Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Sony: occhiali con sottotitoli per i cinema

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 30 Agosto 2011, all 10:01 nel canale CINEMA

“La divisione Digital Cinema della multinazionale nipponica ha sviluppato un prototipo di occhiali dedicati alla riproduzione dei sottotitoli da utilizzare nei cinema. Principalmente indirizzati a chi soffre di problemi di udito, potrebbero rivelarsi utili anche da noi per vedere film in lingua originale”

Sony Digital Cinema ha sviluppato degli occhiali che consentono di riprodurre i sottotitoli durante la riproduzione di un film al cinema. Principalmente, questi occhiali nascono con l'intento di raggiungere un doppio obiettivo: aiutare gli spettatori con problemi di udito e venire incontro alle esigenze degli esercenti cinematografici poco propensi a proiettare i film con i sottotitoli (che gli spettatori senza problemi di udito non amano assolutamente).

Tutto ciò quindi riguarda in primis i paesi anglosassoni (storicamente molto sensibili alle esigenze delle persone con handicap) e la soluzione vede anche coinvolta la BBC, interessata agli occhiali per applicazioni televisive. Ma mi viene da pensare che oltre a essere un'ottima soluzione per chi soffre di problemi di udito (quindi utilizzabile anche nei cinema nostrani), gli occhiali potrebbero rivelarsi molto utili anche nelle sale italiane che proiettano i film in lingua originale. Attualmente, molti di essi proiettano i film con i sottotitoli integrati (quasi sempre tradotti in italiano) e sinceramente la cosa è piuttosto odiosa per chi riesce a seguire senza problemi il film in lingua originale. Gli occhiali potrebbero quindi consentire a coloro che necessitano dei sottotitoli di poterne fruire senza penalizzare l'esperienza visiva degli altri.

Ma Sony starebbe già guardando oltre e questi occhiali potrebbero integrare in futuro anche un sistema di traduzione simultanea testuale. Sony prevede di rendere disponibili gli occhiali nel corso del 2012.

Di seguito un servizio realizzato dalla BBC che ha testato un primo esemplare prototipo in anteprima:



Commenti