Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Viva Zapatero!

di Alessio Tambone , pubblicato il 03 Ottobre 2005 nel canale CINEMA

“Grazie alla Lucky Red arriva nelle sale italiane il documentario di Sabina Guzzanti sulla libertà di informazione in Italia. Interviste, satira europea e stralci di giornali, il tutto per raccontare l'imbavagliamento dell'informazione e del programma RaiOT”

La scheda del film

Titolo: Viva Zapatero!
Data di uscita: 16/09/2005
Durata: 80'
Paese: Italia
Audio: Dolby Digital
Genere: Documentario, satira
Produzione: Studio Uno, Secol Superbo e Sciocco Produzioni
Distribuzione: Lucky Red
Regia: Sabina Guzzanti
Attori (se stessi): Sabina Guzzanti, Rory Bremner, Daniele Luttazzi, Michele Santoro, Enzo Biagi, Fabrizio Morri, Valerio Terenzio, Andrea Salerno, Lucia Annunziata, Beppe Giulietti, Claudio Petruccioli, Dario Fo, Flavio Cattaneo, Furio Colombo, Ferruccio de Bortoli, Maurizio Gasparri, Beppe Grillo, Giorgio Lainati, Paolo Rossi, Marco Travaglio, Elio Vetri
Sceneggiatura: Sabina Guzzanti
Fotografia: Paolo Santolini
Musiche: Riccardo Giagni, Maurizio Rizzuto
Montaggio: Clelio Benevento
Sito internet ufficiale: www.luckyred.it/minisiti/zapatero

 



Commenti (26)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: piperprinx pubblicato il 08 Ottobre 2005, 23:58
poverini

quando in un *qualsiasi* canale televisivo italiano vedro' un esponente della cosiddetta satira dichiararsi apertamente di destra e fare battute su bertinotti con la stessa asprezza e frequenza che in una puntata qualsiasi delle iene o di mai dire...sono riservate a berlusconi finiro' di preoccuparmi per la censura televisiva.

Fino ad allora continuero' a considerare quanto sopra il piagnisteo di stelle e stelline strapagate omologate alla cultura dominante, fulgido esempio tra i molti di disinformazione comunista.

sfido chiunque ad indicare i nomi di attori/comici dichiaratamente di destra che abbiano potuto lavorare in televisione nell'ultimo decennio.



Commento # 2 di: angelo pubblicato il 09 Ottobre 2005, 08:24
Redazione ha scritto:
[I]Link all'Articolo: http://www.avmagazine.it/articoli/cinema/47/index.html

Grazie alla Lucky Red arriva nelle sale italiane il documentario di Sabina Guzzanti sulla libertà di informazione in Italia. Interviste, satira europea e stralci di giornali, il tutto per raccontare l'imbavagliamento dell'informazione e del programma RaiOT

Click sul link per visualizzare l'articolo. [/I]




Dopo il Nobel dato a Fo, credo che questo vincerà l'Oscar.


Il buffone comunista è sempre da premiare.............(vedi il Toscano de La Vita è bella..........................senza l'ebreo Spielberg avrebbe avuto solo una denuncia per aver copiato Jacob il bugiardo)............
Commento # 3 di: annagiulia pubblicato il 04 Novembre 2005, 13:20
libertà di parola

Forse il topic è un po' vecchio ma esprimo la mia opinione: in Italia credo esista la libertà di espressione ed opinione a livello stampa, informazione, televisione e radio.

Che poi non sia gradita, da una parte o dall'altra, è un altro paio di maniche.

Annagiulia
Commento # 4 di: Raffaele pubblicato il 04 Novembre 2005, 13:30
Re: libertà di parola

annagiulia ha scritto:
Forse il topic è un po' vecchio ma esprimo la mia opinione: in Italia credo esista la libertà di espressione ed opinione a livello stampa, informazione, televisione e radio.

Che poi non sia gradita, da una parte o dall'altra, è un altro paio di maniche.

Annagiulia


Siamo ( non è solo una considerazione personale ) considerati alla stessa stregua di alcuni paesi africani o centroamericani per quanto riguarda la libertà di stampa e di informazione.
Commento # 5 di: annagiulia pubblicato il 04 Novembre 2005, 13:36
Re: Re: libertà di parola

Raffaele ha scritto:
Siamo ( non è solo una considerazione personale ) considerati alla stessa stregua di alcuni paesi africani o centroamericani per quanto riguarda la libertà di stampa e di informazione.


Rispetto ovviamente la tua considerazione personale ma in base a quali informazioni ti sei fatto questa opinione?

Annagiulia
Commento # 6 di: Raffaele pubblicato il 04 Novembre 2005, 13:39
Il rispetto delle opinioni altrui ( in questo caso il mio nei tuoi confronti ) è sacro, ma credo che il dialogo aiuti ( tutti ).
Un link.....
http://pesanervi.diodati.org/pn/index.asp?a=64
Ciao.
Commento # 7 di: annagiulia pubblicato il 04 Novembre 2005, 14:06
Raffaele ha scritto:
[I]Il rispetto delle opinioni altrui ( in questo caso il mio nei tuoi confronti ) è sacro, ma credo che il dialogo aiuti ( tutti ).
Un link.....
http://pesanervi.diodati.org/pn/index.asp?a=64
Ciao. [/I]


Ho letto il link: ho i miei dubbi e le mie perplessità.
Soprattutto mi chiedo: se viene messa in discussione da freedom house la libertà di stampa, chi mi assicura che chi lancia quest'accusa non sia in fondo politicamente di parte?
E' cosa nota infatti che freedom house sia citato da chi si schiera da una certa parte.

