Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Pina 3D

di Dimitri Bosi , pubblicato il 16 Novembre 2011 nel canale CINEMA

“L'accorato film di Wim Wenders dedicato alla sua amica Pina Bausch - e più in generale alla danza - è in programmazione nelle sale italiane su distribuzione Bim. Un'opera in stereoscopia da non perdere”

Presentato all'ultima Berlinale e poi al Festival di Roma, è uscito nelle nostre sale l'ultimo e atteso lavoro di Wim Wenders dedicato a Pina Bausch, la più grande interprete del teatro-danza mondiale scomparsa improvvisamente nell'estate del 2009.

Conoscenti e amici di lunga data, Wenders e la Bausch avevano progettato da tempo un film insieme; finita la fase preparatoria delle riprese, la Bausch è purtroppo venuta a mancare. A quel punto, superato lo sconcerto iniziale, come dichiara lo stesso regista (video), il film viene realizzato, diventando ovviamente altra cosa rispetto al progetto iniziale. E possiamo subito dire che non di omaggio o monumento si tratta, ma di una scoperta accorata ed emozionale del corpo della danza e quindi, in qualche misura, del cinema stesso, che si mette al servizio di corpi e movimenti.

Con una operazione simile (dal punto di vista teorico) a quella realizzata sul suono in Lisbon Story - in quel caso grazie al tramite della musica dei Madredeus - Wenders con grande sensibilità registica recupera alcuni spettacoli chiave del percorso artistico della Bausch (com'era nel progetto iniziale del film) - Cafè Muller, Le sacre du Printemps, Vollmond, Kontakthof - e li riprende facendo uso del punto di vista dello spettatore in platea, quasi a voler restituire, con pudore e rispetto, la loro pienezza rappresentativa, la forza incredibile dei movimenti che la Bausch riusciva ad estrarre dai corpi dei suoi attori.

Senza punti di vista eccessivi o effetti di montaggio, ciò che arriva è solo l'emozione del corpo-danza e allo stesso tempo anche la forza mimetica del cinema, la sua capacità di farsi strumento riproduttivo/rappresentativo, in cui il 3D non è ovviamente trastullo fieristico ma elemento anch'esso al servizio della resa della profondità scenica e quindi del movimento dei corpi nello spazio. Alle riprese degli spettacoli Wenders associa primi piani dei ballerini di cui ascoltiamo in over i pensieri su Pina e le riprese di alcune performance degli stessi realizzati dopo la morte.

Anche qui le scelte di Wenders sono azzeccate: l'idea è di inserire le danze in contesti inediti - nei pressi di un lago, sopra una discarica, nei pressi di crocevia automobilistico, su una metropolitana sospesa - luoghi particolarissimi che interagiscono con il movimento e richiamano la forte matericità del lavoro scenico della Bausch, in un processo quasi di osmosi, che non si traduce mai in sterile omaggio tra il regista e la coreografa scomparsa - la cui immagine viene di rado evocata nel film - se non in brevissimi momenti, a ricordarci che l'importante, dopo tutto, è continuare a danzare (e a riprendere).

Voto finale 8

 

Articoli correlati

Tutti al cinema: Novembre

Tutti al cinema: Novembre

Suggerimenti e calendario completo per le uscite nei cinema italiani nel mese di Novembre. Una rubrica di AV Magazine per essere sempre aggiornati su quello che succede all'interno dei cinema italiani. A voi la scelta!



Commenti (2)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Jijital pubblicato il 18 Novembre 2011, 11:30
Interessante! Molto particolare e intrigante: lo vedrò.
Grazie per la bella e accurata recensione, AVM!
Commento # 2 di: Baphomet pubblicato il 19 Novembre 2011, 22:08
Lo avrei visto molto volentieri, ma già all'uscita c'era una sola sala a Roma che lo proiettava in 3D!...