Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

DuPont investe nell'OLED a basso costo

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 18 Novembre 2009, all 12:07 nel canale DISPLAY

“Gli sviluppi della tecnologia OLED fanno gola a molti nomi dell'industria e tra i più attivi c'è l'azienda chimica DuPont che ha ottenuto dal dipartimento per l'energia statunitense 2,25 milioni di dollari per continuare a sviluppare soluzioni "organiche"”

Poco prima dell'estate vi avevamo annunciato (vedi news) una nuova tecnologia di produzione OLED "a stampa" sviluppata da DuPont che prometteva di ridurre notevolmente i costi dei panelli OLED. Proprio in questi giorni, il dipartimento per l'energia statunitense (DOE) ha approvato lo stanziamento di 2,25 milioni di dollari da destinare a DuPont per continuare la ricerca sulla produzione a "basso costo" di soluzioni OLED.

Il progetto dell'azienda chimica prevede di riuscire a mettere a punto una soluzione produttiva che richieda investimenti iniziali non troppo ingenti, costi fissi ridotti e un utilizzo efficiente di materiali. Inoltre, proprio la produzione "a stampa" consentirebbe di realizzare substrati OLED di grandi dimensioni (da ritagliare poi per gli utilizzi necessari) abbattendo ulteriormente i costi produttivi. Nell'annunciare l'approvazione dello stanziamento da parte della DOE, DuPont sottolinea come l'introduzione dell'"illuminazione" OLED nelle case (quindi non solo per le TV, ma anche come sostituto delle soluzioni di illuminazione tradizionali), porterebbe un risparmio potenziale di circa 348 trilioni di kW/ora di elettricità entro il 2030.

Fonte: Twice



Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: dino2008 pubblicato il 20 Novembre 2009, 09:58
l'ultima parte dell'articolo, risparmio energetico nell'illuminazione, sono notizie confortanti. Numeri da paura. Altro che schermi piatti, flessibili, colori smaglianti ...tanto sono le trasmissioni che fanno pietà.