Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Schueco BlueCon - Addio chiavi di casa?

di Franco Baiocchi, pubblicata il 20 Marzo 2019, alle 13:25 nel canale MOBILE

“Ci sarÓ l'addio alle chiavi di casa? Grazie alla nuova tecnologia SchŘco BlueCon Ŕ possibile l'apertura del portone di casa grazie alla connessione tramite smartphone. ”


- click per ingrandire -

Schüco presenta la nuova tecnologia Schüco BlueCon, che permette l'apertura della porta di casa senza l'utilizzo delle chiavi grazie alla sola vicinanza del proprio smartphone: il sistema sfrutta la tecnologia Bluetooth per riconoscere l'app dedicata Schüco BlueCon (disponibile sia per device iOS che Android con doppia tecnologia di crittografia AES a 128 bit), e sbloccare la serratura motorizzata non appena l’utente entra nel raggio di rilevamento. L’apertura della porta può essere gestita sia in modalità manuale, con un tocco sull’app, sia in modalità automatica, con la quale basta la vicinanza dello smartphone.

Lo sblocco automatico della serratura si attiva solo quando ci si avvicina alla porta per la prima volta. Per poterla nuovamente aprire è necessario allontanarsi dal raggio di rilevamento, programmabile a piacere, e riavvicinarsi: la funzione di geolocalizzazione, infatti, rileva la posizione dello smartphone ed evita aperture indesiderate quando si passa nei pressi dell’ingresso. Il sistema, inoltre, è stato progettato come una tecnologia plug&play a scomparsa che non modifica il design originale della porta. Può essere integrato quindi sia sulle nuove soluzioni, sia su porte d’ingresso già esistenti che prevedano una serratura motorizzata o dei collegamenti elettrici.

Con la tecnologia Schüco BlueCon il proprietario della casa può garantire a familiari, ospiti, addetti alle pulizie e personale tecnico l’accesso all’abitazione anche in sua assenza, assegnando una password di accesso permanente, per periodi ricorrenti o limitata nel tempo; tutte le attività sono registrate e consultabili grazie alla stessa app.

fonte: Goodwill PR



Commenti