Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Unbroken

di CineMan , pubblicato il 09 Giugno 2015 nel canale SOFTWARE

“L'incredibile epopea dell'italo-americano Louis Zamperini nel secondo film diretto da Angelina Jolie. Distribuzione del disco firmata da Universal Home Video”

- click per ingrandire -

Nato negli Stati Uniti da famiglia italiana Louis Zamperini (C.J. Valleroy/Jack O'Connell) nonostante la giovane età è uno scapestrato malvisto emigrante che mette spesso in imbarazzo i genitori. Vedendolo correre il fratello ne intuisce le potenzialità motivandolo a coltivare fisico e resistenza portando Louis a vincere innumerevoli competizioni locali negli anni '30. Ancora atleticamente acerbo partecipa comunque alle Olimpiadi nella Berlino nazista del 1939, dove nei 5000 piani arriva ottavo ma stabilisce il record per l'ultimo giro di pista più veloce, pronto a salire sul podio alle successive che si sarebbero dovute svolgere a Tokyo.

Lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale vede l'atleta arruolato nell'aviazione prestando servizio su un bombardiere B-24 che durante una missione di salvataggio è costretto a un ammaraggio di fortuna. Assieme ad altri due compagni usciti vivi dal tremendo impatto naufraga in pieno Oceano Pacifico: affronterà squali, intemperie, proiettili nemici, mangiando pesce crudo e bevendo acqua piovana poi catturato dai giapponesi dopo 47 giorni di stenti. Segregato in diversi campi di prigionia affronta terribili sevizie, in particolare da parte del perverso sottufficiale Matsuhiro Watanabe (Takamasa Ishihara) che non perde occasione per torturarlo, sfinirlo nel corpo e nella mente al tempo stesso sempre meno in grado di resistere alla battaglia psicologica indotta da un prigioniero che ogni volta che sta per cadere si rialza sempre più forte e motivato.

- click per ingrandire - click con pulsante dx e "apri in altra finestra" per l'immagine full HD -

Biopic di maniera per la seconda regia di Angelina Jolie che pare più interessata a celebrare la vita di un santo piuttosto che raccontarne l'incredibile epopea umana, quella di un uomo certo fortunato ma al tempo stesso sublime esempio di forza di volontà, coraggio e carattere. Ruolo impersonato dal giovane talentuoso Jack O'Connell che l'anno scorso ha interpretato (nell'inedito “'71”) un disorientato e inesperto soldato britannico che nella Belfast del 1971 finisce 'dietro' le linee nemiche, inseguito non solo da terroristi dell'IRA ma anche dai servizi segreti inglesi che vogliono la sua testa.

- click per ingrandire - click con pulsante dx e "apri in altra finestra" per l'immagine full HD -

Questo “Unbroken” è un film che vale comunque la pena di essere visto, facendo eventualmente lo slalom tra qualche evidente effetto CGI di troppo, per scoprire l'indistruttibile Louis Zamperini anche se all'interno di un racconto a senso unico in cui esistono solo bianco e nero, dove gli americani sono i buoni e i giapponesi il male, dove le sfumature se mai ci sono state sono finite affogate in una sceneggiatura, scritta nientemeno che dai fratelli Cohen assieme a William Nicholson (“Il gladiatore”, “Les Misérables” del 2012) e Richard LaGravenese (“I ponti di Madison County”, “La leggenda del re pescatore”), intrisa di retorica a stelle e strisce staccata di molte lunghezze da altre biografie su grande schermo come quella dedicata al veterano Ron Kovic in “Nato il quattro di luglio” di Oliver Stone.

- click per ingrandire - click con pulsante dx e "apri in altra finestra" per l'immagine full HD -

Piccola parte per Jay Courtney (il nuovo Kyle Reese nell'imminente “Terminator Genisys”), nel cast anche l'ottimo Domhnall Gleeson (figlio del bravissimo Brendan) mentre nel ruolo dei genitori di Louis due attori italiani: Maddalena Ischiale e Vincenzo Amato che in parte hanno recitato anche in italiano. Il sadico sottufficiale nipponico è impersonato dal monocorde Takamasa Ishihara in arte Miyavi, sorprendente ed eclettico chitarrista rock giapponese. Co-prodotto dalla stessa Jolie con un budget di 65 milioni di dollari il film è stato un successo ai botteghini incassandone nel mondo oltre 115.

