Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

La fantastica Signora Maisel | stagione 4

Recensione di Fabrizio Guerrieri , pubblicato il 12 Aprile 2022 nel canale CINEMA

“La recensione | Il quarto capitolo di una delle serie migliori su Amazon Prime Video torna dopo la pandemia con una storia che sembra parallela alla nostra ripartenza, con un inizio apparentemente debole, che pian piano porta a un acme che anche da solo vale il prezzo del biglietto”


- click per ingrandire -

L’interruzione del tour con Shy Baldwin ha inferto a Midge due duri colpi. Il primo professionale che la pone di nuovo alla ricerca di un trampolino per farsi notare ad alti livelli, insieme all’onta subìta che rimbalza su vari giornali. Il secondo economico che, oltre a minare la sua indipendenza, la mette in estrema difficoltà di fronte all’acquisto della sua vecchia casa che fino a pochi giorni prima era in grado di onorare con assoluta certezza. Nel frattempo la sua manager Susie trova una bellissima sede per la sua attività ma è tallonata dalla ex comica di successo Sophie Lennon che con la caparbietà (e la follia) della diva consumata fa di tutto per farla tornare a gestire la sua carriera. La madre Rose che porta avanti più che dignitosamente il suo impiego di Tinder ante litteram, quello cioè di creare delle coppie per eventuali matrimoni, viene raggiunta dalla quasi mafiosa concorrenza di varie donne che si sono spartite la città da lungo tempo. L’ex marito Joel è alle prese col problema di far conoscere la nuova compagna Mei alla sua famiglia non sapendo se il fatto che sia cinese e non segua la dottrina ebraica possa andar loro giù. Intanto, per far ripartire la sua carriera Midge decide di proporsi in uno strip club abusivo come presentatrice e comica tra un numero e l’altro. Fin quando non riappare Lenny che vorrebbe per lei bel altri palcoscenici, cosa che si scontra con la ferrea volontà di lei a restare libera di esprimere sé stessa, col suo modo a volte caustico, ma sempre genuino ed efficace.


- click per ingrandire -

Torna con questo quarto capitolo la serie creata da Amy Sherman-Palladino il cui primo episodio del 2017 è stato tra i più elogiati nella storia. E il prosieguo non è stato da meno. I tempi comici fantastici (non solo della protagonista), le battute serrate nello stile dell’epoca, il ritmo sostenuto, la cinica comicità ebraica, le mise ton sur ton della protagonista su cui spiccano i deliziosi cappellini su una donna che di frivolo ha ben poco, perché tutto ciò che potrebbe esserlo, su di lei assume il valore di un complemento a un carattere esuberante, colorito, deciso e multicolore. Ogni elemento concorre perfettamente alla riuscita di una serie che colpisce, emoziona, diverte e coinvolge.


- click per ingrandire -

La nuova stagione, molto attesa dopo i ritardi dovuti alla pandemia, risente di un inizio alquanto debole: il ritorno a casa con la coda tra le gambe in cui Midge è costretta a rapportarsi con un quotidiano difficile. Eppure ogni sua mossa è fondamentale sia per risolvere i problemi derivanti dal nuovo status economico, ma anche per tenerla impegnata e non farla finire per piangersi addosso. E questa risalita non è evidentemente immediata, cosa che frustra sia lei che lo spettatore, abituato a vederla in difficoltà ma sempre alla ricerca di una soluzione il più rapida ed efficace possibile. Dalla metà degli episodi però la situazione migliora e gli accadimenti tornano a impreziosire il racconto. Il monologo di Susie al funerale del suo amico, per esempio, è da antologia per la rabbia e la schiettezza che trasudano e colpiscono allo stomaco. Pian piano, il nuovo impiego presso lo strip club pone di nuovo Midge nella duplice posizione di soggetto dominante rispetto al suo impreparato e pressappochista datore di lavoro, e al contempo divertente per i modi in cui riesce a ribaltare qualsiasi situazione non solo a proprio vantaggio ma in favore di un miglioramento generale. Inoltre, le scenografie e i dietro le quinte del club sono talmente curati da far venire in mente i film con Jerry Lewis e Dean Martin. In tutto questo, l’intero cast di comprimari svolge un lavoro egregio, tra cui spiccano (oltre a quello della succitata Alex Borstein che interpreta Susie) quelli di Tony Shalhoub e Kevin Pollak, che interpretano rispettivamente Abe, padre di Midge e Moishe, padre di Joel. La loro indolenza che fa da punto di riferimento per entrambi i figli è assolutamente deliziosa. Infine viene introdotto un nuovo personaggio, il mago Alfie, che Susie decide di rappresentare nonostante la sua avversione per il genere, che non è un semplice illusionista ma è in grado di mostrare mondi alternativi alle persone. Un elemento che ha del fantastico e che si spera possa trovare ancora più spazio nelle prossime stagioni.


