Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

PS3 firmware 3.56 contro hacker. Già inutile?

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 28 Gennaio 2011, all 12:30 nel canale HT

“Sony ha rilasciato ieri il nuovo firmware 3.56 dedicato alla propria console PlayStation 3. Nessuna novità funzionale, ma solo un "patch di sicurezza" per cercare di contrastare il recente attacco degli hacker. Ma sembra già tutto inutile”

Dopo il recente e forse letale attacco subito dagli hacker (vedi news), i tecnici Sony si sono messi al lavoro e hanno rilasciato nella giornata di ieri il nuovo firmware 3.56 dedicato alla PS3. Il nuovo aggiornamento non presenta novità funzionali e viene definito una "patch di sicurezza". L'obiettivo è quindi quello di cercare di contrastare l'attacco degli hacker e in effetti il nuovo firmware ha reso inutilizzabili i firmware personalizzati che erano spuntati in queste settimane.

Ma gli hacker hanno già decriptato le nuovi chiavi e stanno lavorando per modificare i loro firmware personalizzati e renderli nuovamente disponibili e funzionanti.  Questione quindi di ore o al massimo di giorni, per scoprire che questo tentativo da parte di Sony è stato vano. Cosa si inventeranno in Sony per combattere questo fenomeno? Si vocifera dell'introduzione di codici seriali per i giochi o di sistemi di conferma remoti per il riconoscimento dell'autenticità del disco (che richiederebbero quindi che la console sia per forza collegata al web). Insomma, tutte soluzioni che danneggerebbero ancora una volta i consumatori onesti, per colpa di una manciata di delinquenti. Vedremo come si evolverà la situazione...

Fonte: Engadget



Commenti (63)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: blitzkrieg pubblicato il 28 Gennaio 2011, 12:57
@Gian Luca Di Felice

Diciamo che l'affermazioneuna manciata di delinquenti
risulta un pò forte e fuori luogo.
In questo caso non siamo di fronte a nessun tipo di lucro derivante da questa pratica(vedi ad es.le famose chiavette usb messe in vendita)ma di una vera e propria vendettada
parte della comunità hacker per aver tolto la possibilità di installare Linux su Ps3 che poi è l'os più utilizzato in quell'ambito.Gehot e gli altri non hanno commercializzato nulla e nè lo faranno.Che poi gli utenti correranno a scaricarele iso dei giochi dopo aver installato l'hack
non è riconducibile all'operato della comunità hacker.
Commento # 2 di: StarKnight pubblicato il 28 Gennaio 2011, 12:59
Gli unici che per il momento stanno pagando sono coloro che non hanno mai usato CFW ed hanno fatto l'aggiornamento. Diversi hanno segnalato la l'impossibilità di aggiornare, altri sono andati a buon fine ma per ragioni inspiegabili non riescono più a collegarsi al PSN e dulcis in fundo sembra che chi possiede una PS3 Slim non possa cambiare HD con uno diverso da quello di fabbrica (e più capiente).

Nel frattempo hanno già trovato le chiavi per (de)criptare gli eseguibili ed ora sperano di trovare quelle per firmarli (anche se 'sta volta sarà più dura...)
Commento # 3 di: the_real_redeagle pubblicato il 28 Gennaio 2011, 13:07
...'vendetta' da parte della comunità hacker per aver tolto la possibilità di installare Linux...

Ma dai, queste sono solo scuse pretestuose, chi si vuole prendere in giro?!
Commento # 4 di: giapao pubblicato il 28 Gennaio 2011, 13:22
Originariamente inviato da: blitzkrieg
@Gian Luca Di Felice

Diciamo che l'affermazioneuna manciata di delinquenti
risulta un pò forte e fuori luogo.
...


lo ritengo anch'io, e peraltro si tratta di una vs traduzione.
è possibile avere il link all'articolo originale o quantomeno lo stralcio della frase?
grazie
Gianni
Commento # 5 di: Gian Luca Di Felice pubblicato il 28 Gennaio 2011, 13:29
Nessuna traduzione! è un mio pensiero, magari forte, ma che ribadisco senza alcun problema!

