Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Toshiba: stop alla produzione TV in USA

di Riccardo Riondino, pubblicata il 13 Febbraio 2015, all 02:26 nel canale DISPLAY

“Toshiba ha annunciato l'imminente termine della produzione di televisori negli Stati Uniti, trasformando il proprio business TV in una politica di brand licensing ”

L'assenza di nuovi televisori allo stand Toshiba durante l'ultimo CES, trova ora una concreta motivazione nel recente annuncio del produttore nipponico. Il disimpegno nello sviluppo e commercializzazione di nuovi TV nel mercato USA, avverrà a partire dal prossimo mese di marzo. In un comunicato aziendale, Toshiba ha spiegato i motivi di questa scelta, che consistono nella bassa crescita che ha conosciuto il settore negli ultimi anni, e nella concorrenza sempre più agguerrita sul fronte dei prezzi. La licenza del marchio Toshiba per il settore TV statunitense è stata ceduta alla compagnia taiwanese Compal Electronics, produttrice di PC e televisori per conto terzi, fra i quali la stessa Toshiba.

La compagnia nipponica ha espresso l'intenzione di seguire la stessa politica anche nelle altre aree geografiche, ad eccezione del mercato interno giapponese. Appare assai probabile quindi l'imminente replica di questo scenario anche in Europa. Toshiba esce così sostanzialmente di scena dalla competizione globale del mercato TV, nonostante negli ultimi anni avesse proposto prodotti come lo ZL1, dotato di processore CEVO e direct local dimming a 512 zone, i Cell TV e i modelli 3D auto-stereoscopici. 

Fonte: Flatpanels HD



Commenti (4)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: KwisatzHaderach pubblicato il 13 Febbraio 2015, 09:29
Idea originale.

Provate a indovinare dove produrranno le aziende che aderiranno a questo tipo di business?
Commento # 2 di: hoppio24 pubblicato il 13 Febbraio 2015, 20:15
Dove??
Io ho l'idea che produrranno dove già producono quasi tutti gli altri.
Detto questo per me possono produrre anche in Cina,Polonia, Turchia ecc basta che la qualità e sviluppo rimanga giapponese come hanno promesso.
Il farsi produrre da terzi può servire anche per ridurre i costi e paradossalmente aumentare i volumi di vendite.
Continuo a ripetere che i giapponesi hanno tecnologie che i coreani non hanno.
Poi vorrei ricordare che comunque già da adesso le tv non è che fossero proprio prodotte tutte in Giappone e uscite dal Giappone...
Stesso discorso ad esempio di Samsung che anche se fa tutto in casa le produzione le ha dislocate nelle varie fabbriche nel mondo
Commento # 3 di: hoppio24 pubblicato il 16 Febbraio 2015, 17:12
Vorrei un attimo tornare sull'articolo.
Parlando con addetti ai lavori ecc mi hanno spiegato come questa notizia sia vera solo in parte e che toshiba non ha alcuna intenzione di uscire dal mercato tv.
Che abbia fatto un accordo con il colosso cinese è assolutamente vero, ma questa specie di fusione è stata fatta perché non essendo toshiba produttrice di pannelli le costava troppo l'acquisto di quest'ultimi, perciò ha deciso di cedere tutti i componenti necessari per creare le tv e non perderci tantissimo più di quanto si perda in questo settore.
Il fatto che abbia mollato è invece assolutamente errato, anzi spera di fare maggior fatturato andando in contro a minor spese.
In più ad aprile/maggio presenteranno anche la nuova gamma.
Commento # 4 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 17 Febbraio 2015, 10:52
Originariamente inviato da: hoppio24;4337673
Vorrei un attimo tornare sull'articolo.
Parlando con addetti ai lavori ecc mi hanno spiegato come questa notizia sia vera solo in parte e che toshiba ha alcuna intenzione di uscire dal mercato tv...........[CUT]
Il comunicato UFFICIALE è qui:

http://www.toshiba.co.jp/about/ir/e.../20150129_1.pdf

L'esegesi di parole come ristrutturazione,cessazione di sviluppo e vendita, riduzione di organico, sostituzione dell'attuale struttura di sviluppo e vendita con una nuova di brand licensing, non è che sia poi molto difficile.

Ovvio che dicano che non usciranno completamente. Il marchio rimarrà.

Emidio