Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Docomo: prove di H.265 720p/1080p/Ultra HD

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 01 Marzo 2013, alle 10:45 nel canale DISPLAY

“Il principale operatore telefonico giapponese NTT Docomo dimostra l'efficienza della codifica H.265 HEVC in un confronto a parità di bit-rate con l'attuale codifica H.264. Dimostrazione che prevede l'utilizzo di materiale video a varie risoluzioni e bit-rate: da 1 a 10 Mbit/s e da 720p fino all'Ultra HD. Già da questo mese è previsto il rilascio di un software di encoding H.265 per contenuti in Full HD”


Un filmato in Ultra HD (tratto da materiale originariamente 8K) codificato in H.265 / HEVC

Il Giappone intende promuovere e aprire la strada all'adozione globale del nuovo codec H.265 / HEVC. L'operatore telefonico NTT Docomo propone di adottare il nuovo efficiente algoritmo di compressione per i suoi servizi di streaming VOD molto presto e ha voluto dimostrare la bontà della tecnologia in un confronto cui hanno assistito alcuni giornalisti nipponici. La dimostrazione ha visto materiale video a risoluzione 720p, 1080p e anche Ultra HD codificato sia in H.264 (l'attuale codec video di compressione più in voga a livello mondiale) sia in H.265 a parità di bit-rate. In particolare i tecnici Docomo hanno puntato su un confronto di contenuti a 720p codificati ad appena 1 Mbit/s e su materiale Ultra HD (a 60fps) codificato a bit-rate variabile con punte massime di 10 Mbit/s.

L'obiettivo è stato quello di dimostrare l'efficienza, la superiorità e la bontà dell'H.265 anche a bit-rate non particolarmente elevati. In quanto operatore mobile, NTT Docomo intende utilizzare presto la codifica H.265 / HEVC per trasmettere contenuti verso smartphone e tablet con bit-rate massimo di 10 Mbit/s in Full HD (e prossimamente anche in Ultra HD). Già da questo mese, Docomo rilascerà in licenza il proprio software di codifica in H.265 per contenuti in Full HD, che promette di assicurare la miglior esperienza di streaming in contenuti anche per codifiche "real time" (in tempo reale, ad esempio per la trasmissione di dirette). "Vorremmo distribuire il nostro software a tutti i provider per consentirgli di proseguire con lo sviluppo. L'adozione di una tale tecnologia a livello globale, ci consentirebbe di ridurre drasticamente la richiesta di traffico dati in mobilità", ha dichiarato un responsabile NTT Docomo.

Di seguito un filmato della dimostrazione / confronto (in inglese):



Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: djfix13 pubblicato il 04 Marzo 2013, 09:35
prima applicazione youtube!!!