Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Un super polarizzatore per proiettori LCD

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 17 Luglio 2012, alle 10:28 nel canale Videoproiezione

“I ricercatori dell'Università della North Carolina, in collaborazione con ImagineOptix Corporation, hanno sviluppato un nuovo filtro polarizzatore che assicura il 90% di efficienza, che si tradurrà in proiettori LCD più luminosi, parchi nei consumi, piccoli ed economici”

Per poter funzionare, la sorgente luminosa (lampada tradizionale o LED) di un videoproiettore LCD deve essere polarizzata da un filtro polarizzatore prima di raggiungere i pannelli stessi. Ad oggi l'efficienza dei filtri polarizzatori trattiene circa il 50% della potenza luminosa originale, con ripercussioni sulle prestazioni luminose finali di un videoproiettore, nonché sulla sua efficienza energetica (la luce "persa" va comunque raffreddata, con tanto di ventole e ingombro per gestire al meglio la dissipazione del calore).

Alcuni ricercatori dell'Università della North Carolina, in collaborazione con ImagineOptix, sono riusciti a sviluppare un nuovo filtro polarizzatore PGPCS - Polarization Grating-Polarization Conversion System - dotato di un'efficienza pari al 90%. Grazie alla nuova tecnologia, potremo vedere in futuro proiettori LCD molto più prestazionali a parità di potenza luminosa oppure con pari prestazioni, ma decisamente più parchi nei consumi, grazie alla possibilità di usare sorgenti luminose meno potenti e quindi con positive ripercussioni su sistemi di raffreddamento, nonché ingombri complessivi dello châssis.

Il tutto potrà anche avere ripercussioni sul mondo della videoproiezione in mobilità, grazie allo sviluppo di soluzioni di pico-proiezione decisamente più compatte e con durata delle batterie quasi raddoppiata (a parità di luminosità attuale). ImageOptix (che ha finanziato la ricerca) punta, infatti, ha sviluppare engine di videoproiezione dedicati principalmente a smartphone, tablet e dispositivi mobili.

Per maggiori informazioni: comunicato stampa (in inglese)

Fonte: NC State University



Commenti (4)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: surviden pubblicato il 17 Luglio 2012, 10:59
Commento # 2 di: acris pubblicato il 17 Luglio 2012, 11:58
Ma per i DLP ci sono delle perdite paragonabili?
Commento # 3 di: hi_speed pubblicato il 18 Luglio 2012, 14:18
spettacolo !
Commento # 4 di: simontech pubblicato il 19 Luglio 2012, 16:15
l'idea di avere sempre minore ingombro mi sembra molto positiva!!