Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Anteprima Sharp Quattron Pro LC-60UQ10E

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 06 Aprile 2014 nel canale DISPLAY

“A Milano, lo scorso 27 Marzo, Sharp ha presentato la nuova linea di televisori LCD denominati Quattron Pro, con una risoluzione nativa 2,5 volte superiore al full HD, a metà strada tra il full HD e l'Ultra HD 4K e ad un prezzo che è molto più vicino a quello di un full HD”

Prima verifica con immagini test


- click per ingrandire (pulsante dx e "apri in altra scheda" per risoluzione max) -

Vista la ghiotta occasione, non ho perso tempo e ho costruito al voto una immagine test a risoluzione nativa Ultra HD 4K (3840x2160) per verificarne la riproduzione con il nuovo Quattron Pro LC-60UQ10E che era a disposizione. L'immagine test è quella più a sinistra (si tratta di un particolare), mentre a destra c'è la foto del particolare riprodotto dal Quattron Pro.

A parte qualche arteffatto di anti-aliasing, da verificare con le impostazioni del menu avanzato, c'è da dire che il nuovo Quattron Pro sembra garantire proprio tutto quello che ha promesso. Non c'è solo il raddoppio della risoluzione verticale, ma anche una leggera percezione dell'aumento di quella orizzontale, grazie all'utilizzo intelligente dei singoli sub-pixel. Quando avrò un TV in laboratorio, con la tranquillità necessaria, cercherò di capire se la riproduzione è migliorabile, eliminando l'anti-aliasing per tirar fuori ancora più informazioni.


Un'altra delle immagini test in 4K "confezionata" al volo, usando la carta test di AVSHD
- click per ingrandire (pulsante dx e "apri in altra scheda" per risoluzione max) -

Con alcune immagini test non c'è lo stesso vantaggio. Ad esempio, con pattern di singoli pixel disposti in diagonale (come da segnale test che è nel disco AVSHD), il risultato è una zona di grigio compatto. Anche qui sarebbero da verificare le varie impostazioni del DSP video che si occupa dell'utilizzo intelligente dei sub-pixel e un confronto con i tecnici giapponesi... Spero che, grazie a Sharp, venga messo in grado di approfondire l'interessante argomento nel più breve tempo possibile.