Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Il Blu-ray assicura ottimi guadagni a DTS

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 18 Novembre 2008, all 15:58 nel canale HT

“DTS ha recentemente svelato i risultati finanziari del terzo trimestre 2008. I profitti sono ottimi e trainati dalla crescente affermazione del formato Blu-ray che consente di aumentare i guadagni sulle royalties dei vari codec audio”

L'utilizzo ormai massiccio delle tecnologie DTS - DTS 5.1/6.1 nelle sue varie declinazioni, DTS HD High Resolution e DTS HD Master Audio - all'interno dei dispositivi compatibili con il formato Blu-ray Disc sta facendo crescere i risultati finanziari dell'azienda californiana fondata nel 1990 da Terry Beard. DTS ha recentemente svelato i risultati finanziari del terzo trimestre 2008, in cui la società ha dichiarato utili pari a 13,9 milioni di dollari, con un incremento del 30% rispetto allo stesso periodo del 2007.

Interessante notare come i guadagni legati al comparto Blu-ray (lettori, sintoamplificatori, processori, encoder) siano aumentati del 67% rispetto a un anno fa e ormai rappresentativi dell'11% dei profitti complessivi dell'azienda.

"L'aumento delle vendite dei lettori Blu-ray da tavolo e dei drive PC ha consentito di aumentare i guadagni, fino a pochi mesi fa quasi esclusivamente legati alle vendite delle console di videogiochi (leggi PS3, n.d.r.)", ha dichiarato Jon Kirchner, Presidente di DTS Inc.

Fonte: DTS



Commenti (8)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: pyoung pubblicato il 18 Novembre 2008, 16:07
Adesso con il recente arrivo di Universal su BD ci guadagneranno pure di piu' visto che Universal è passata dal DD al DTS per le tracce dei doppiaggi
Commento # 2 di: ciocia pubblicato il 18 Novembre 2008, 17:32
Sui dvd a nolo, solo 1 su 10 hanno traccia dts ( oltre al dd )
Per i BR non so, ma leggendo le news di uscite qui su avmagazine, vedo che la traccia italiana e' quasi sempre un semplice 5.1, niente HD ( non so se solo dd o anche dts )
Commento # 3 di: sasadf pubblicato il 18 Novembre 2008, 17:38
A me sembran comunque ancora pochini i film in dts...

Io ne vorrei molti di più!!

Anche se alla fine, la supremazia che vantava nella generazione di audio multicanale compresso, non è nè confermata nè confutata nella musica multicanale HD..

A me basterebbe ci fosse qualche dts Master audio in più.. (e magari magari qualcuno anche in italiano? ).

walk on
sasadf
Commento # 4 di: Ryusei pubblicato il 18 Novembre 2008, 19:39
beh ragazzi credo che per DTS siano risultati ottimi considerando che fare un paragone con Dolby è come Davide contro Golia come dimensioni (correggetemi se sbaglio) perche' la Dolby esiste dagli anni '60 ed ha affrontato storicamente molti piu' aspetti legati all'audio, che logicamente la portano ad essere piu' famosa e diffusa...
Commento # 5 di: aznable-r pubblicato il 18 Novembre 2008, 21:31
beh almeno il BR fà guadagnari 2 spicci a qualcuno
Commento # 6 di: atarix pubblicato il 19 Novembre 2008, 08:51
ma ci rendiamo conto che siamo costretti a ciucciarci audio non all'altezza del video solo per meri interessi economici (hai detto poco!)? Se utilizzassero il pcm non compresso i bd costerebbero meno (non ci sono diritti da pagare) e si sentirebbero infinitamente meglio, ma nessuno fa beneficenza e allora continuiamo a sorbirci le tracce compresse...
Commento # 7 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 19 Novembre 2008, 09:53
Atarix, una traccia (una soltanto) 24/96 in PCM lineare a 5.1 canali costerebbe più di 13 Mbps. Due tracce (un in ITA e l'altra in lingua originale) costerebbero il doppio...

L'utilizzo dei nuovi sistemi lossless (Dolby TrueHD e DTS HD Master Audio) permette di contenere il bitrate fino ad un terzo, econsente di inserire cose molto utili come la normalizzazione del canale dei dialoghi, utili indicazioni per il downmix e molte altre cose.

... siamo costretti a ciucciarci audio non all'altezza del video solo per meri interessi economici
Le major non producono i dischi per beneficienza. Nell'economia dei costi per la produzione dei Blu-ray Disc, il costo per codificare una traccia in uno dei due sistemi (Dolby o DTS) è nettamente inferiore rispetto ad altre voci molto più pesanti.

Il problema principale in questo momento è che i costi per la produzione (authoring e replicazione) e le dimensioni dei singoli mercati regionali (come l'Italia) non consentono di programmare edizioni per le singole nazioni. In pratica vengono fatte poche regionalizzazioni per più paesi europei.

In questo modo, all'interno di un singolo BD devono essere inserite più lingue e non c'è lo spazio necessario per mettere tutte le lingue nei formati di qualità più elevata.

In questo senso, nelle edizioni dei distributori nazionali (Checchi Gori, Eagle, 01 etc.) c'è più probabilità di trovare tracce audio in lingua italiana di elevata qualità.

Emidio

Commento # 8 di: gigiluigipigi pubblicato il 19 Novembre 2008, 10:00
Originariamente inviato da: Emidio Frattaroli
In questo senso, nelle edizioni dei distributori nazionali (Checchi Gori, Eagle, 01 etc.) c'è più probabilità di trovare tracce audio in lingua italiana di elevata qualità.

Emidio


Quoto!
Ultimamente i distributori italiani stanno facendo uscire moltissimi titoli con traccia ita HD(ad esempio oggi Medusa esce con Next e 30 giorni di buio entrambi DTS HD MA)

Ciao,
Gianluigi