Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Loewe sposterà la produzione in Cina?

di Nicola Zucchini Buriani, pubblicata il 23 Luglio 2013, all 12:00 nel canale DISPLAY

“Il produttore tedesco starebbe sondando il terreno alla ricerca di un partner cinese a cui affidare la produzione delle proprie TV, per concentrarsi su aspetti quali il design, l'integrazione e le capacità multimediali”

Delle condizioni economiche di Loewe abbiamo parlato recentemente (vedi news): il produttore tedesco, a fronte delle scarse vendite e della situazione dei propri conti, ha chiesto ed ottenuto la procedura di protezione dai creditori, che verrà utilizzata per ottenere il tempo necessario ad eseguire una ristrutturazione della compagnia (i tempi sono stretti: la procedura consente di guadagnare solo 3 mesi). Loewe assembla e produce i propri TV in Germania ed è proprio questo uno dei principali problemi al momento, a causa degli elevati costi di mandopera. La soluzione potrebbe arrivare da una delocalizzazione delle produzione, con i dirigenti tedeschi che starebbero in questo ore in contatto con produttori di TV cinesi. Matthias Harsch, CEO di Loewe, ha dichiarato alla testata Der Spiegel: ”Non siamo più un produttore di elettrodomestici ed è quello che sto cercando di far capire alla compagnia”.

Loewe avrebbe preso contatti con TCL, Sichuan Changhong, Skyworth e HiSense, marchi in forte crescita nel mercato mondiale. L'obiettivo sarebbe quello di produrre in Cina, concentrando in Germania l'ideazione del design, nonché la progettazione di tutte le funzionalità, dall'integrazione con i sistemi audio a quelle multimediali. Insomma, Loewe potrebbe seguire le orme di Apple che da anni progetta e sviluppa i suoi dispositivi in California, per poi produrli in Cina. 

Fonte: Flatpanels HD



Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: wondermax pubblicato il 23 Luglio 2013, 13:42
anche i grandi marchi tedeschi,corrono il rischio di cadere in mani straniere.
non che sia una critica,ma se anche loro seguiranno l'andazzo dell'italia, addio.
quando sara' che il vecchio continente, difendera' le proprie imprese, ed i propri saperi,ossia chiedo quando sara' che l'europa sia veramente una forza coesa.

de gustibus non disputandum est
Commento # 2 di: Plasm-on pubblicato il 23 Luglio 2013, 14:13
Tra 10 anni l'Europa sarà un deserto industriale, nemmeno una vite saremo piu in grado di fabbricare saremo totalmente dipendenti da persone con gli occhi a mandorla, ovviamente questo creerà una miseria diffusa che sfocerà in sommosse popolari.
Commento # 3 di: bianconiglio pubblicato il 23 Luglio 2013, 16:56
Ue' se ne potrebbe ricavare una sceneggiatura per un film