Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Google Nexus Q streaming player

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 28 Giugno 2012, alle 09:47 nel canale Sorgenti AV

“Google ha svelato il suo primo dispositivo per la casa, uno streaming player pensato per riprodurre i contenuti multimediali (musica e video) da dispositivi Android e dai servizi cloud di Google. Integra anche l'amplificazione da 25W e un design originale, ma costa forse troppo”

Un sfera nera, con una striscia di LED RGB a delimitarne il perimetro, sensore touch capacitivo per abilitare il "mute", superficie ruotabile per controllare il volume, processore ARM Cortex A9 OMAP 4460 dual-core con GPU SGX540, 1GB di RAM, 16GB di memoria NAND flash, connessioni Ethernet, Wi-Fi, Bluetooth, NFC e micro USB (solo di servizio e supporto), uscite micro HDMI, audio digitale ottica (TOSLink) e stereo analogico RCA, amplificatore integrato in classe D da 25W, il tutto pilotato da sistema operativo Android 4.0 (Ice Cream Sandwich). Tutto questo è il Nexus Q, primo dispositivo di Google pensato per la casa. Sulla carta potrebbe apparire come un dispositivo estremamente interessante, pronto ad assumere il ruolo di media-player in casa, ma in realtà nasconde diversi limiti.

Per come è stato descritto durante la conferenza Google I/O, il Nexus Q si interfaccia solo con i dispositivi Android (e fin qui ci sta), ma non sembra in grado di riprodurre qualsiasi contenuto multimediale presente nel dispositivo stesso (in stile AirPlay per intenderci), ma solo quelli provenienti dalla piattaforma cloud Google Play (musica, film e serie TV e Youtube). Niente foto quindi, musica o video personali caricati sul dispositivo Android, né mirroring del browser, applicazioni e giochi. In compenso tutti i dispositivi Android collegati alla stessa rete del Nexus Q potranno prenderne il controllo, modificarne la playlist (social streaming) e in caso di diversi Nexus Q installati in casa sarà possibile creare facilmente un'installazione multi-room controllata da un unico dispositivo e completamente indipendenti l'uno dall'altro.

Il Nexus Q può essere collegato alla TV, a un sistema Home Theather oppure semplicemente a un paio di diffusori (tra gli accessori sono disponibili anche altoparlanti da scaffale della Triad a 399 dollari). Vedremo se una volta sul mercato (da metà luglio solo negli Stati Uniti) arriveranno applicazioni e funzionalità in grado di aumentarne la versatilità, ma al momento i 299 dollari del prezzo di listino ci sembrano davvero eccessivi, considerandone i limiti e cosa offre la concorrenza (a cominciare dall'Apple TV, senza contare i numerosi streaming player presenti sul mercato). E poi perché sviluppare di fatto un nuovo concetto di prodotto, quando esiste già la piattaforma Google TV? Non sarebbe stato meglio integrare Google TV nel form-factor del Nexus Q, aumentandone così appeal e versatilità?

Di seguito un video di presentazione:



Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Rosario pubblicato il 28 Giugno 2012, 10:42
Praticamente un'Apple TV con amplificatore...