Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Panasonic 4K Pro CX800 e CR850

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 15 Luglio 2015 nel canale 4K

“Panasonic ha mostrato alla stampa specializzata la nuova line-up di fascia alta dei TV LCD a risoluzione 4K con schermi piatti e curvi fino a 65", luminanza molto elevata, gamut colore DCI, compatibilità con i contenuti HDR e nuova unità di retroilluminazione con inediti LED con fosfori rossi ad ampio gamut”

LAB: misure preliminari sul TX-65CX800E

 
A sinistra l'ottima uniformità del CX800; a detra il CR850
- click per ingrandire -

Nel primo pomeriggio, grazie alla disponibilità di Panasonic Italia, ho potuto fare qualche misurazione sui due nuovi sample TX-65CX800E e TX-65CR850E. Solo per primo però ho avuto il permesso di pubblicare le misurazioni poiché il modello curvo era molto lontano dall'essere perfetto e probabilmente ancora in fase di sviluppo. Il sample del CX800 invece mi ha impressionato per qualità e coerenza con quanto promesso. In particolare l'estensione del gamut, la copertura dello spazio DCI, la luminanza massima (pari ad oltre 500 nit) e il rapporto di contrasto nativo (circa a 4.500:1, tra i più elevati in assoluto mai misurati per un display LCD), ne fanno uno dei migliori display mai misurati. Vi ricordo inoltre che si tratta di un campio ne NON definitivo e per il test vero e proprio divremo attendere un prodotto finale. Vediamo ora nel dettaglio qualche rilevazione su questo campione, partendo proprio dal gamut.

  
Da sinistra gamut DCI, gamut HD e grafico con luminanza e saturazione dei primari e secondari
- click per ingrandire -

Ho effettuato le misure con una sonda EODIS3 con profilo per LCD-VA con ampio gamut ma senza uno spettrometro di riferimento, segnali test 4K 30p con APL (average picture level = livello medio dell'immagine) rigorosamente al 50%, software HCFR 3.3.4 e sonda posizionata al vertice dell'area utile per evitare l'influenza del local dimming. Il primo grafico a sinistra si riferisce al gamut nativo del TV, con bilanciamento del bianco "normale", particolarmente "freddo", situazione che penalizza notoriamente la riproduzione dei colori complementari giallo, magenta e ciano. Al centro c'è il gamut con le impostazioni predefinite "REC.709" in modalità "personal", con tutti i filtri disattivati, bilanciamento del bianco in "caldo 2" e gamma predefinito 2.2. Si tratta di una prestazione eccellente, anche se devo segnalare una leggerissima sotto-saturazione dell'arco di colore dal ciano fino al rosso. Nel grafico più a destra potete osservare saturazione (in alto) e Delta E (uv) dei quattro punti di misura dei colori primari e secondari a passi del 25% di saturazione. Prestazione già ottima e migliorabile con una taratura non impegnativa.


- click per ingrandire -

Ottime notizie anche dal bilanciamento del bianco misurato con le stesse impostazioni per il gamut in alta definizione, quindi con bilanciamento del bianco predefinito "caldo 2" e senza alcuna calibrazione manuale. Prestazione molto buona, con Delta E (uv) contenuto e decisamente migliorabile con una calibrazione.

 
A sinistra CURVA di luminanza sulle basse luci; a destra valori del gamma dal 5% al 95%
- click per ingrandire -

Ecco infine l'ottima curva del gamma, anche qui con le impostazioni predefinite "personale", "caldo 2" e "rec.709". In realtà il valore di 2.3 al 5% della scala dei grigi è un po' troppo elevato, anche per un pannello con rapporto di contrasto superiore a 4.000:1. Infatti, sui primissimi gradini della scala dei grigi (grafico a sinistra) c'è una espansione evidente già a partire dal 4% di intensità del segnale in ingresso. In questo caso la calibrazione fine, anche solo agendo sul controllo di luminosità, permetterà di trovare sicuramente un migliore compromesso, senza affogare i particolari sulle basse luci.