- click per ingrandire -

– Ho creato un drink. È rosa e frizzante. Gli dai fuoco ed è pazzesco. L’ho chiamato “Un tempo ero un uomo”.
– Stai diventando melodrammatico.

Oltre che all’ottima conduzione della showrunner Palladino, gran parte del merito per la riuscita della serie va ovviamente alla protagonista Rachel Brosnahan. La prostituta Rachel (omonima), amante del capo di gabinetto del presidente degli Stati Uniti in House of Cards, sensuale, bellissima, in grado di condannare qualsiasi uomo alla dannazione, sembrava non poter far altro sullo schermo che sedurre e togliersi i vestiti di dosso. Cosa che peraltro fa proprio nel pilot di questa serie, durante la sua prima performance. Come a dire “Vi ricordate di me? Be’, ora vedrete anche altro!”. E infatti poi c’è ben altro.


- click per ingrandire -

Midge e la sua storia hanno la capacità di porre serenità in guerre eterne come quella tra i sessi, o le religioni, fino ad arrivare addirittura alle questioni internazionali. Lei vive i problemi quotidiani di tutti ma quando li mette in scena prendono una forma diversa perché anche il fatto più drammatico, messo in burla, diventa leggero. Il fatto che nella serie (e in particolare in questa stagione) lei e Lenny Bruce (comico realmente esistito, fondamentale per lo sviluppo della stand-up comedy, che fu di ispirazione per tutte le generazioni future) siano amici e nonostante il successo di lui, risultino pari grado, crea una sensazione simile a quella che si provava guardando Forrest Gump che da personaggio normale e di fantasia si inseriva nelle vite e negli accadimenti che hanno fatto la storia. Nella professione di stand-up comedian Midge fa le stesse cose di Lenny ma con l’aura opposta: lui rappresenta un po’ il Diavolo tentatore, lei l’Angelo Salvatore. Come se la sua presenza nella vita di Bruce, in una realtà parallela intervenisse per sottrarlo a quel destino infausto che lo cancellò dal mondo a soli 40 anni.


- click per ingrandire -

Perché guardare la quarta stagione di La fantastica Signora Maisel?
Sebbene con un inizio meno dinamico del solito, anche questo quarto capitolo una volta raggiunto l’acme ripaga di qualsiasi momento precedente solo all’apparenza poco brillante, in realtà funzionale e caratterizzante. La ripartenza della protagonista è parallela a quella della vita post pandemia. Con il rischio perennemente dietro l’angolo di abituarsi a tutte le derive negative, combattuto strenuamente e con spirito positivo e rinnovato. La sontuosa messa in scena, l’ottimo cast, i dialoghi e i monologhi notevolmente brillanti, accanto alle esistenze canoniche dei personaggi creano un feeling raro con gli spettatori. E il rapporto della Signora Maisel con Lenny Bruce, che stavolta compie un’ulteriore evoluzione, vale almeno la metà del prezzo dell’abbonamento alla piattaforma streaming che a questa e a poche altre serie deve gran parte della sua fortuna.


