Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Gangs of London | stagione 1 | la recensione

di Fabrizio Guerrieri , pubblicato il 04 Ottobre 2020 nel canale CINEMA

“Una potente famiglia che pur di perseguire i propri scopi è pronta a qualsiasi aberrazione umana, economica e sociale. Di questo e molto altro è fatta la serie britannica che ricorda da vicino Peaky Blinders e Il padrino.”


- click per ingrandire -

Finn Wallace, capo della famiglia malavitosa più potente di Londra, muore all’improvviso. Il figlio Sean accecato dalla vendetta blocca tutti i loschi traffici della città fin quando non si scoprirà chi ha ucciso il padre del quale nel frattempo vengono rivelati misteri di cui neppure moglie e figli erano a conoscenza. Ma i componenti delle altre bande non ci stanno e tentano di rovesciarlo con ogni mezzo. Elliot un poliziotto sotto copertura, mettendo a rischio la propria vita riesce a conquistare la fiducia della famiglia Wallace e si infiltra tra le maglie della criminalità organizzata per mettere sotto accusa tutto il sistema a partire da quelli a cui finge di aver giurato fedeltà assoluta.


- click per ingrandire -

Prima di iniziare la visione di Gangs of London la mente corre a Peaky Blinders, altra serie britannica di successo. Le analogie sono diverse: anche questa è ambientata in Gran Bretagna sebbene ai giorni nostri, una famiglia che gestisce il malaffare e arriva a penetrare i gangli della politica e addirittura il protagonista Joe Cole - che interpreta Sean - che proviene proprio dalla serie con Cillian Murphy in cui è John, il fratello di Thomas Shelby.


- click per ingrandire -

Il primo episodio si apre su un’inquadratura rovesciata dello skyline londinese. Una visione notturna e oscura, opposta alla giustizia, metafora perfetta per descrivere ciò che è l’essenza della serie: la famiglia Wallace. Finn (Colm Meaney - Star Trek: The Next Generation, Star Trek: Deep Space Nine), il padre patriarca che gestisce gli affari dell’organizzazione - di cui fanno parte la mafia albanese, i combattenti per la libertà curda, il cartello della droga pakistana, nomadi gallesi - è un uomo spietato che ha allevato i figli senza filtri. La moglie Marian (Michelle Fairley - Il trono di spade) che non ha mai evitato ai figli la sorte di proseguire la strada paterna e alla morte di Finn è costretta a reggere le fila di quel che resta. La figlia Jacqueline (Valene Kane) che si è staccata dalla famiglia ed è in perenne conflitto con la madre, è incinta e lavora come dottoressa in pronto soccorso. Il figlio minore Billy (Brian Vernel) è dipendente dall’eroina e viene tenuto lontano dalle attività familiari. Sean, il maggiore, diventa all’improvviso il capo dell’impero del padre e la rabbia lo porta a prendere solo decisioni drastiche che spesso lo portano lontano dal focus.


- click per ingrandire -

Protagonista della serie, il neo capofamiglia di casa Wallace non ha mai pace, non può fidarsi di nessuno sebbene ne avrebbe davvero bisogno. Sulla sua strada si mette Elliot (Sope Dirisu) suo nascosto antagonista che Sean al contrario crede - non senza dubbi - suo sodale. L’uomo indaga con discrezione ma nel fingere non riesce a sottrarsi ai sentimenti per Shannon (Pippa Bennett-Warner), figlia di Ed Dumani (Lucian Msamati) il collaboratore più stretto di Finn cui lo lega un rapporto di amicizia stabilito quando erano giovani, che dopo la sua morte cerca tra mille difficoltà di far ragionare Sean e mantenere stabili i difficili equilibri con gli altri clan criminali. Non riuscendoci, tentato da una proposta allettante si trova a favorire il figlio Alexander (Paapa Essiedu) per sostituire il rampollo dei Wallace al comando dell’organizzazione. L’Elliot poliziotto segue tutto in punta di piedi, l’Elliot impiegato di bassa manovalanza combatte a mani nude sporcandole del sangue di chi è contro Sean. Ma tra i due c’è l’Elliot essere umano che sebbene sappia da che parte stare rischia di coinvolgere sé stesso e altre persone nell’evoluzione catastrofica di un gioco ben più grande di lui. Fin quando qualcosa di inaspettato rovescia tutte le carte in tavola.


- click per ingrandire -

Gangs of London è una serie che lascia il segno, un mostro fatto di intrighi di potere, un serpente che si insinua in ogni ambito economico e sociale all’interno di una delle città più cosmopolite e dinamiche del mondo. La sua forza - un po’ come nel Padrino di Coppola - sta nel mostrare le miserie umane di gente che crea imperi a scapito del bene comune. Bugie, corruzione, capitali enormi, legami affettivi, gelosie, tradimenti, sopraffazione, ambiguità, nessuno può dirsi mai salvo né innocente e non è affatto facile per lo spettatore capire da che parte stare. Non è una visione consigliata a stomaci sensibili: per la violenza espressa - particolarmente in uno degli episodi - è paragonabile più a Kill Bill che a Peaky Blinders.


- click per ingrandire -

Il primo episodio di Gangs of London è stato visto in Gran Bretagna da oltre due milioni di spettatori. Il network americano AMC che ha rilevato i diritti di trasmissione negli Stati Uniti è diventato anche co-produttore per la seconda stagione che si annuncia di grande impatto visto il finale deflagrante e del tutto imprevedibile della prima.


- click per ingrandire -

Valutazioni

DAL TRAILER ALL’INTERA SERIE
aspettativa 7 risultato 8

SOGLIA D’ATTENZIONE
scorrevolezza media impegno medio

VISIONE
intrattenimento 8.5 qualità 7.5

Gangs of London | stagione 1
drammatico, azione, thriller | UK | 6 lug - 3 ago 2020 | 9 ep / 56 min | Sky Atlantic

ideatore Gareth Evans, Matt Flannery

personaggi interpreti
Sean Wallace Joe Cole
Elliot Finch Sope Dirisu
Ed Dumani Lucian Msamati
Marian Wallace Michelle Fairley
Alexander Dumani Paapa Essiedu
Kinney Edwards Mark Lewis Jones
Lale Narges Rashidi
Nasir Afridi Parth Thakerar
Asif Afridi Asif Raza Mir
Jacqueline Robinson Valene Kane
Billy Wallace Brian Vernel
Finn Wallace Colm Meaney
Victoria Chung Jing Lusi
Shannon Dumani Pippa Bennett-Warner
Luan Dushaj Orli Shuka
Mal Richard Harrington
Charlie Carter Jude Akuwudike
Jack O'Doherty Emmett J. Scanlan

critica IMDB 8.2 / 10 | Rotten Tomatoes 7.84 / 10 | Metacritic 60 / 100

camera Arri Alexa LF, Arri Alexa Mini LF
aspect ratio 2:1

 

 



Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: mau741 pubblicato il 05 Ottobre 2020, 11:04
Si in effetti ricorda molto Peaky Blinders... e lo stesso protagonista era anche uno dei protagonisti di Peaky Blinders