Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Nuova tecnologia di compressione video Perseus

di Riccardo Riondino, pubblicata il 03 Aprile 2015, all 08:46 nel canale 4K

“Una nuova tecnologia di streaming video, sviluppata dalla compagnia britannica V-Nova, potrebbe dare il definitivo impulso alla diffusione di contenuti 4K Ultra HD ”

L'elevata ampiezza di banda richiesta per ricevere trasmissioni in 4K rappresenta uno dei principali ostacoli alla diffusione del formato UHD, particolarmente nel nostro paese, notoriamente non ai primi posti per il bit-rate medio fornito agli utenti. Un avanzato sistema di compressione video sembra ora in grado di ridurre il flusso dati necessario di più del 50%, secondo quanto riportato dalla BBC. Al momento i contenuti Ultra HD, forniti da servizi come Netflix, necessitano di una banda di almeno 25 Mbps per gestire una singola trasmissione 4K in streaming. La compagnia londinese V-Nova, del cui staff fanno parte tecnici responsabili dei codec MPEG e JPEG, ha sviluppato una nuova tecnologia di compressione dati, denominata Perseus. Il nuovo sistema dichiara un bit-rate di appena 7-8 Mbps per trasmettere contenuti video Ultra HD, permettendo così diversi streaming simultanei su un collegamento broadband a 25 Mbps.

Lo sviluppo della nuova tecnologia è il risultato di cinque anni di lavoro di un consorzio formato da venti compagnie, fra le quali Sky Italia, Broadcom, Hitachi Data Systems, Intel e l'Unione Europea di Radiodiffusione, meglio conosciuta come EBU (European Broadcasting Union). Il nuovo sistema di compressione è inoltre implementabile nei dispositivi esistenti mediante un semplice aggiornamento del firmware, e appare estremamente appetibile anche per il settore mobile, permettendo lo streaming di trasmissioni video in HD con il quantitativo di banda oggi necessario per i formati musicali (si parla di circa 500 kbps senza perdita di qualità). 

Fonte: What Hi-Fi



Commenti (13)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Jovi Java pubblicato il 03 Aprile 2015, 09:46
La notizia sembra allettante; stiamo a vedere se la qualità del materiale compresso e decodificato potrà essere paragonata a quella di un filmato non compresso e se i processori degli attuali dispositivi video potranno eseguire la decodifica senza grossi sforzi.
Commento # 2 di: red5goahead pubblicato il 03 Aprile 2015, 10:14
Sky on demand finalmente in HD. daje!
Commento # 3 di: vodolaz pubblicato il 03 Aprile 2015, 13:00
Originariamente inviato da: Jovi Java;4364040
...stiamo a vedere se la qualità del materiale compresso e decodificato potrà essere paragonata a quella di un filmato non compresso...
Non esistono supporti fisici o virtuali (streaming) che supportano materiale non compresso. Al momento il supporto con la maggiore qualità disponibile che abbiamo (parlo di FullHD visto che materiale 4K effettivo in giro ancora non se ne vede) è il Bluray che però ospita materiale codificato (compresso) con CoDec H.262/MPEG-2 Part 2 oppure H.264/MPEG-4 AVC oppure VC-1, con un data transfer rate massimo di 54 Mbit/s. Quindi visto che si parla di veicolare materiale UHD con data transfer rate di 7-8 Mbit/s, pur considerando l'utilizzo di CoDec molto più efficienti rispetto a quelli in uso su BR, tenderei a non aspettarmi miracoli ...
Commento # 4 di: ginogino pubblicato il 03 Aprile 2015, 13:14
@vodolaz

Naturalmente, bisognerà vedere come si comporterà effettivamente questo nuovo codec, ma da quello che ho letto, pur avendo la stessa qualità e compressione di evac e h265, questa si possa già utilizzare con l'hardware attuale, quindi se fosse tutto vero, per quanto riguarda i ricevitori sky, basterebbe solo aggiornare il firmware.
Commento # 5 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 03 Aprile 2015, 14:54
Lo chiedo in prova, che dite?

Emidio
Commento # 6 di: red5goahead pubblicato il 03 Aprile 2015, 15:07
Non sarebbe male, se ci fosse anche solo un codec filter per Windows (intendo il decoder) e un file di prova sarebbe anche semplice. Ma temo sia qualcosa di molto proprietario e molto chiuso.
Spero Sky che nelle segrete stanze stia covando qualcosa, per l'on-demand intendo
Commento # 7 di: Jovi Java pubblicato il 03 Aprile 2015, 15:07
Beh, non posso che essere d'accordo!
Una bella prova comparativa, magari con confronto diretto frate to frame tra le due codifiche, toglierebbe molti dubbi!
Commento # 8 di: lapro97 pubblicato il 03 Aprile 2015, 17:14
Originariamente inviato da: vodolaz;4364163
Non esistono supporti fisici o virtuali (streaming) che supportano materiale non compresso.


Arriverà mai 'sta roba?

http://en.wikipedia.org/wiki/Holographic_Versatile_Disc

Intanto sono già passati 10 anni.

http://www.avmagazine.it/news/sorgenti/29.html
Commento # 9 di: g_andrini pubblicato il 04 Aprile 2015, 02:05
Credo che il trucco consiste nel settare il codec in modo da evitare le quadrettature, ma appiattendo l'immagine. La base deve essere necessariamente l'H.264, altrimenti l'hardware non potrebbe decodificare nativamente.
Commento # 10 di: red5goahead pubblicato il 04 Aprile 2015, 11:51
Originariamente inviato da: g_andrini;4364444
La base deve essere necessariamente l'H.264, altrimenti l'hardware non potrebbe decodificare nativamente.


Non è detto , su alcune Nvidia hanno già aggiornato il driver per decodifica nativa per hevc. E' una leggenda che dentro l'hardware ci sia qualche componente discreto non aggiornabile che svolge compiti altrimenti impossibili ad un normale processore.
E' molto probabile che per codificare abbiano sì necessità di potenza di calcolo enormi ma per decodificare molto meno e non ci sia molta differenza con quelli attuali più conosciuti.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »