Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Peter Jackson parla di Lo Hobbit in HFR 3D

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 27 Novembre 2012, alle 10:42 nel canale CINEMA

“Sulla propria pagina Facebook, il regista neozelandese risponde a tre domande in merito alla scelta di riprendere e rilasciare l'atteso "Lo Hobbit" in High Frame Rate a 48 fps per il 3D. Una scelta che farà discutere ma che segna un'evoluzione epocale per il Cinema”

Non sappiamo ancora ufficialmente in quante e quali sale italiane proietteranno il nuovo "Lo Hobbit - Un viaggio inaspettato" di Peter Jackson in HFR 3D a 48 fps ma, per molti di noi appassionati, la curiosità è tanta e non priva di "timori". Rispondendo a tre domande, Peter Jackson spiega le motivazioni che lo hanno portato a questa storica decisione: 

Perché hai girato la trilogia dello Hobbit utilizzando il formato HFR (High Frame Rate), ovvero una frequenza di fotogrammi al secondo maggiore?
Viviamo in un'era digitale che corre rapidamente. Vengono costantemente sviluppate tecnologie che arricchiscono e migliorano l'esperienza cinematografica. Le riprese in HFR, per un film mainstream, sono diventate possibili solo da uno o due anni e viviamo in un'epoca in cui l’intrattenimento domestico sta facendo passi da gigante. Ho iniziato a girare i film dello Hobbit in HFR perché volevo che il pubblico potesse sperimentare quanto possa essere coinvolgente l'esperienza cinematografica.

Qual è la storia della frequenza dei fotogrammi al secondo, e perché secondo te è giunto il momento di aumentarli?
I film muti venivano girati a 16, 18 fotogrammi al secondo con cineprese a mano. Nel 1927, quando arrivò il suono, l’industria aveva bisogno di una velocità di ripresa costante e motorizzata. La pellicola 35mm è molto costosa, quindi serviva che la ripresa fosse più lenta possibile, ma le prime colonne sonore ottiche richiedevano una velocità minima affinché vi fosse un suono fedele. Si decise per i 24 fotogrammi al secondo, che divennero uno standard dell’industria per oltre 80 anni. I cinema in tutto il mondo installarono proiettori meccanici in grado di proiettare solo alla velocità di 24 fotogrammi al secondo. Questo numero fu una scelta commerciale – la velocità meno costosa che desse una qualità media – ma produce artefatti di movimento, come sfarfallii, motion blur e tremolii.
Ora, nell’era digitale, non c'è più motivo di limitarsi ai 24 fotogrammi al secondo. Non potevamo farlo nel 1927. La scienza ci spiega che l'occhio umano smette di vedere delle singole immagini intorno ai 55 fotogrammi al secondo. Quindi, girare a 48 fotogrammi al secondo fa sì che ci si avvicini molto all'illusione della vita reale. Il motion blur ridotto per ogni fotogramma migliora la nitidezza e fornisce al film un look come se fosse stato girato in 65mm o in IMAX. Uno dei vantaggi maggiori, in effetti, è che il nostro occhio vede il doppio delle immagini ogni secondo, dando una meravigliosa qualità immersiva al film. Il 3D diventa quindi molto meno fastidioso, gli occhi si affaticano meno. Gran parte dei motivi per cui al pubblico non piace il 3D è dovuto al fatto che l’occhio è costretto a compensare un mucchio di sfarfallii, sfocature e tremolii. Tutto questo sparisce con l’HFR 3D.

Dopo aver girato il film in HFR, che giudizi ne trai?
Penso che l'HFR sia favoloso. Come regista, cerco di rendere i miei film coinvolgenti. Voglio accompagnare il pubblico fuori dalla poltrona e catapultarlo nel mezzo dell’avventura. Questa è l'esperienza che spero di offrire agli spettatori, a prescindere dal formato in cui verrà proiettato il mio film. Personalmente preferisco vedere Lo Hobbit - un viaggio inaspettato in HFR 3D, ma posso assicurarvi che ciascun formato vi regalerà un'esperienza incredibilmente coinvolgente.
L’HFR 3D è "diverso". Vi sembrerà diverso dai film che siete abituati a vedere, proprio come i CD furono diversi dai dischi in vinile. Viviamo in un’era dove i cinema devono competere con gli iPad e i sistemi di intrattenimento casalingo. Ritengo sia necessario che i registi inizino a utilizzare le moderne tecnologie per incrementare l'esperienza di coinvolgimento e spettacolarità che il cinema dovrebbe assicurare. E’ un momento fantastico per andare al cinema.

Di seguito il link al post pubblicato da Peter Jackson sulla sua pagina Facebook in lingua originale: Q&A on HFR 3D

Fonte: SlashFilm



Commenti (27)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Bisocri pubblicato il 27 Novembre 2012, 11:04
Ho proprio letto ieri sul giornale che Peter Jackson dopo una preview che si è tenuta, mi sembra di ricordare, negli Stati Uniti ed essere stato soggetto a critica per questa scelta abbia dichiarato alla stampa che rilascerà il film a 24 fps e solo per certi cinema selezionati terrà fede al 48 fps da lui fortemente voluto...
Qualcuno ha letto la stessa cosa? Nello stesso articolo si diceva anche che in Nuova Zelanda stamperanno francobolli per questo film, visto che solo per il turismo cinematografico hanno ricavato in questi anni per Lord of The Rings qualcosa come 3,8 miliardi di dollari... Sembrano anche intenzionati ad emettere una serie di monete con la faccia di Bilbo...
Commento # 2 di: SydneyBlue120d pubblicato il 27 Novembre 2012, 12:03
Le critiche negative furono determinate anche dal fatto che il film era presentato in una veste ancora acerba dal punto di vista della post produzione. Le sale confermate in via ufficiosa sono alcune iSENS UCI, ufficialmente The Space Bologna e Mestre Cityplex, ma altri seguiranno.
Commento # 3 di: mariettiello pubblicato il 27 Novembre 2012, 13:10
dove trovo l'elenco delle sale iSENS compatibili? grazie
Commento # 4 di: SydneyBlue120d pubblicato il 27 Novembre 2012, 13:15
Originariamente inviato da: mariettiello;3706869
dove trovo l'elenco delle sale iSENS compatibili? grazie


Al link in firma ovviamente
Commento # 5 di: mariettiello pubblicato il 27 Novembre 2012, 13:27
mmmhh l'ho spulciata, ottimo lavoro...ma non ho trovato l'elenco delle sale HFR ready
Commento # 6 di: SydneyBlue120d pubblicato il 27 Novembre 2012, 13:29
Originariamente inviato da: mariettiello;3706898
mmmhh l'ho spulciata, ottimo lavoro...ma non ho trovato l'elenco delle sale HFR ready


Bastava cercare con HFR nella pagina

[B]Elenco Sale che proietteranno The Hobbit in 3D HFR:

[B]UCI iSense [B](ricordiamo che solitamente in queste strutture i film vengono sempre proiettati in formato Flat anche quando sono in Scope, tagliando metrate di immagine):


[LIST=1]
[*]Casoria
[*]Fiumara
[*]Lissone
[*]Parco Leonardo
[*]RomaEst
[/LIST]

[B]Sale The Space Cinema:

[LIST=1]
[*]Bologna
[/LIST]

[B]Strutture Indipendenti:

[LIST=1]
[*]Excelsior Mestre Cityplex - Mestre (VE)
[/LIST]
[/B][/B][/B][/B][/B]
Commento # 7 di: corry pubblicato il 27 Novembre 2012, 13:32
ciao, mi piacerebbe capire per quanto riguarda il bluray come verrà editato, a 48fps, o non è possibile?.
come funzionerà poi con gli attuali player tv e vpr? bisognerà cambiarli? sono curioso.
Commento # 8 di: SydneyBlue120d pubblicato il 27 Novembre 2012, 13:33
Secondo me il BR sarà in tranquillo 24FPS.
Commento # 9 di: wercide pubblicato il 27 Novembre 2012, 16:25
Originariamente inviato da: corry;3706911
per quanto riguarda il bluray

Questo è un mistero al momento anche se probabilmente si andrà di 24p.

Problemi:
1) Il problema più grande è lo spazio, un film in 48fps 3D è tecnicamente impossibile da fare entrare in un BD50.
2) Le specifiche BD permettono un massimo di 24fps in 1080p.
Possibili soluzioni:
1) Dividere il film in 2 dischi (Titanic)
2) Le specifiche potrebbero essere aggiornate.

Vedremo......
Commento # 10 di: Gaara80 pubblicato il 27 Novembre 2012, 19:05
Soluzione da idiota: se mettiamo i rispettivi motion flow dei nostri proiettori non otterremmo qualche cosa che somiglia ai 48fps?
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »