Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Fox: dal 2013 addio alla pellicola

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 06 Settembre 2011, all 08:58 nel canale CINEMA

“La major cinematografica di Rupert Murdoch annuncia l'intenzione di abbandonare la distribuzione cinematografica di film in pellicola a partire dal 2013. Il futuro sarà quindi esclusivamente digitale (2K e 4K), ma molte sale devono ancora aggiornarsi”

L'annuncio è stato dato da Paolo Protti, presidente di AGIS e ANES, in occasione del Festival del Cinema di Venezia: Fox ha deciso che gli ultimi film distribuiti in pellicola vedranno la luce a fine 2012, mentre dal 1 gennaio 2013 la distribuzione avverrà esclusivamente in digitale. Una scelta senza via di ritorno e necessaria per contenere da una parte i costi di stampa e distribuzione e dall'altra assicurare maggiore sicurezza ai contenuti (il sistema DCI usato per i film in digitale nelle sale rimane ancora inviolato e ottimamente blindato....per ora! n.d.r.).

Se da una parte la notizia ci rende felici (la qualità del digitale 2K, per non parlare del 4K è decisamente superiore a una copia positiva in pellicola), dall'altra vedremo ora come reagirà il mondo degli esercenti. Sono, infatti, ancora molte (troppe) le sale non convertite al digitale e considerando i costi del passaggio, si rischia la scomparsa di un gran numero di strutture piccole o che non fanno parte dei grandi circuiti. Lo stesso Paolo Protti ha manifestato le sue preoccupazioni: "Se la transizione al digitale non viene fatta contemporaneamente da tutti e con strumenti di credito per le realtà meno forti, diventerà un vantaggio di pochi e un danno per tutti"

Fonte: E-Duesse



Commenti (32)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: guybrush pubblicato il 06 Settembre 2011, 09:43
Malinconia...

Che tristezza, forse sono io che sto invecchiando, però la pellicola ha un fascino completamente diverso dal digitale.
Commento # 2 di: the_real_redeagle pubblicato il 06 Settembre 2011, 09:45
Dopo la fotografia, anche il cinema arriva a questo punto... nemmeno a me piace, ma non ci si può fare nulla.
Commento # 3 di: the_real_redeagle pubblicato il 06 Settembre 2011, 09:46
... che poi almeno ce ne fossero di sale 4K, qui in Italia avremo cinema aggiornati al 2K quando in USA ci saranno proiezioni olografiche con feedback tattile.
Commento # 4 di: alpy pubblicato il 06 Settembre 2011, 10:13
Se è per quello puoi avere un ottima proiezione in 2K e una pessima in 4K. Appena installato, tutto in genere funziona a dovere. Bisogna vedere poi come durante il corso degli anni i gestori mantengono le strutture e curano le proiezioni.
Commento # 5 di: grezzo72 pubblicato il 06 Settembre 2011, 10:24
il progresso è inevitabile e se dal punto di vista della qualità io sono più che ottimista (ovviamente nel medio-lungo periodo! ), sono anche io preoccupato della transizione come scritto nell'articolo:
...Se la transizione al digitale non viene fatta contemporaneamente da tutti e con strumenti di credito per le realtà meno forti, diventerà un vantaggio di pochi e un danno per tutti...

la transizione si porterà dietro molti cadaveri piccoli e oltretutto non credo che una maggior concetrazione di pubblico verso le mega-strutture multisala possa portare benefici agli utenti finali ma solo maggiori introiti per i gestori.
Commento # 6 di: alpy pubblicato il 06 Settembre 2011, 10:39
Per quel che riguarda la qualità, la tecnologia è matura da tempo.
Contate anche che il 90% dei film oggi, anche se sono fotografati su pellicola, hanno comunque tutta la post-produzione digitale.
Da un unico master (Digital Intermediate) ormai ricavano tutto: DCP per il D-Cinema2/4K, le pellicole 35mm, i supporti home video come BD e i DvD.
In un certo senso con la proiezione digitale si ha la garanzia che quello che vedono negli studios durante il montaggio, ti arriva pari pari in sala (o a casa)....non essendoci più duplicati analogici di mezzo. E non è poco.
E' chiaro che per i piccoli esercenti, visto anche il brutto periodo generale, la difficoltà può essere grossa.
Commento # 7 di: Wiggaz pubblicato il 06 Settembre 2011, 12:03
Ma magari!
Io son stufo di pagare 7-8-10€ per vedere di m*rda. E scusate il francesismo!
Tutti i multisala se la menano con il 3D e poi 8 sale su 10 vanno ancora con la pellicola. Ma dai... è anacronistico.
Commento # 8 di: alpy pubblicato il 06 Settembre 2011, 12:14
Infatti io al cinema ormai ci vado pochissimo. Più che altro perchè con la diminuzione del numero di sale c'è sempre casino (alla faccia della crisi del cinema), la maleducazione della gente è imperante e non ultima, la qualità che spesso difetta. Comunque spero che la pellicola rimanga ancora a lungo nella cattura delle immagini. A me i film girati direttamente in digitale in genere non piacciono. Ben venga la proiezione, ma la ripresa, K o non K.....non c'è digitale che tenga.
Commento # 9 di: SydneyBlue120d pubblicato il 06 Settembre 2011, 12:46
Originariamente inviato da: the_real_redeagle
... che poi almeno ce ne fossero di sale 4K, qui in Italia avremo cinema aggiornati al 2K quando in USA ci saranno proiezioni olografiche con feedback tattile.


Veramente l'Italia dopo gli UK è uno degli Stati Europei col numero più alto di sale 4K...

Vedi il thread dedicato:

http://www.avmagazine.it/forum/showthread.php?t=178519
Commento # 10 di: SydneyBlue120d pubblicato il 06 Settembre 2011, 12:49
Originariamente inviato da: alpy
Comunque spero che la pellicola rimanga ancora a lungo nella cattura delle immagini. A me i film girati direttamente in digitale in genere non piacciono. Ben venga la proiezione, ma la ripresa, K o non K.....non c'è digitale che tenga.


Anche quella invece sta morendo La possibilità di girare fino a 5,5K a 96fps e proiettare in sala fino a a 48 o 60 fps a 4K con gli indiscutibili vantaggi a livello di fluidità e di luminosità credo metterà una pietra tombale nel medio lungo periodo anche sulle riprese in pellicola. D'altronde con macchine comode, maneggevoli ed anche relativamente economiche come le RED Epic ecc. è ovvio che la direzione sia quella
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »