Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

"Shoot!": giovani registi su PlayStation

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 17 Novembre 2008, all 15:13 nel canale HT

“Sony Computer Entertainment Europe ha lanciato Shoot!, una nuova iniziativa che offrirà una serie di cortometraggi da scaricare su PS3 e su PSP tramite sul portale PlayStation Network”

A partire dallo scorso 13 novembre, SCEE ha lanciato "Shoot!", una nuova iniziativa con cui gli utenti PS3 e PSP possono fruire della visione di film all’avanguardia, realizzati da registi intraprendenti. I film saranno inoltre trasmessi, a partire da gennaio 2009, sugli schermi europei dal canale ShortsTV.

Il progetto ha visto sei pluripremiati produttori e film maker di Hollywood (Armendariz, Bruckheimer, Kounen, Rothermund, Vinterberg, Winterbottom) scegliere un regista emergente del proprio Paese da affiancare, in qualità di mentore, nella realizzazione di un cortometraggio. I registi selezionati hanno poi proceduto alla realizzazione di un film, girato in Alta Definizione e incentrato, in base al brief iniziale, su una serie di parole chiave che contraddistinguono l’essenza del mondo PlayStation: gioco, creatività, interattività, condivisione, scoperta e sfida. I corti saranno presentati a Berlino, dove si svolgerà la cerimonia di premiazione del miglior lavoro realizzato, in concomitanza con il Film Festival della capitale tedesca in programma il prossimo febbraio.

"Oltre a offrire un’esperienza di intrattenimento di primissimo piano per gli amanti del cinema e per la PlayStation community, Shoot! è un esempio concreto di come PlayStation riesca a stimolare interattività e creatività – ha affermato Mark Hardy, European Marketing Director di Sony Computer Entertainment Europe –. Incoraggiare lo scambio di idee e contenuti di intrattenimento creati dagli stessi utenti costituisce, in larga parte, la ragion d’essere del nostro mondo". Secondo Carter Pilcher - Amministratore Delegato di Shorts International – "Il PlayStation Network costituisce un fantastico nuovo strumento per veicolare i cortometraggi".

I film sono stati girati secondo gli standard di produzione hollywoodiana, trattano vari temi e sono interpretati da attori di primo piano a livello mondiale quali: Colin Salmon (Tomorrow Never Dies, 8.3 Minutes), Phil Davies (Vera Drake, Secrets and Lies, Bitter) e John Sessions (In The Name Of The Father, Dylan, Bitter). Le scene sono state realizzate in varie location: dai leggendari Pinewood Studios ai laghi e ai paesaggi del Canada e di New York. Ciascun film avrà contenuti extra come il backstage delle riprese, le interviste al cast e la presentazione del film da parte del “mentore”. Una vetrina unica per il mondo dei cortometraggi e - per gli utenti del PlayStation Network - un esempio trainante sulla possibilità di trasformare un soggetto cinematografico in realtà.

Bitter - Joel Wilson e Jamie Campbell sono due dei migliori giovani registi emergenti del Regno Unito. Oltre ad aver lavorato a un buon numero di cortometraggi, hanno realizzato spot commerciali per Virgin Trains, Kodak, Walkers Crisps, il quotidiano The Times e hanno poi fondato la Eleven Film Limited, che ha prodotto diversi documentari per la BBC e per Channel 4. ‘Bitter’ è la storia di un uomo alle prese con il primo appuntamento per conoscere il fidanzato della figlia. L’incontro rivela all’uomo il suo peggiore incubo: il partner della figlia ha la sua stessa età. 

Citizen Hero – Christophe Perie è un trentenne giovane produttore cinematografico. Prima di realizzare film, è stato direttore artistico, a Parigi, per la realizzazione di vari spot commerciali per la TV francese, avendo l’opportunità di lavorare al fianco di registi del calibro di Rémy Belvaux (Man Bites Dog) e Luc Besson (The Professional, The Fifth Element). Allo stesso tempo Christophe ha svolto il ruolo di assistente di regia, per la realizzazione di varie produzioni internazionali, lavorando con registi quali M.Night Shyamalan, Ron Howard, Alfunso Cuaron, Gus Van Sant, Oliver Schmitz, Walter Salles. Nel 2007, ha realizzato il suo primo cortometraggio - “CUISINE AMERICAINE”, una commedia nera della durata di quattro minuti. Successivamente è tornato nel campo pubblicitario, ma questa volta in qualità di regista. “CITIZEN HERO” è il suo secondo cortometraggio e per il 2009 si prepara a girare il suo primo progetto di lungometraggio.

