SMPTE 2084 e per fare anche un po' di chiarezza su alcuni temi molto caldi con l'arrivo dei formati UHD



Commenti (79)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Ryusei pubblicato il 23 Settembre 2017, 11:17
Come sempre recensione esemplare e molto curata nei dettagli, con spiegazioni chiare anche per un profano di calibrazione come me!
Oltre ai dovuti complimenti però la domanda sorge spontanea: prevedi di fare altrettanto con un oled Panasonic? Sono certo che la cosa interessi molti...
Commento # 2 di: f_carone pubblicato il 23 Settembre 2017, 12:14
Ottima recensione, Emidio.
Leggendo i tuoi test si impara sempre qualcosa.
Grazie.
Commento # 3 di: Pepstain pubblicato il 23 Settembre 2017, 12:27
Mi chiedo perché mai confrontarlo con un LG B6V, sarebbe da confrontarlo con un Oled con pannello del 2017.
In ogni caso ho colto un po' troppi toni entusiastici nella recensione. Dubito, malgrado la superiorità dell'elettronica, che le differenze siano tali da giustificare 2000 euro di differenza rispetto ad B7 o C7 di pari dimensione.
Poi naturalmente ogn'uno è padrone di spendere i propri soldi come meglio crede.
Commento # 4 di: Ryusei pubblicato il 23 Settembre 2017, 15:11
Originariamente inviato da: Pepstain;4766312
Mi chiedo perché mai confrontarlo con un LG B6V, sarebbe da confrontarlo con un Oled con pannello del 2017.
In ogni caso ho colto un po' troppi toni entusiastici nella recensione. Dubito, malgrado la superiorità dell'elettronica, che le differenze siano tali da giustificare 2000 euro di differenza rispetto ad B7 o C7 di pari dimensione.
Poi natural..........[CUT]


Se i tuoi occhi sono attenti e abituati a certe finezze e dettagli e a un certo tipo di resa e sai cosa cerchi la maggiore spesa si può giustificare, anche quando comprai il mio kuro c'erano altre TV da 50 che costavano molto meno, ma la storia non L hanno fatta loro
Oggi casomai c'è da valutare il paragone con Panasonic che nella serie 950 costa meno di Sony ma per certi aspetti penso potrebbe anche risultare migliore, per quello auspico che Emidio faccia una recensione/comparazione!
Commento # 5 di: salamandre40 pubblicato il 23 Settembre 2017, 16:52
Molto interessante la parte sull'intervento dell'ABL. Il grafico è semplice e aiuta a capire quello che succede.
Sarebbe bello fare un paragone sullo stesso grafico con il B6, visto che siamo tanti ad averlo comprato l'anno scorso.

Emidio perché hai scelto di usare un gamma 2.35 e non il BT?
Commento # 6 di: g_andrini pubblicato il 24 Settembre 2017, 00:32
150 Watt di consumo medio sono un eccellente valore per un 65 pollici, un po' meno i 500 Watt di picco, forse causati anche dal HDR.
Commento # 7 di: ZioMartinLoganHT pubblicato il 24 Settembre 2017, 10:42
Prova molto interessante....
Lo avevo visto 2 volte e mi aveva colpito molto l' A1
Commento # 8 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 24 Settembre 2017, 11:13
Originariamente inviato da: salamandre40;4766391
... Sarebbe bello fare un paragone sullo stesso grafico con il B6?
Si, è in programma, come per tutti gli altri OLED già misurati e in via di misurazione...

Originariamente inviato da: salamandre40;4766391
... perché hai scelto di usare un gamma 2.35 e non il BT?
Perché prima di tutto è una cosa possibile per questo TV, senza controindicazioni. E poi perché il risultato secondo me è migliore, a patto di essere al buio.
Commento # 9 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 24 Settembre 2017, 11:17
Originariamente inviato da: Ryusei;4766289
... prevedi di fare altrettanto con un oled Panasonic? Sono certo che la cosa interessi molti...
Assolutamente si. Ho uno Z1000 qui da un po' e sto terminando proprio in queste ore. Anzi: devo sbrigarmi poiché il TV ripartirà domattina
Commento # 10 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 24 Settembre 2017, 11:25
Originariamente inviato da: Pepstain;4766312
Mi chiedo perché mai confrontarlo con un LG B6V, sarebbe da confrontarlo con un Oled con pannello del 2017......[CUT]
Ho un LG 55B6V a disposizione permanente: l'abbiamo comprato in occasione del Black Friday lo scorso anno ad una cifra imbarazzante. Per questo l'ho usato e continuerò ad usarlo come riferimento. Nei prossimi giorni troverai recensioni di altri OLED, alcuni gen 2017. Devi solo avere pazienza.



Originariamente inviato da: Pepstain;4766312
...ho colto un po' troppi toni entusiastici nella recensione. Dubito, malgrado la superiorità dell'elettronica, che le differenze siano tali da giustificare 2000 euro di differenza rispetto ad B7 o C7 di pari dimensione....[CUT]
Nel rapporto qualità prezzo del Sony A1 - perché di questo tu stai parlando - non mi sembra di essere stato particolarmenteentusiasta. Ed è possibile che un B7 o C7 (o meglio un Panasonic 950) ottengano un punteggio superiore. Vedremo.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »