Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Gamma TV 2010 di Sony con DVB-T2?

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 13 Gennaio 2010, alle 15:31 nel canale Display e TV Color

“In questi giorni Sony ha presentato un nuovo chip sintonizzatore compatibile anche con le trasmissioni DVB-T2 e dal Regno Unito sono rimbalzate indiscrezioni secondo cui la nuova gamma di TV Bravia per il 2010 possa integrare il nuovo chip”

Il nuovo chip DVB-T 2 di Sony

In Gran Bretagna sono iniziate le prime trasmissioni HD in DVB-T2 (digitale terrestre di seconda generazione che consente di risparmiare circa il 40% di banda rispetto all'attuale DVB-T) e proprio in questi giorni, Sony ha presentato un nuovo chip sintonizzatore compatibile con il DVB-T2 (comunque retrocompatibile con il DVB-T). Secondo indiscrezioni apparse sulla stampa inglese, sembra proprio che questo nuovo chip (molto più piccolo e parco nei consumi rispetto agli attuali chip di decodifica DVB-T) possa essere integrato nella nuova gamma di televisori LCD Bravia appena presentati al CES di Las Vegas.

Abbiamo subito contattato i responsabili di Sony Italia per avere notizie a riguardo, ma al momento non hanno saputo né confermare, né smentire l'indiscrezione. In Inghilterra si dicono piuttosto certi che il DVB-T2 verrà adottato da Sony, quindi ora resta da vedere se la scelta sarà solo localizzata o estesa a tutto il mercato europeo (a rigor di logica e di economie di scala, propendiamo più per la seconda ipotesi). Rimaniamo a questo punto in attesa di notizie ufficiali, premesso che di DVB-T2 in Italia per ora non si vede ombra....

Fonte: HDTV UK



Commenti (25)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: ponello pubblicato il 13 Gennaio 2010, 15:55
Mi domando perchè continuino a inserire il tuner e le cam nelle tv ormai....
E' solo un costo inutile.
Tanto comperiamo tv già obsolete. Tanto vale far risparmiare sul tv che poi ognuno di noi aggiungerà il decoder che necessita.
Tristezza !
Commento # 2 di: zLaTaN_85 pubblicato il 13 Gennaio 2010, 16:23
beh obsoleto per modo di dire... io con il mio tuner ci vedo i canali DTT da 2 anni e li vedrò sicuramente almeno fino al 2012... poi credo che incida veramente poco sul costo, tanto vale metterlo e via. Mica tutti rincorrono le ultime novità...
Commento # 3 di: bossrobot pubblicato il 13 Gennaio 2010, 16:29
In linea di massima avete ragione entrambi... una dotazione base è utile per chi non vuole dover dipendere da decoder esterni o altro... allucinante il fatto che oggi compri una tv sapendo che tra due anni magari non sintonizzerà più... una volta i tv morivano di vecchiaia, ora di tecnologia.

Scherzi a parte è uno sconcio business: penso a mio nonno che ha cambiato tv perchè a 83 anni si che sa accendere il decoder, impostare su AV1 e bla bla bla....
Commento # 4 di: ghiltanas pubblicato il 13 Gennaio 2010, 17:36
ora negli altri paesi risparmiare banda è sicuramente importante e posso sfruttarlo in maniera molto costruttiva, che so con + canali in hd...
Da noi invece si traduce in + canali per mediashopping e il grande idiota, che tristezza
Commento # 5 di: hokutoschool pubblicato il 13 Gennaio 2010, 18:11
zlatan perchè fino al 2012?
Commento # 6 di: ERCOLINO pubblicato il 13 Gennaio 2010, 18:19
Perchè prima sarebbe un grosso problema a livello tecnico.

Se un Mux si trasforma in DVB-T2 ,solo chi avrà un tuner DVB-T2 potrà ricevere i canali.

Non è possibile trasmettere sullo stesso Mux in DVB-T e DVB-T2

Quindi servono altre frequenze per avere Mux DVB-T e DVB-T2 ,altrimenti chi ha comprato fino a oggi la tv e decoder ,non potrà vedere nulla

Il passaggio al DVB-T2 richiederà diversi anni ,non è semplice ,quindi sicuramente non si farà quasi nulla prima dello Switch OFF totale (magari qualche test come già sta facendo Rai)
Commento # 7 di: no_smog pubblicato il 13 Gennaio 2010, 18:35
sembra che per i primi anni il dvb-t2 affiancherà il DVB-T, non lo sostituirà.
Dovremmo essere coperti tranquillamente per i prossimi 5 anni.
Commento # 8 di: ERCOLINO pubblicato il 13 Gennaio 2010, 19:05
Il problema principale è che non ci sono quasi più frequenze disponibili ,per esempio a Torino lo spettro UHF è praticamente quasi usato tutto.

Per risolvere questo problema ,le emittenti locali dovrebbero associarsi tra loro ,senza avere Mux doppi inutili
Commento # 9 di: antonio10 pubblicato il 13 Gennaio 2010, 19:16
Originariamente inviato da: ERCOLINO
Per risolvere questo problema ,le emittenti locali dovrebbero associarsi tra loro ,senza avere Mux doppi inutili


magari !

le tv locali non devono avere tutti quei mux , per vedere tv spazzatura . quando con quelle frequenze potremmo avere canali in hd .
Commento # 10 di: nba78 pubblicato il 13 Gennaio 2010, 19:44
Non scherziamo,il dvb-t resterà in uso,anzi sarà il sistema, principale,per molti ma molti anni dopo il 2012,il dvb-t2 si affiancherà al primo specialmente per le trasmissioni hd,ma è impensabile riproporre un' altro switch-off con abbandono del dvb-t dopo pochi anni dal 2012. Basta guardare al sat,dove il dvb-s2 è stato sviluppato nel 2003 eppure ancora oggi la maggior parte delle trasmissioni sono in dvb-s,proprio perchè ci sono ancora milioni di ricevitori con tale sistema,figuriamoci quindi quanto possa durare il dvb-t che per il grande pubblico è ancora una tecnologia relativamente nuova.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »