Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

TV LCD Sony BRAVIA KDL-37W5500

di Gian Luca Di Felice , Emidio Frattaroli , pubblicato il 30 Settembre 2009 nel canale DISPLAY

“Il Sony KDL-37W5500 si propone non soltanto come il miglior compromesso tra chi non si accontenta di un 32" e non ha lo spazio per un 40, ma anche come riferimento per la qualità di riproduzione e per la presenza di algoritmi per la riduzione del motion blur (effetto mosso) e l'aumento della fluidità”

Misure: colori, bilanciamento e uniformità

La riproduzione dei colori del Sony KDL-37W550 è molto buona. Il triangolo di gamut ha il vertice del blu ben esteso, con gli altri primari rosso e verde leggermente meno saturi rispetto al riferimento. Per il verde segnaliamo anche qualche leggero problema di fase, meno evidente di quanto lo spazio colore CIE 1931 lasci intendere. Approfitto infatti per ricordare che lo spazio CIE 1931 non è percettualmente uniforme. In ogni modo, registriamo fortunatamente una buona riproduzione anche dei colori secondari. Ed è un bene poiché non c'è alcuna possibilità di taratura per i parametri di tinta e saturazione. Con il parametro "colore brillante" è possibile variare la proporzione di intensità luminosa tra il bianco e i vari colori: da lasciare assolutamente spento!

Il bilanciamento del bianco della scala dei grigi è incoraggiante solo nella modalità predefinita "caldo 2" anche se alle estremità della scala dei grigi la perfezione sia ancora distante. La taratura è piuttosto agevole anche se non bisogna aver "frettta" di raggiungere la perfezione. Nei due grafici dell'animazione flash potete osservare il disastroso bilanciamento del bianco nella modalità "normale" e quello dopo la taratura in cui permangono ancora piccole imperfezioni sulle basse luci ma senza stravolgimenti sulla curva del gamma.

La preziosa collaborazione di Sony (che ha lasciato il piccolo 37W5500 per parecchio tempo) ci ha permesso di mettere a punto anche la nuova misura di uniformità, limitata per il momento ai 9 punti di misura ANSI e che verrà estesa a breve ai 15 punti (5x3). Gli istogrammi in basso indicano il livello in candele su metro quadrato. La linea in alto indica la differenza in "Delta E" rispetto al riferimento (punto n. 5 al centro dello schermo). Il "Delta E" non dice in che direzione (quindi con che dominante) si muove il bilanciamento del bianco ma è comunque utile poiché ci dice di "quanto" si sposta. Valori entro +/- 3 sono da considerarsi accettabili. Le misurazioni sono acquisite con colorimetro Minolta CS100 ad una distanza pari a due volte la base dello schermo, quindi al netto dell'angolo di visione.