Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Stardust, David prima di Bowie

di Fabrizio Guerrieri, pubblicata il 05 Novembre 2020, alle 11:16 nel canale CINEMA

“Dopo i biopic su Freddie Mercury ed Elton John, arriva il film che ambientato negli USA del 1971 racconta della trasformazione di un ventiquattrenne David Bowie nell’alter ego che lo portò a farsi conoscere in tutto il mondo: Ziggy Stardust”


- click per ingrandire -

 

Dopo il Freddie Mercury di Bohemian Rhapsody e l’Elton John di Rocketman, arriva Stardust che racconta uno spaccato di vita di una delle più grandi icone culturali di tutti i tempi: David Robert Jones in arte David Bowie. Nel 1971 il cantante inglese 24enne intraprende un viaggio negli Stati Uniti con Rob Oberman, ufficio stampa della casa discografica Mercury, al fine di farsi conoscere anche oltreoceano. Le cose non vanno per il verso giusto ma proprio quando la situazione sembra precipitare in un vortice di depressione e timore di essere preda di una malattia mentale, David capisce che ha bisogno di un cambiamento, una trasformazione. Ed è così che nasce il primo dei suoi vari alter ego, quello che lo porterà a diventare una stella riconosciuta a livello planetario: Ziggy Stardust.

 

 

Il regista Duncan Jones, figlio di David Bowie, ha dichiarato che la pellicola non rappresenta una biografia del padre e che la famiglia non è stata coinvolta nella realizzazione del progetto. Eppure le immagini del trailer restano decisamente affascinanti, nello stile mai dimenticato di quei favolosi anni ’70. Diretto da Gabriel Range (Death of a President) Stardust vede come protagonista Johnny Flynn (Sils Maria, Emma.) nei panni di David affiancato da Marc Maron (Girls, Easy, Joker) in quelli di Rob Oberman e Jena Malone (Hunger Games, Vizio di forma, The Neon Demon) che interpreta Angie Bowie, la moglie di David. Presentato all’ultima Festa del Cinema di Roma Stardust verrà distribuito in Italia da I Wonder Pictures.

 


- click per ingrandire -

 

fonte: IFC Films

 



Commenti