Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Sony Bravia 4K KD-65X8505C

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 02 Settembre 2015 nel canale 4K

“L'esponente più economico tra gli schermi 4K con diagonale da 65" del catalogo Sony, è dotato di sistema operativo Android TV, presenta alcune novità molto interessanti soprattutto tra gli strumenti dedicati alla qualità d'immagine e si candida a vero blockbuster nella sua fascia di mercato.”

Costruzione, sistema Android e funzioni


- click per ingrandire -

Il nuovo X85C Sony ha una linea essenziale, con cornice molto sottile e una profondità massima contenuta in appena 7,8 centimetri che ne rende consigliabile anche il montaggio a parete. Il piedistallo, in metallo lucido, è simile a quelli già visti in alcuni TV Bravia della passata stagione ed ha un ingombro che in profondità arriva a poco più di 26 cm. In basso, in posizione centrale e subito al di sotto del logo Sony, c'è un grande LED multifunzione che può essere anche escluso per le visioni in ambiente completamente oscurato. I diffusori, disposti sul pannello inferiore e rivolti verso il basso (down-firing) hanno rivelato una buona pressione sonora ma una estensione in frequenza limitata soprattutto per le alte frequenze.

 
- click per ingrandire -

Quasi tutte le porte di collegamento sono sistemate nella parte destra del pannello posteriore. Abbiamo ben quattro porte HDMI, tutte di tipo 2.0 e compatibili con la protezione HDCP 2.2 ed una di queste anche con il protocollo MHL. Le interfacce USB sono tre, due con corrente di 500mAh ed una con ben 900 mAh, quest'ultima da utilizzare per supporti di memoria esterna come HDD portatili. Non manca la porta PCMCIA per CAM di decodifica, mentre sullo stesso pannello con l'uscita ottica TOSLink, abbiamo anche un'ingresso video SCART e uno in videocomposito, con annesso ingresso audio analogico.


L'accensione del TV Sony Bravia 65X8505C e alcune immagini del gioco Sky Force
- click per mandare in play -

La novità più interessante del nuovo TV Sony è rappresentata dal sistema operativo Android TV che governa tutte le funzioni del TV e con una implementazione che mi ha lasciato parecchio perplesso, sin dalla prima accensione, con l'animazione del logo "Android TV" che procede a scatti. Nonostante il TV sia già in vendita da qualche giorno, nonstante un ulteriore aggiornamento firmware arrivato poco dopo la metà del mese di luglio, ho trovato alcune funzioni ancora non attive e una generale lentezza nella navigazione in alcuni menu, anche nei videogiochi più semplici e non solo: vi basti pensare che il tempo necessario per il cambio dei canali è da far perdere la pazienza: fino a quasi 5 secondi per passare da un canale ad un altro, anche se fa parte dello stesso MUX. Altre incertezze le ho trovate nel rendering di contenuti in streaming, con qualche scattosità anche nella riproduzione dei contenuti dei Berliner Filarmoniker (l'unico che sono riuscito a provare, visto il poco tempo a disposizione), sia a risoluzione HD che a risoluzione SD.


- click per ingrandire -

Benché si tratti dei un sistema operativo Android, in versione 5.0 Lollipop, l'aspetto è completamente diverso rispetto a quello di un moderno smartphone ed è al contrario molto simile alle ultime versioni del menu dei TV sony Bravia, con le voci organizzate in linee a scorrimento orizzontale, suddivise per temi e funzioni. La schermata home porta in primo piano i contenuti "consigliati", soprattutto da Youtube ed è probabile che con il passare dei giorni vengano aggiornati in base alle proprie preferenze. Nella barra in alto, a sinistra c'è la funzione ricerca attivabile anche a voce, attraverso il microfono che è sul telecomando "touch", in dotazione, mentre a destra c'è l'ora corrente. Più in basso ci sono le app principali, quelle installate dall'utente finale, gli ingressi e l'accesso alle impostazioni del TV che vedremo nel dettaglio nella pagina successiva.

Nelle due settimane che ho avuto a disposizione il TV ho potuto verificare il funzionamento solo delle funzioni principali poiché sono stato in grado di scaricare un firmware abbastanza completo e stabile, finalmente con un browser web, solo lo scorso 18 luglio. Secondo alcune indiscrezioni - NON CONFERMATE - sembra che nelle prossime settimane, tra agosto e settembre, ci saranno altri aggiornamenti, con l'aggiunta di alcune funzioni e di altre compatibilità, come quella con il canale test 4K di Astra. A questo punto credo sarà meglio tornare all'approfondimento di questo nuovo sistema operativo nella seconda metà di settembre, quando avrò a disposizione un altro TV Sony Bravia con Android TV, con tutte le opzioni funzionanti, ad iniziare dalla ricerca.