- click per ingrandire -

VALUTAZIONI

dal trailer all’intera serie
Aspettativa 8,5 Potenziale 9

soglia d’attenzione
Scorrevolezza MEDIA Impegno MEDIO/ALTO

visione
Intrattenimento 8 Senso 8,5 Qualità 7,5
Giudizio Complessivo 8

La fantastica Signora Maisel | stagione 4 (The marvelous Mrs. Maisel)
commedia, drammatico | USA | 18 feb - 11 mar 2022 | 8 ep / 57 min | Amazon Prime Video

ideatrice Amy Sherman-Palladino

personaggi interpreti

Miriam "Midge" Maisel Rachel Brosnahan
Susie Myerson Alex Borstein
Lenny Bruce Luke Kirby
Joel Maisel Michael Zegen
Mei Lin Stephanie Hsu
Abraham "Abe" Weissman Tony Shalhoub
Rose Weissman Marin Hinkle
Moishe Maisel Kevin Pollak
Shirley Maisel Caroline Aaron
Sophie Lennon Jane Lynch
Shy Baldwin Leroy McClain
Alfie Gideon Glick
Boise Santino Fontana

critica IMDb 8,3 /10 | Rotten Tomatoes critica 7,5 /10 utenti 3,7 /5 | Metacritic critica 65 /100 utenti nd

aspect ratio 1,78 : 1

 

Articoli correlati

Upload | stagione 2 | la recensione

Upload | stagione 2 | la recensione

Il secondo capitolo della serie Amazon in cui la coscienza può essere spostata in una realtà virtuale, è interessante per l’introduzione del movimento luddista e di una ulteriore visione di un possibile futuro. Peccato per le aspettative generate nella prima stagione non del tutto soddisfatte.
Guida astrologica per cuori infranti, stagione 2

Guida astrologica per cuori infranti, stagione 2

La recensione | La seconda parte della commedia Netflix che attraversa il mondo dello zodiaco, conclude piacevolmente una serie leggera ma non inconsistente, che stavolta si tinge di toni più maturi e centrati, specialmente grazie alla divertente e brillante protagonista Claudia Gusmano
Frammenti di lei | stagione 1 | la recensione

Frammenti di lei | stagione 1 | la recensione

La buona costruzione narrativa da giallo misto a dramma familiare, fa della serie Netflix tratta dal bestseller del New York Times, un buon prodotto seriale che sul finale risente purtroppo di qualche evitabile sbavatura che ne intacca il forte potenziale
Fedeltà | stagione 1 | la recensione

Fedeltà | stagione 1 | la recensione

La serie tratta dal premiato romanzo di Marco Missiroli si muove nei sentimenti dei personaggi, indagando le loro motivazioni profonde, e sui loro corpi, non lesinando sulle scene forti che rendono il racconto morbosamente interessante ma con un esito complessivo da non trascurare
Inventing Anna | la recensione della miniserie

Inventing Anna | la recensione della miniserie

Il biopic di Netflix sulla truffatrice Anna Sorokin, in arte Delvey, è costruito in modo amorale e confuso, come se il suo solo scopo fosse quello di indagare sullo sfarzo e il glam dietro ai crimini commessi, piuttosto che raccontare di un’accurata e complessa inchiesta giornalistica
Non siamo più vivi | stagione 1 | la recensione

Non siamo più vivi | stagione 1 | la recensione

La serie Netflix sul virus che si diffonde in una scuola trasformando tutti in zombie funziona bene, non per il tema già ampliamente sperimentato, quanto per il parallelo con la pandemia reale e per l’efficacia di una storia che appare imprevedibile, spontanea ed enormemente crudele



Commenti (2)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: marklevi pubblicato il 12 Aprile 2022, 12:59
sempre tra le più belle e ben fatte del panorama attuale
Commento # 2 di: the_real_redeagle pubblicato il 12 Aprile 2022, 16:00
Assolutamente la mia serie preferita fra quelle in corso.