E non venite a tirarmi fuori la storia di Linux!!! L'obiettivo è solo uno: far girare copie pirata dei giochi e magari vedere film in MKV o direttamente le ISO Blu-ray! Poi se vogliamo tirare in ballo altre scuse per lavarci la coscienza (me compreso, sia ben chiaro! Non sono un santo!)...allora fate pure!

Gianluca
Commento # 6 di: giapao pubblicato il 28 Gennaio 2011, 13:43
converrai che dall'articolo non si capisce cosa si riferisca all'articolo originale e cosa sia invece fonte del tuo pensiero...
siccome l'argomento mi interessa, è possibile avere il link all'articolo? (cosa peraltro utile, gradita e forse necessaria quando si cita una fonte esterna)
grazie
Gianni
Commento # 7 di: cracker_pazzo pubblicato il 28 Gennaio 2011, 14:09
Originariamente inviato da: Gian Luca Di Felice
Nessuna traduzione! è un mio pensiero, magari forte, ma che ribadisco senza alcun problema!

cut...


Mi dispiace ma non sono d'accordo su quanto detto.
Intanto diciamo che il CFW di GeoHot (da quanto ho letto in giro) non permette di usare giochi pirata ma consente esclusivamente di farci girare homebrew e permette la re-installazione di Linux.
PERSONALMENTE vorrei solo che aggiornassero il browser integrato in PS3 (con i nuovi standard web come HTML5 , codec come WebM ecc...), ripristinassero Linux(ho rinunciato ad una slim SOLO per questo motivo, pensa che scemo che sono stato), infine mettessero un supporto a mkv, PUNTO!

Anche se mettessero un firmware che ti permette di usare giochi pirati vorrei vedere chi si mette a scaricare svariati Gb , comprarsi mast. BD, BD vergini ecc. Tutto sto casino per non spendere 20 euro di gioco ORIGINALE (è si.. l'estero e l'usato sono nostri amici, giochi che dopo 2 mesi vengono meno della metà.
Chi piratava i giochi continuerà a farlo, così come chi li ha comprati originali nel passato lo continuerà a fare.

Piuttosto perché non viene chiarito se sia vero o meno il fatto di aver importato in Europa la PS3 come PC (pagando meno tasse quindi)? Si legge da molte parti ma nessuno ha verificato se realmente stanno così le cose.
Se si rivelasse vera questa cosa, ci scatterebbe una bella denuncia per evasione più il rimborso delle tasse non pagate!
Commento # 8 di: Dave pubblicato il 28 Gennaio 2011, 14:27
Originariamente inviato da: blitzkrieg
Che poi gli utenti correranno a scaricarele iso dei giochi dopo aver installato l'hack
non è riconducibile all'operato della comunità hacker.


Ed è esattamente a questi delinquenti che si riferiva l'autore dell'articolo. Non mi sembra ci sia un collegamento fra hacker e delinquenti nella news...
Commento # 9 di: Gian Luca Di Felice pubblicato il 28 Gennaio 2011, 14:52
Originariamente inviato da: giapao
forse necessaria quando si cita una fonte esterna


Non a caso citiamo SEMPRE la fonte delle nostre notizie in fondo al testo!
Ma questo non ci impedisce di certo di approfondire l'argomento e dare un giudizio....altrimenti non saremmo una testata giornalistica e verrebbe meno il nostro lavoro...cosa avvenuta con questa notizia, così come in quasi tutte le altre che vedete pubblicate!

Gianluca
Commento # 10 di: Gian Luca Di Felice pubblicato il 28 Gennaio 2011, 14:57
Tra l'altro, per tutti quelli che dicono: rivogliamo Linux oppure Gli hacker hanno preso di mira la PS3 solo e proprio per poterci rimettere Linux....cercate di ricordare perché Sony ha deciso di togliere la possibilità di installare S.O. alternativi su PS3!!!!

Non ricordate? vi do un indizio: si tratta sempre della solita manciata di delinquenti....che vi piaccia o meno!

Gianluca
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »