Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Cuffie true wireless Google Pixel Buds 2

di Riccardo Riondino, pubblicata il 30 Marzo 2020, alle 13:20 nel canale DIFFUSORI

“Annunciate per il secondo trimestre 2020, le nuove cuffie intraurali di Google avranno un portata fino a 100 m all'aperto, durata in ascolto fino a 24 ore, accelerometro vocale e modalità Adaptive Sound”


- click per ingrandire -

Google ha annunciato ad ottobre l'arrivo delle nuove cuffie wireless Pixel Buds 2,  la cui presentazione era in programma per l'annuale I/O, poi cancellato per l'emergenza Covid-19. La data di lancio resta comunque la primavera 2020, come conferma la recente registrazione del presso la FCC (Federal Communications Commission) come "Google LLC Wireless Earphone". Le Pixel Buds 2 promettono miglioramenti rispetto alla prima generazione in ogni aspetto, partendo dalla tipologia "true wireless" eliminando il cavo di collegamento tra gli auricolari.


- click per ingrandire -

La durata delle batterie in riproduzione è di cinque ore, espandibile fino a 24 ore tramite la custodia di ricarica. Dispongono di nuovi driver da 12 mm e modalità Adaptive Sound per regolare il volume in base al rumore in ambiente. La superficie degli auricolari sensibile al tocco permette di regolare l'audio e avviare/mettere in pausa la riproduzione. Non manca il supporto Google Assistant, mentre la connessione Bluetooth ha una portata di 100 m all'aperto e fino a tre stanze al chiuso.


- click per ingrandire -

Per assicurare chiamate nitide è previsto un microfono su ogni auricolare con tecnologia beamformig, nonchè un accelerometro vocale capace di compensare le vibrazioni della mascella. Gli auricolari sono immuni all'acqua e al sudore, lasciando un certo spazio libero nel condotto uditivo per preservare la percezione dell'ambiente circostante. Il prezzo delle Google Pixel Buds 2 dovrebbe essere di 179 US $, mentre i colori disponibili saranno quattro: Oh So Orange, Clearly White, Quite Mint e Almost Black.

Fonte: What Hi-Fi



Commenti