Prison Food - Uwe Flade nasce a Monaco nel 1971, ma ora vive e lavora a Berlino, dove si è fatto conoscere lavorando nel campo dei video musicali realizzati per artisti quali i Depeche Mode, Franz Ferdinand, In Extremo, Nickelback e Rammstein. Il suo film, Prison Food, ambientato in una cella di prigione nel corso di uno speciale pomeriggio domenicale, è una storia che racconta il senso di prigionia, la tensione e il potere dell’immaginazione umana. Grazie unicamente al conforto della propria mente e di una palla, i personaggi immaginano una vita migliore, libera dalla monotonia, con interruzioni che li riportano bruscamente alla realtà. 

Hands - Il regista Xavi Jose vanta un ricco curriculum, costruito nel corso degli anni, in cui figurano numerose esperienze come operatore cinematografico, fotografo e direttore di fotografia, da Berlino a Barcellona, e con un portafoglio di clienti quali Calvin Klein e la band svedese Sahara Hotnights. Il suo cortometraggio, Hands, il primo in qualità di regista, è una’ffascinante e malinconica caratterizzazione di personaggi dalle mille sfaccettature. Una storia accattivante e scioccante che ha per protagonista una coppia sull’orlo di una crisi, per via di un pericoloso segreto. 

8.3 Minutes – L’acclamato fotografo Klaus Thymann ha dato prova di avere un talento straordinario. Il suo lavoro fotografico ha riscosso grande successo in ID, Dazed & Confused, The Face, e GQ. Thymann ha inoltre realizzato campagne visual per Coca-Cola, Levi’s, Adidas, BMW e Nike, e ha co-fondato Black Box, un magazine di arte e design. Il suo cortometraggio, 8.3 Minutes, unisce elementi della cultura Maya e della moderna tecnologia per esplorare le contraddizioni tra scienza e mito. Il lavoro di Thymann si interroga su ciò che differenzia i nostri credi nella sfera spirituale rispetto alla “cruda realtà”. Sorprendente e drammatico il finale.

The Dreaming - Anthony Green è un giovane regista canadese intento ad esplorare i problemi globali e la morale contemporanea attraverso il mezzo cinematografico. Attualmente vive a Londra, dove sta completando un corso post universitario in Media e Comunicazione presso la London School of Economics. La sua tesi affronterà l’argomento dell’impatto dell’industria motion picture sui cambiamenti sociali. All’età di 21 anni, Anthony ha scritto e diretto PIGEON, il suo primo cortometraggio di successo a livello internazionale. Il film racconta la storia vera del tentativo di fuga di Susi Penzias dalla Francia occupata dalle truppe nazi-fasciste nel 1941. Oltre ad essere stato presentato in oltre venti film festival e ad aver vinto numerosi premi, PIGEON è stato menzionato come modello nel libro di Ken Dancynger e Pat Cooper Writing the Short Film ed è ancora oggi proiettato nelle aule di numerose scuole come testimonianza dell’olocausto. Nel 2005 Anthony si è laureato alla New York University’s Tisch School of the Arts. Il suo film tesi, SCREENING, affronta il delicato tema razziale, nello scenario del “sentimento anti islamico” post 11 settembre 2001. Il cortometraggio, di 16 minuti, è stato premiato nel 2006 al Toronto International Film Festival ed è stato proiettato in numerosi festival, collezionando oltre 20 premi tra i quali lo Student Academy Award for Best Narrative Picture nella primavera del 2007, oltre alla candidatura, a marzo 2008, per il Best Live Action Short presso i Canadian Genie Awards. Tra i lavori di Anthony merita poi particolare attenzione il documentario di 70 minuti “Salt of the Earth” realizzato nel corso del “Bigger Bang” tour dei Rolling Stones. Attraverso 120 città e 40 Paesi, Anthony ha registrato la vita sul palco e dietro le quinte della leggendaria rock band e il suo prodotto, confezionato assieme a 3 concerti live, è già un best seller.

Grazie alla capacità di immagazzinare contenuti multimediali e grazie all’accesso al PlayStation Network, PS3 e PSP offrono la possibilità agli utenti di esplorare i propri interessi creativi e le proprie passioni – dai videogiochi alla fotografia, dai film alla musica. Sulla scia del progetto musicale Moovement , l’operazione Shoot! fornisce un ulteriore assaggio dell’ampia gamma di esperienze che la nuova community globale Playstation consente di esplorare, vivere e condividere.

Per maggiori informazioni: www.PSShoot.com

Fonte: SCEI



Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: manuel74 pubblicato il 17 Novembre 2008, 17:24
Ma si pagheranno su PS store ?

bye
Manuel