Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Centro assistenza Western Digital in Italia

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 28 Settembre 2010, all 10:18 nel canale ACCESSORI

“Il famoso produttore di hard-disk e lettori multimediali annuncia l'espansione della presenza in Sud Europa con l'apertura di un centro di raccolta in Italia per gli utenti finali e i clienti diretti”

Western Digital annuncia l’apertura del suo primo centro di raccolta in Italia che servirà i partner diretti dell’azienda e gli utenti finali della regione. "L’apertura del centro in Italia dimostra l’impegno di Western Digital per continuare a fornire un supporto di livello eccellente agli utenti e ai rivenditori nella regione. L’Italia rappresenta un mercato chiave in Sud Europa", ha affermato Davide Vento, Business Manager Italy.

"A oggi, il nostro piano è ben avviato, con l’apertura dei centri servizi in Italia e in Spagna, pensati per offrire ai nostri clienti tutta la tranquillità di poter accedere al supporto tecnico locale”, ha affermato Maurizio Di Carlo, Country Manager per l’Italia, Grecia e Israele dei prodotti Branded. Il centro raccolta elabora l’RMA (Return Material Authorization) dei prodotti a livello locale, per supportare i servizi post vendita per i clienti Western Digital in Italia. In passato, le unità dei clienti in Italia, Spagna e Portogallo venivano inviate in Francia. Con l’apertura di questi due nuovi centri di raccolta in Italia e Spagna, WD è in grado di migliorare il servizio di raccolta nelle varie regioni. I partner autorizzati di Western Digital e gli utenti finali possono portare a termine la riparazione e sostituzione dei prodotti in maniera più rapida e conveniente a beneficio di tutti. 

L’indirizzo del centro raccolta in Italia è il seguente:

Western Digital Collection Centre
C/o CEVA Logistics Italia S.r.l.
Strada della Francesca
Pognano (BG) - 24040
Italia

Fonte: WD Italia



Commenti (10)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: sasadf pubblicato il 28 Settembre 2010, 12:43
Ottima notizia...

...perchè dimostra che il Nostro mercato offre delle interessanti prospettive anche per multinazionali come questa.

Si potranno acquistare i loro prodotti con maggiore serenità.

Walk on
sasadf
Commento # 2 di: Paganetor pubblicato il 28 Settembre 2010, 13:22
infatti, significa che per loro l'Italia e la Spagna sono mercati importanti sui quali investire!
Commento # 3 di: simmysky pubblicato il 28 Settembre 2010, 13:41
e non solo...

ho aperto la scorsa settimana un RMA e vi dico che oltre ad essere già operativo il centro di Pognano (BG) offrono anche il servizio di sostituzione anticipata del prodotto. Naturalmente previa comunicazione del numerto di carta di credito. Ma ripeto servizio eccezionale. Mi hanno cambiato il mio passaport da 250GB con un 320 fiammante.

Davvero complimenti a WD.

Ps: Maurizio Di Carlo: Lavorare con WD sarebbe un sogno. Posso inviarLe il mio CV?
Commento # 4 di: zava pubblicato il 28 Settembre 2010, 15:44
confermo, prima mandavo a Parigi ed era un bel costo ...
ora ho mandato un raptor 150gb 3,5'' ed è tornato un bel velociraptor da 2,5''

Complimenti a WD!!!
Commento # 5 di: joule68 pubblicato il 28 Settembre 2010, 19:36
A proposito di assistenza WD

Lo scorso anno ho avuto problemi con un Hard Disk WD, comprato da poco, l'ho dovuto spedire a mie spese, circa 30€, a Parigi. Ero indeciso se valesse o meno la pena spendere quella cifra su un prodotto che nuovo ne costava 90.
Dopo un mese mi è arrivato un Hard Disk nuovo dall'Ungheria.
Per quanto mi riguarda non comprerò più prodotti Western Digital.
Commento # 6 di: Paganetor pubblicato il 28 Settembre 2010, 23:10
scusate, ma se un prodotto è in garanzia è sufficiente portarlo nel negozio nel quale l'avete acquistato e pensano loro a spedirlo dove serve... non capisco perchè se acquisto un prodotto in Italia devo sobbarcarmi l'eventuale inefficienza del sistema di riparazione...
Commento # 7 di: joule68 pubblicato il 29 Settembre 2010, 05:35
Pensavo anche io fosse molto più semplice che a gestire le garanzie ci pensasse il venditore. Del difetto del mio HD me ne sono accorto dopo gli otto giorni e così ho dovuto aprire una RMA sul sito della WD e spedirlo a mie spese in Francia.
Commento # 8 di: simmysky pubblicato il 29 Settembre 2010, 09:44
da quello che so io..

dipende dall'anno di garanzia...
se si compra all'ingrosso: la garanzia del rivenditore è 1 anno!! dopodiche devi parlare con WD!!

se compri invece al dettaglio gli anni sono due.. e poi devi andare da WD ma in ogni caso chi spedisce è il rivenditore.. quindi l'apertura del centro in Italia fa sempre comodo anche come tempi.

Inoltre alcuni modelli (non so se tutti) hanno 3 o addiriuttura 5 anni di garanzia...

Quindi ripeto l'apertura del centro in Italia è una gran cosa.

Commento # 9 di: Sabatino Pizzano pubblicato il 29 Settembre 2010, 09:52
Per il consumatore, la garanzia è di due anni e bisogna rivalersi direttamente sul venditore, il quale, a sua volta, si rivolgerà al produttore che gli garantisce però il prodotto per 1 solo anno (salvo accordi diversi). In pratica l'anno aggiuntivo è un rischio a carico del venditore. Inoltre, sempre la legge italiana dice che durante i primi 6 mesi, la prova che il difetto non sia imputabile ad un difetto di fabbricazione è a carico del produttore. Passati questi, la prova che il difetto sia imputabile al produttore è a carico del compratore.
Commento # 10 di: J0tar0Kjo pubblicato il 02 Ottobre 2010, 21:41
Io ho tristemente buttato via un disco per questa gestione diretta, gli RMA durano un mese e un requisito è che la spedizione sia tracciabile.

Per risparmiare ho spedito a 14 euro via pacco celere 3 che è tracciabile.

Il pacco è rimasto tutto agosto in non so quale posta per destinatario inesistente e mi è tornato indietro.

Ammesso che mi concedessero un nuovo rma altri 15 euro di spedizione avrebbero raggiunto quasi il prezzo del disco.

Ad aver potuto consegnare il disco al negoziante, come ho cercato di fare non avrei perso disco + 15 euri