Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

AUO - 3D senza occhiali presto protagonista

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 14 Febbraio 2011, all 12:29 nel canale DISPLAY

“Secondo l'azienda taiwanese, tra i principali produttori di pannelli LCD al mondo, il 3D senza occhialini si diffonderà in tutto il mondo nel giro di un paio di anni. Questo soprattutto per quanto riguarda i display "mobili" e PC”

AU Optronics introdurrà i suoi primi display 3D auto-stereoscopici nel corso dell'anno e lo farà mirando soprattutto al mercato di notebook e monitor per PC. La casa taiwanese si dice convinta che nel giro di un paio di anni, il 3D senza occhialini si diffonderà a macchia d'olio e diventerà comune su gran parte dei dispositivi mobili, notebook e monitor per PC. Naturalmente tutti ciò avrà ripercussioni sul mercato dei televisori e sappiamo già che Toshiba e Sony sono fortemente impegnate nello sviluppo di TV 3D senza occhialini. Toshiba ha, inoltre, già annunciato l'intenzione di introdurre i primi TV "grande schermo" auto-stereoscopici entro la fine di quest'anno, anche se i prezzi saranno inizialmente proibitivi o quasi.

Insomma, per il 3D senza occhialini sulle nostre normali TV, ci vorrà ancora qualche anno, ma la strada sembra ormai tracciata e se tutte andrà bene li vedremo diffondersi con la tecnologia OLED, più che con gli LCD.

Fonte:  Home Cinema Inside



Commenti (2)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: rpr.win pubblicato il 14 Febbraio 2011, 15:49
Mercato tv e mercato pc sono molto diversi, nel mercato pc e dispositivi mobili c'è molto materiale 3D di qualità, il mercato home video è ancora decisamente acerbo ed è tutto sperimentale, basta vedere il flop dei tv 3D autostereoscopici toshiba appena usciti e rimasti sugli scaffali in massa.
Commento # 2 di: nenny1978 pubblicato il 15 Febbraio 2011, 17:46
Vero, ma vero anche che erano TV dal taglio molto piccolo e credo che Toshiba abbia ragione quando dice che il flop è dovuto proprio alla mancanza di dimensioni adeguate. Cosa ci guardi se è troppo piccolo? Almeno ci voleva un 32, ma credo che dal 40 in su, almeno in Giappone, qualche folle in più disposto a spendere una fortuna per questi TV si troverà...