Sia chiaro che non voglio iniziare una discussione politica: non ne sarei in grado. Quello che so di politica è davvero una conscenza generalizzata. Forse sbaglio a non migliorami, anzi si.
Ma ogni volta che tento di approfondire la materia, supportata solo dall'informazione ( giornali tv radio internet) non posso fare di sentirmi infastidita dalla capacità di qualsiasi schieramento politico di manipolare, spiegare, narrare la propria verità.

Mi rendo conto che sarà sempre così, è inevitabile.
Schierarsi ( così almeno la vedo) al fianco di una di queste verità, significa quasi fare un atto di fede...

Oddio.. scusate, mi sono lasciata trasportare troppo dai miei pensieri.

In sostanza, rispetto le opinioni di tutti pur con alcune riserve


Annagiulia
Commento # 8 di: Raffaele pubblicato il 04 Novembre 2005, 14:26
No, non ritengo che questo forum sia il luogo adatto per addentrarsi sulle rispettive idee politiche.
Per quanto riguarda dubbi e perplessità è normale che questi non vengano fugati con la semplice lettura di una web page.
Per finire potremmo sempre ritornare al detto chi controlla il controllore?.
Commento # 9 di: erick81 pubblicato il 04 Novembre 2005, 14:54
angelo ha scritto:
Dopo il Nobel dato a Fo, credo che questo vincerà l'Oscar.


Il buffone comunista è sempre da premiare.............(vedi il Toscano de La Vita è bella..........................senza l'ebreo Spielberg avrebbe avuto solo una denuncia per aver copiato Jacob il bugiardo)............


Dopo la statuetta a Moore, ci si deve aspettare di tutto!

Ciao

Riccardo
Commento # 10 di: erick81 pubblicato il 04 Novembre 2005, 14:56
Raffaele ha scritto:
[I]Il rispetto delle opinioni altrui ( in questo caso il mio nei tuoi confronti ) è sacro, ma credo che il dialogo aiuti ( tutti ).
Un link.....
http://pesanervi.diodati.org/pn/index.asp?a=64
Ciao. [/I]


Raffaele, ti propongo un'analisi degli ultimi rapporti di Freedom House (anche sulle libertà civili):

Libertà civili:

[I]Ebbene, secondo questo rapporto, l'Italia è una nazione free, completamente libera. Ha un punteggio finale di 1, il più alto, in linea con i giudizi sui Paesi occidentali notoriamente più liberi. Le libertà politiche e le libertà civili che compongono le due sottocategorie dell'esame ottengono, entrambe, il voto 1. Ma c'è di più, molto di più. Comparando il giudizio dell'Ong americana sulla libertà (tutta) in Italia nell'ultimo decennio, dal 1995 al 2005, si ha un dato sorprendente e che risulta esattamente opposto a quello che si è voluto far passare giovedì sera. Dal '95 al 2001, i sette anni di governo di centro-sinistra (includendo anche quelli cosiddetti tecnici, che da queste forze politiche erano appoggiati in Parlamento), il punteggio raccolto dalle libertà politiche è stato 1 (totalmente garantite), ma quello sulle libertà civili è stato 2 (garantite, ma non del tutto). Secondo gli analisti di Freedom House, infatti, in quel periodo l'Italia presentava deficiencies in three or four aspects of civil liberties, pur rimanendo relatevely free.[/I]

Libertà di stampa:

[I]l'Italia ha una stampa parzialmente libera dal 2004. I primi tre anni di governo, secondo gli esperti di Freedom House, sono stati caratterizzati da piena continuità ai risultati del precedente quinquennio (1996-2001): l'Italia era un Paese a stampa libera prima, lo è stato anche dopo. Questo è il primo elemento taciuto nel programma televisivo: l' editto di Sofia, sciagurato quanto si vuole per forma e sostanza, è datato 2002. Biagi, Santoro e Luttazzi vengono allontanati dalla Rai nel 2002, ma Freedom House continua a giudicare l'Italia un Paese in cui la libertà di stampa è libera e garantita saldamente. A questo punto, tiriamo le somme da questa prima riflessione: è stata Freedom House a sbagliare totalmente la propria valutazione per quell'anno (come per il precedente ed il successivo) o, forse, il caso Santoro, come quello Biagi o Luttazzi, non influenza minimamente la valutazione dell'Ong statunitense? E, ammesso e non concesso che Freedom House sbagliasse all'epoca, perchè non può errare ora che inserisce il nostro Paese tra gli Stati a stampa parzialmente libera? C'è qualcosa che non torna, quindi, nella rappresentazione celentan-santoriana e sa di strumentale, perchè omette quando serve e rincara quando serve ancora di più.
Andiamo avanti. Dal 2004, dicevamo, l'Italia scivola tra le nazioni in cui la stampa è partly free. Analizzando i singoli valori attribuiti (più bassi sono, più c'è libertà, si constata che, rispetto al libero 2003, il semi-libero 2004 presenta un punteggio di 33: +5 sul 28 dell'anno precedente. L'incremento è dovuto alla valutazione fortemente negativa del team di Freedom House sulla legge Gasparri. Le voci di giudizio su leggi e regolamentazioni che influenzano i media e su pressioni politiche e controlli sui contenuti mediatici balzano in avanti considerevolmente (da 8 a 11 e da 6 a 13), mentre la terza voce, quella relativa all' influenza dei poteri economici sulla libertà dei media scende in modo vistoso (da 14 a 9).[/I]

http://www.bloggers.it/semplicement...DF254D2EDCDD448
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »