Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

James Cameron...in fondo al mar!

di Alessio Tambone, pubblicata il 16 Marzo 2012, all 09:25 nel canale CINEMA

“In attesa del ritorno in sala di Titanic in 3D, i riflettori sono comunque puntati su James Cameron, impegnato a raggiungere il punto più profondo della terra con la missione Deepsea Challenge. E non è un film!”

James Cameron entra nella storia. Non parliamo degli incassi di Titanic, Avatar o delle ricerche sul 3D effettuate in questi anni. Il regista di Aliens è stato nominato esploratore dal National Geographic e si appresta a portare a termine un'impresa che lo vede coinvolto da ben 7 anni. In questo momento Cameron sta raggiungendo il punto adatto per intraprendere una delle immersioni più pericolose della storia: raggiungerà a bordo di un sommergibile il punto più profondo della Terra, quella Fossa delle Marianne che nell'arco complessivo di lunghezza raggiunge i 10.994 ± 40 m sotto il livello del mare (misurazione del 7 dicembre 2011 realizzata mappando il fondo con il sonar Echosounder).

La missione è stata battezzata Deepsea Challenge e giunge 52 anni dopo quel 23 Gennaio 1960 che vide il batiscafo Trieste della U.S. Navy raggiungere il fondo per 20 minuti senza riuscire a raccogliere documenti visivi a causa delle proibitive condizioni di illuminazione. Cameron guiderà il suo sommergibile - suo nel senso che l'ha progettato personalmente - con l'intenzione di rimanere sul fondo per 4 ore.

Chiaramente la spedizione ha un intento scientifico e saranno raccolti campioni per uno studio biologico e geofisico, ma siamo coinvinti che le immagini catturate con le camere montate sul mezzo (tre camere, con due utilizzate per una ripresa stereoscopica e una Red Epic per immagini 5k) saranno la base per le esplorazioni dei mari di Pandora promesse in Avatar 2 e Avatar 3.

Oltre al video inserito nella news, consigliamo una lettura del sito ufficiale della spedizione. Molto ben organizzato, racconta le intenzioni, le strumentazioni e le difficoltà di Deepsea Challenge. E aggiorna le info minuto dopo minuto.

Sito ufficiale: deepseachallenge.com



Commenti (5)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: M@tteo79 pubblicato il 16 Marzo 2012, 10:15
Quest'uomo è un grande! La sua fenomenale immaginazione e il suo estremo desiderio di conoscenza dell'ignoto (visibile in tutti i suoi film) lo aiuta a realizzare imprese REALI che altri non riuscirebbero nemmeno ad immaginarsi. Il vero scienziato non è colui che ottiene un banale titolo di studio in una materia specifica ma è una persona come Cameron che possiede il desiderio innato della conoscenza e che fa di tutto per far si che questo desiderio venga colmato mettendo tutto se stesso e gran parte della propria pecunia nei progetti che intende realizzare. Non vedo l'ora di vedere il documentario in HD su Sky.
Commento # 2 di: StarKnight pubblicato il 16 Marzo 2012, 10:45
Cameron è veramente da ammirare. Non è solo un eccellente regista ma anche un ricercatore, nel suo campo, che osa sperimentare nuove tecnologie e nuove possibilità a volte estremamente costose o, come in questo caso, rischiose. Esperienze che poi gli servono anche nei suoi film... e vista la qualità ed il risultato ai botteghini direi che ripagano sempre a differenza di altri registi che si limitano ad inseguire e copiare facendo economia
Commento # 3 di: elegantman pubblicato il 16 Marzo 2012, 13:32
I grandi si distinguono sempre dalla massa.
Commento # 4 di: giovideo pubblicato il 16 Marzo 2012, 17:51
Originariamente inviato da: StarKnight;3455296
Cameron è veramente da ammirare. Non è solo un eccellente regista ma anche un ricercatore, nel suo campo, che osa sperimentare nuove tecnologie e nuove possibilità a volte estremamente costose o, come in questo caso, rischiose. ..........[CUT]


Rischiose? Ricorderò sempre l'episodio in Terminator 2: l'operatore Staedicam si rifiutò di fare una ripresa aerea perchè troppo rischiosa.
Allora Cameron indossò il giubbo portabraccio e con una Panavision da 15kg fece un carrello lungo 2 miglia seduto fuori dall'elicottero a 120Mph...... raggiungendo Swarzy che correva con l'Harley in un canale senza acqua..... Che Tempi....
Commento # 5 di: fantasminoformaggino pubblicato il 18 Marzo 2012, 15:45
se non erro CAMERON non e' certo nuovo a queste imprese titaniche ...... vedi The Ghost of the abyss dove la troupe di Cameron scende alla bellezza di 4000 metri di profondita' per andare a filmare il Titanic con dei robot sonda, se vi siete persi quel documentario ve lo consiglio caldamente in Blu Ray, sperando che uscira' anche in 3D dato che quella missione e' stata girata in 3D.

Cameron e' un grande.