Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Diabolik non è il film che le Giussani meritano. E neanche noi.

di Fabrizio Guerrieri, pubblicata il 17 Dicembre 2021, alle 06:55 nel canale CINEMA

Le attese per la pellicola con Luca Marinelli, Miriam Leone e Valerio Mastrandrea erano molto alte, specialmente per l’alone di mistero da cui era circondata. Ma la realizzazione non rende alcun merito all’opera delle sorelle Giussani, autrici del fumetto.


- click per ingrandire -

C’è una moltitudine di interrogativi che accompagna l’uscita di Diabolik, ottavo film di Marco e Antonio Manetti, in arte Manetti Bros., il cui lancio ha mantenuto un alone di mistero attorno alla storia fino all’ultimo, con trailer che mostravano poco o nulla, soprattutto tenendo conto del fatto che avrebbe dovuto uscire un anno fa e nel frattempo niente di consistente è trapelato. Il risultato è all’opposto totale delle aspettative, in questo modo aumentate vertiginosamente. Fin dalla prima scena si percepisce un senso di inverosimile, di inaccurato, quasi di ridicolo. Ma proseguendo nella visione (coraggiosamente e speranzosi), le cose purtroppo peggiorano. Didascalico, ridondante, piatto, forzato, noioso, sciatto. Non ci sono altri aggettivi per definire ciò che viene mostrato. I diversi pregi presenti, come le potenzialità recitative dell’istrionismo di Luca Marinelli e l’eleganza vocale ed estetica di Miriam Leone, vengono schiacciati dal peso di una sceneggiatura inconsistente che li rende eccessivamente freddi e scostanti, una messa in scena approssimativa con errori plateali (come i poliziotti che incrociano il viceministro e lui solo girando appena la faccia non viene riconosciuto) e un montaggio che sembra non conoscere alcun ritmo, in un genere in cui è fondamentale saperlo dosare al millilitro. Adattare un’opera disegnata in forma di immagini in movimento non è certo uno scherzo. Le atmosfere tipiche degli anni ’60 sono riportate fedelmente solo esteriormente (scenografie, costumi, acconciature), ma la narrazione è ondivaga. La collocazione narrativa non è chiara, non sa se restare ancorata a uno stile classico o tentare la strada dell’aggiornamento linguistico, cosa quest’ultima peraltro necessaria affinché la storia possa essere goduta a dovere ai giorni nostri. Per ciò che riguarda la parte auditiva, la scelta di utilizzare una colonna sonora moderna piuttosto che citare miti del passato che ben si sarebbero collocati in un plot volutamente anticato è poco incisiva. I piacevoli brani di Manuel Agnelli mal si coniugano alla narrazione non perché non potessero starci ma perché il modo in cui vengono rappresentati Diabolik ed Eva Kant sono lontani da quei messaggi. Il protagonista non conquista lo spettatore, al contrario lo allontana, non crea alcuna empatia, viene quasi da fare il tifo per l’ispettore Ginko di Valerio Mastandrea, vero eroe della pellicola. Il che è un vero e proprio paradosso. Si potrebbe anche parlare di bianco e nero, ma sarebbe davvero stato utile in termini di impatto visivo? Probabilmente no. Ma quello che si vedeva nei vari spot (più che trailer) dava l’impressione che gli autori si fossero quantomeno ispirati a quel modo di raccontare. Si veda come esempio il teaser qui sotto.

Un’occasione mancata? A dir poco. Quel che è peggio è che sono previsti due seguiti e le riprese del primo sono partite già lo scorso ottobre. Diabolik meriterebbe una serie tv di qualità di almeno cinque stagioni per rappresentare anche se parzialmente ma significativamente i quasi mille numeri del fumetto. Il trailer qui sotto è il tentativo di Sky di portare sullo schermo il Re del Terrore e il video ha se non altro un fascino e uno spessore ben maggiori di quelli della pellicola. Ma la cosa migliore è che si tratta di un trailer di ben nove anni fa, pensiamo a cosa si potrebbe fare oggi.



Commenti (4)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: giannia pubblicato il 17 Dicembre 2021, 10:51
mi riempie di tristezza leggere che il film fa schifo. me l’ero segnato come film da vedere. Con un ottimo attore come Marinelli poi.
Credo anche io che meriterebbe una serie tv, anche animata non sarebbe male. E dato che ci siamo al bouque aggiungerei anche Martin Mystere e Nathan Never…
Le autrici, non so se la cosa fu voluta o meno, furono delle pioniere della libertà di espressione e pensiero in Italia per quei tempu. Tra l’altrio, ebbero proprio diverse noie legali per la pubblicazione di Diabolik. Non so se negli anni 60 o 70, un numero fu addirittura sequestrato a livello nazionale, e solo perchè si vedeva Eva Kant andare a letto con Diabolik ed i due risultavano non essete sposati….
Anche le storie ed i temi delle colonne sonore dovrebbero essere contestualizzate a quei particolari periodi, a mio avbiso dovrebbe essere un pò vintage cone ambientazione.
Commento # 2 di: Artorias pubblicato il 17 Dicembre 2021, 11:04
non so perché ma le probabilità che fosse una ciofeca erano molto alte.
Il cinema italiano quando si cimenta in certe pellicole molte volte toppa alla grande...
Commento # 3 di: IukiDukemSsj360 pubblicato il 17 Dicembre 2021, 18:43
Sarà meglio recuperare la pellicola di Mario Bava del 1968
Commento # 4 di: ilbeppe pubblicato il 20 Dicembre 2021, 16:05
La maggior parte delle recensioni in rete sono invece abbastanza positive.
Da ragazzino ero un appassionato del fumetto e innamoratissimo di Eva Kant...per cui andrò sicuramente a vederlo.