- click per ingrandire - click con pulsante dx e "apri in altra finestra" per l'immagine full HD -

Qualità video

BD-50, codifica video AVC/MPEG-4, aspect ratio 2.40:1 (1920x1080/23.97p) l'opera 'cuba' circa 30,9 Gb.

Girato interamente in digitale (Arri Alexa XT/M/Plus/Studio, ARRIRAW 2.8K, fonte IMDB, ndr) definizione elevata e risalto elementi in secondo piano e background indipendentemente dalle condizioni di luce, elementi desaturati con saltuaria prevalenza di toni di grigio restituiscono la scena storica e calano lo spettatore nel giusto mood. Profondità neri e solida resa dei frame con qualche incertezza in presenza di effetti CGI che rischiano l'evidenza in presenza di schermi di grandi dimensioni.

Analisi del bitrate
- click per ingrandire -

Qualità audio

La centralizzazione del progetto ha portato a scegliere la traccia AC-3 5.1 canali per l'italiano (640 kbps assieme a spagnolo, francese, tedesco e russo) e un risultato sopra la media nell'ascolto multicanale quantomeno per il fronte anteriore, con sostegno elementi discreti e dialoghi ottimamente contrastati dal centrale e presenza altrettanto dignitosa del subwoofer, si sente per contro la mancanza di maggiore sostanza per la sezione rear.

Eccellente l'originale inglese nell'innovativa codifica Dolby ATMOS che in assenza del relativo decoder si trasforma in una altrettanto strepitosa Dolby TrueHD 7.1 canali (core @640 kbps) ricca e con alcuni passaggi entusiasmanti senza per questo caricare fuori misura gli elementi sonori di contorno. Il consiglio è quello di darvi comunque un ascolto per vivere una diversa atmosfera cui hanno contribuito anche alcuni dialoghi in italiano. Presente ulteriore traccia AC-3 2.0 canali inglese (192 kbps) descrittivo non vedenti.

- click per ingrandire - click con pulsante dx e "apri in altra finestra" per l'immagine full HD -

Extra (HD)

Dieci sequenze eliminate dal montaggio finale (16'), la lunga genesi del film a partire dal libro scritto dallo stesso Zamperini i cui diritti cinematografici vennero acquistati nel lontano 1956 e che vedevano Tony Curtis nel ruolo principale (27'), focus sul vero Louis Zamperini (30'), estratto del concerto di Miyavi in esclusiva per cast e troupe (8'), “Teatro nel campo di prigionia: Cenerentola” racconta la messa in scena teatrale all'interno del film come metafora per i prigionieri (6'), ulteriore capitolo su Zamperini e il percorso di redenzione morale dopo il ritorno a casa (7'). Sottotitoli in italiano.

- click per ingrandire - click con pulsante dx e "apri in altra finestra" per l'immagine full HD -

La pagella secondo CineMan

Film  6,5 
Authoring  6,5 
Video  9 
Audio ITA  7,5 
Audio V.O.  9,5 
Extra  7,5 

 

Articoli correlati

Home Video HD: giugno

Home Video HD: giugno

Panoramica sulle uscite home video in alta definizione per il mese di giugno. Pubblichiamo il calendario delle uscite Blu-ray evidenziando i prodotti meritevoli di attenzione sul piano tecnico o artistico. Buona collezione a tutti
Top Vendite HD: aprile 2015

Top Vendite HD: aprile 2015

Classifica dei 10 Blu-ray più venduti nel mese di aprile, una puntuale elaborazione Univideo su dati GFK che racchiude le maggiori vendite in alta risoluzione dello scorso mese



Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: MISTERESSE pubblicato il 16 Giugno 2015, 09:22
Berlino 36

Una piccola inesattezza storica,le olimpiadi di Berlino si svolsero nel 1936.