Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Bari Hi-End: conto alla rovescia

di Emidio Frattaroli, pubblicata il 12 Marzo 2013, all 10:55 nel canale DIFFUSORI

“Per il Bari Hi-End, la mostra mercato sul Video e l'Alta Fedeltà che ci sarà a Bari a fine Aprile, è iniziato il conto alla rovescia, ad iniziare da un nuovo sito web che sarà online già dal prossimo lunedì”

Bari, Marzo 2013. Il Bari Hi-End, dopo le ultime edizioni ad Alberobello,  festeggerà la sua ventiduesima edizione con un ritorno all'interno delle mura di Bari, durante l'ultimo week-end di Aprile. Assieme al rientro a Bari, la mostra mercato sul Video e l'Alta Fedeltà ha subito un trasloco anche per quanto riguarda le date. Dalle ultime edizioni programmate a Marzo, ora si è passati a fine Aprile, con più precisione a sabato 27 e domenica 28 Aprile. Lunedì prossimo sarà online anche il nuovo sito web, a questo indirizzo.

In attesa di conoscere l'elenco completo degli espositori e degli eventi musicali e non a corollario della manifestazione, stiamo cercando di organizzare qualcosa di interessante per il nostro pubblico di appassionati. Prima di tutto c'è la voglia di portare anche a Bari lo stesso shoot-out che si concluderà il prossimo 23 Marzo a Roma, che abbiamo battezzato a Bologna lo scorso sabato e con gli stessi prodotti. In questi giorni cercheremo di verificare la fattibilità del progetto, anche - e soprattutto - per quanto riguarda gli spazi a disposizione.

In alternativa, potremmo puntare ancora più in alto, con un confronto tra diffusori da pavimento oppure - dopo aver selezionato un sistema sorgente/diffusori di riferimento - potremmo confrontare qualche amplificatore (classe 100+100W). O ancora, con diffusori e ampli di riferimento, potremmo mettere a confronto delle sorgenti oppure convertitori DA, con musica ad alta risoluzione e rigorosamente stereo. L'alternativa è sul video, con una esposizione di videoproiettori di ultima generazione.

Al di là delle iniziative che riusciremo a realizzare, durante l'ultimo week-end di aprile saremo a disposizione di amici, lettori e iscritti alla community di AV Magazine per confronti, scambi di idee e per ascoltare insieme i sistemi e prodotti che saranno in dimostrazione.

Per maggiori informazioni: www.barihiend.it



Commenti (5)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: luca156a.r pubblicato il 12 Marzo 2013, 13:57
Shoot-out diffusori - sondaggio/proposta shock...ma credo sensata.

Penso alla questione dello shoot out tra diffusori che si sta cercando di fare anche a Bari.
Personalmente, e tanto più se si trattasse di diffusori a pavimento, io sarei disposto anche a contribuire per partecipare. C'era un negozio di Roma che chiedeva 20/30 euro per sessioni di ascolto mirate. E uno si gode i confronti senza nemmeno sentirsi in colpa se poi non compra lì. All'epoca mi sembrò una politica molto intelligente. Sicuramente il giusto approccio alla crisi ed al mercato che è cambiato. A Bologna, Roma e Perugia l'hanno capito da un pezzo.

In questo caso, un siffatto contributo, sarebbe in minimo rimborso per le spese sostenute che, magari, potrebbe rendere realizzabile un progetto altrimenti a rischio.
Cosa sono 20/30 euro rispetto a spendere male 2/3/4000 euro per diffusori che poi non piacciono? Senza contare il valore della conseguente frustrazione. Poi, come è già chiaro dai feedback di Bologna, non si tratta solo di un consiglio per gli acquisti. Ci sono professionisti che tarano e spiegano l'impianto. E' un servizio così prezioso che può far ricredere anche l'italiano medio con la fissa del gratis a tutti i costi.

Tanto più in una fiera dove non c'è lo stesso ritorno diretto nei confronti di uno specifico negoziante come per gli altri shoot out (e quindi meno negozianti pronti ad investire). Ci sta che la fiera sia open per gli ascolti singoli di ogni marca sottostando alla volontà/capacità dei marchi/distributori di far suonare impianti umani o stellari in salette dall'acustica pessima o ottima. Tutto bene. A caval donato, notoriamente, non si guarda in bocca.
Poi ci stà anche un ascolto (ovviamente in stereo) molto professionale in comparativa fra diffusori di pari prezzo, supporto o, meglio, pavimento, taratura e acustica del locale curata. Una cosa rivolta ad audiofili più curiosi del frequentatore medio e che è buono e giusto che contribuiscano per cotanto servizio.
Magari può essere una sana ispirazione ad evolvere per le decine di fiere audio che ormai si organizzano in ogni dove.
Differenziare l'offerta.

Sono sicuro di non essere il solo a pensarla così. Soprattutto qui. Anzi, prego tutti gli utenti che sono d'accordo a segnalarlo.
Commento # 2 di: JENA PLISSKEN pubblicato il 12 Marzo 2013, 14:17
potrebbe essere interessante. Spero in confronti di impianti umani, come già scritto tempo fa, anche in ambito a/v
Commento # 3 di: runner pubblicato il 12 Marzo 2013, 16:04
video

a bari c'è molto spazio per l'audio ma il video non viene quasi considerato per cui sarebbe veramente gradita una bella saletta con i vpr dell'ultima stagione tipo jvc x55, sony vlp hw 50, un bel dlp di pari caratura e poi, magari, anche il sony 1000 con materiale 4k nativo
Commento # 4 di: cinemaniaco pubblicato il 12 Marzo 2013, 19:49
Bari hi-end

Purtroppo io da qualche anno non la seguo più. L'ho vista impoverirsi di anno in anno. Le prime edizioni erano piene di videoproiettori. Comprai il mio CRT dopo averlo visionato li per la prima volta, e probabilmente ho ancora un CRT proprio perchè in zona è difficilissimo vedere qualcosa. Questa è roba che ti vien di aprire il portafoglio solo vedendola in uso.
Comunque non voglio dar colpa a nessuno, con la crisi nera che abbiamo è diventato molto più difficile farci aprire il portafoglio.

p.s. Ho letto adesso che è stata riportata a Bari con degli spazi più ampi. Bene, credo sia già un bel passo avanti. Quel cambio di località aveva dato fastidio praticamente a tutte le persone con cui ne avevo parlato. L'iniziativa per l'ascolto audio è ottima. Speriamo per il video
Commento # 5 di: JENA PLISSKEN pubblicato il 13 Marzo 2013, 08:31
Fare confronti fra iperimpianti audio e/o video è bello, ma il target è infinitesimale e non è neanche il momento storico/economico giusto. Quel genere di iniziativa andava bene eoni fa quando c'era molta cultura a/v di base e tutti volevano un minimo di impianto decente. Oggi manca la cultura e la passione ed a mio avviso andrebbero stimolate partendo dal basso, semplice e non eccessivamente costoso. Bisognerebbe stimolare la gioventù, non i vegliardi che già hanno la passione, magari alimentata più che altro da ricordi dei tempi che furono. Avere un buon impianto audio o a/v non significa per forza spendere decine di migliaia di € ed avere un hangar a sè
Non è semplice.