Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

CES: TV Neo QLED Samsung 12bit nativi

di Emidio Frattaroli, pubblicata il 07 Gennaio 2021, alle 16:44 nel canale 4K

“Tra le caratteristiche esclusive dei nuovi TV LCD con miniLED Samsung, è il supporto alla profondità nativa di 12 bit per componente cromatica, in luogo dei 10 bit classici”


- click per ingrandire -

Durante la conferenza stampa 'First Look 2021' che anticipa l'apertura del CES, Samsung ha annunciato la nuova gamma di TV con tecnologia LCD che vi avevamo già anticipato lo scorso anno in questo articolo, con la descrizione di tutti i tagli e le varie serie, con e senza retroilluminazione con miniLED e Quantum Dots. La novità più interessante arriva dall'adozione della retroilluminazione con miniLED e con l'aumento del numero di zone, già vista con TCL e in particolare nel test del TV X10 - che abbiamo pubblicato a febbraio dello scorso anno - con ben 768 zone indipendenti.


- click per ingrandire -

Al contrario di Sony, che rimane ancorata a vecchie tecnologie di retroilluminazione e all'utilizzo - pare - di un numero molto basso di zone, Samsung passa anch'essa come TCL al miniLED e a migliaia di zone a controllo discreto, con un controllo ancora più preciso del local dimming che permette di avvicinarsi sempre di più alle prestazioni di rapporto di contrasto della tecnologia OLED, senza i limiti di quest'ultima (luminanza insufficiente dei colori più saturi, burn-in, ABL invasivo e compagnia). Vi ricordo che i preziosi monitor Dolby per post-produzione utilizzano da 10 anni lo stesso tipo di soluzione, con 4.500 LED RGB controllati singolarmente su una superficie di 42".


- click per ingrandire -

Ebbene, esattamente come Dolby e grazie ad un controllo così preciso dei punti di retro-illuminazione, è possibile estendere virtualmente anche il numero di sfumature che possono essere riprodotte. Esattamente come Dolby, anche Samsung dichiara il supporto nativo alla profondità di 12 bit per componente. Nei TV attuali i pannelli migliori sono pilotati nativamente a 10 bit per componente. C'è anche da aggiungere che il numero di sfumature viene generalmente aumentato grazie alle tecniche di applicazione del dither (anche modulato nel tempo) sempre più sofisticate.

Del resto, partire nativamente da un supporto nativo ai 12 bit per componente, potrebbe essere un vantaggio importante per ridurre artefatti di 'banding' (alias solarizzazioni, storicamente uno dei punti deboli dei TV Samsung) ed avere molta pù libertà per gestire gamma dinamica e applicazione di LUT più 'estreme', senza artefatti o limitazioni particolari. La speranza è che, assieme al supporto ai 12 bit per componente, Samsung cambi qualcosa anche nei menu di calibrazione immagine, soprattutto nella gestione della calibrazione colore su sei assi, in modo da renderlo più accessibile e funzionale. 

Link specifico ai miniLED nella conferenza stampa (27':28"): youtu.be/7moa0_fH84Y?t=1644

Link specifico ai 12bit nella conferenza stampa (29':10"): youtu.be/7moa0_fH84Y?t=1750

 



Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: xxxxyyyy pubblicato il 08 Gennaio 2021, 17:21
Oh, finalmente. L'ultimo tassello.
Adesso speriamo cambiano idea sui supporti fisici per l'8K...