Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Samsung-LG: 11,6B US $ in OLED flessibili

di Riccardo Riondino, pubblicata il 03 Novembre 2016, all 09:56 nel canale DISPLAY

“Si accende ancora una volta la competizione tra le due multinazionali coreane, che si sfideranno nel mercato degli OLED flessibili per aggiudicarsi le forniture del prossimo iPhone 8, che potrebbe nel giro di due anni comportare la produzione di 100 milioni di schermi da 5,5" ogni anno”

Pur rinunciando al momento a sviluppare televisori OLED, Samsung produce addirittura il 95% degli OLED di taglio medio-piccolo per laptop e dispositivi mobile. Una parte crescente di questi sono di tipo flessibile, impiegati anche nei device wearable e forniti ad altri costruttori, la cui richiesta è aumentata sensibilmente dopo il gradimento riscontrato dai Galaxy S6/S7 Edge.

Entro la fine del 2016 Samsung Display investirà complessivamente circa 9,7 miliardi di dollari per incrementare la produzione di OLED flessibili, una cifra annuale mai stanziata finora per questa tecnologia. Per il produttore coreano si avvicina del resto una scadenza estremamente importante, rappresentata dall'arrivo di iPhone 8 nel 2017. 

Sembra infatti certo che la prossima generazione degli smartphone di Apple impiegherà display OLED flessibili. Questa caratteristica riguarderà inizialmente solo la versione top di gamma, ma si prevede che nel 2018 verrà estesa fino al 50% delle unità prodotte. Per Samsung si aprirebbe quindi la prospettiva di una fornitura pari a 100 milioni di schermi ogni anno.

Grazie al potenziamento della linea A3, dagli attuali 15.000 a 70.000 substrati mensili, Samsung sarà in grado di produrre annualmente 170 milioni di display flessibili da 5,5".

Il concorrente più insidioso è ancora una volta LG, che attualmente produce solo 14.000 substrati flessibili al mese, ma nel 2018 attiverà a Paju un'impianto POLED di sesta generazione. Già entro il primo semestre del prossimo anno dovrebbe inoltre essere operativa la linea E5 Gen-6 di Gumi.

La competizione per la fornitura degli OLED flessibili si prospetta quindi molto accesa, portando nell'anno in corso gli investimenti combinati delle due compagnie a circa 11,6 miliardi di dollari. Tra qualche anno Apple potrebbe comunque produrre in proprio display flessibili, qualora i suoi investimenti nella tecnologia MicroLED si rivelassero proficui.

Fonte: Business Korea



Commenti