Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Disney+ leader del settore OTT nel 2027?

di Riccardo Riondino, pubblicata il 23 Novembre 2021, alle 10:41 nel canale SOFTWARE

Disney+ rallenta per la prima volta dal lancio, registrando nel terzo trimestre 2021 la crescita più bassa in assoluto, un risultato che ha fatto spostare di anno la data in cui dovrebbe superare Netflix


- click per ingrandire -

Gli abbonati Disney+ a ottobre 2021 sono 118,1 milioni a livello globale, aumentando però di soli 2,1 milioni nell'ultimo trimestre. Una frenata in contrasto con i 12 milioni guadagnati in quello precedente e inattesa, nonostante il CEO Bob Chapek prevedesse una crescita "a bassa cifra singola". La causa potrebbe essere l'allentamento delle restrizioni del coronavirus, che ha indotto i consumatori a razionare gli abbonamenti dopo un anno trascorso in casa. Mentre le crociere e i parchi a tema Disney venivano sospesi, Disney+ ha continuato a diffondersi in tutto il mondo nel 2020-2021. Il servizio ha così già migliorato le previsioni di 60-90 milioni di abbonati entro il 2023, superati in soli 18 mesi dal lancio con 103 milioni a metà 2021.


- click per ingrandire -

Il rallentamento mette in dubbio l'attuale obiettivo di Chapek di raggiungere 230-260 milioni di abbonati entro il 2024, che gli analisti considerano comunque ancora possibile. Un recente rapporto Digital TV Research prevede che nel 2026 gli abbonamenti ai vari servizi streaming in tutto il mondo raggiungeranno la cifra di 1,7 miliardi. Il 53% sarà appannaggio di cinque delle maggiori piattaforme americane, per un totale di 910 milioni contro i 585 milioni del 2021. Basandosi sui risultati di giugno, Digital TV Research riteneva che Disney+ avrebbe conquistato il primo posto nel 2026, ma dopo settembre ha spostato la data di un anno. Il leader Netflix dovrebbe quindi conservare il primato fino al 2026, nonostante Disney+ registrerà la crescita maggiore, mentre il sorpasso dovrebbe avvenire nel 2027, anche se gli ultimi risultati dimostrano come il mercato sia a volte imprevedibile..



Commenti