Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Lexicon BD-30: BD "universale" certificato THX

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 27 Luglio 2009, all 14:00 nel canale HT

“La prestigiosa casa americana annuncia l'arrivo del suo primo lettore Blu-ray e lo fa con una sorgente universale in grado di riprodurre anche i DVD-Audio e i SACD, completo di uscite analogiche 7.1 e certificazione THX”

Lexicon (marchio high-end del gruppo Harman) annuncia l'arrivo sul mercato del primo lettore Blu-ray certificato THX. Ma questo nuovo player sarà a tutti gli effetti una sorgente "universale" in grado di riprodurre indistintamente i supporti "blu", i DVD Video, i CD, i DVD Audio, i SACD e i file audio-video digitali via supporti USB (al momento non sono stati specificati i formati e i codec supportati). Il tutto con canoni costruttivi e performance audio-video che si annunciano degni della migliore tradizione del marchio statunitense.

Ovviamente, il nuovo lettore sarà compatibile BD-Live e Bonus View, integrerà un'uscita HDMI 1.3 compatibile con le tracce audio HD e non fino a 7.1 canali in bitstream, riproduzione fino a 1080/24p e upscaling dei DVD fino a 1080p grazie al processore Anchor Bay VRS. Le tracce audio potranno comunque essere decodificate internamente e convertite presentando poi il segnale alle uscite 7.1 analogiche (non sono stati dichiarati i DAC in uso, ma immaginiamo che siano di prima scelta). Tra le particolarità di questo lettore, segnaliamo la capacità di avviare la riproduzione di un disco Blu-ray in appena 5 secondi. E', infine, presente una porta RS-232 per interfacciare il lettore all'interno di un sistema domotico.

Il Lexicon BD-30 verrà presentato al pubblico a settembre in occasione del CEDIA Expo 2009 di Atlanta e verrà successivamente commercializzato al prezzo di listino di 3.499 dollari.

Fonte: CEPro



Commenti (18)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Dave76 pubblicato il 27 Luglio 2009, 14:19
3500 $? mah...

Per il momento, vi invito a fare un confronto fra le rear view di questo lettore e dell'oppo BDP-83...

[IMG]http://oppodigital.com/blu-ray-bdp-83/images/Blu-ray-BDP-83_back.jpg[/IMG]

[IMG]http://www.cepro.com/images/uploads/Lexicon_BD30_300.jpg[/IMG]

Non si somigliano un po' troppo?
Commento # 2 di: stazzatleta pubblicato il 27 Luglio 2009, 14:22
ecco perchè Oppo ci mette così tanto a distribuire il suo prodottino.....ha comprato tutto Lexicon

........e upscaling dei DVD fino a 1080p grazie al processore Anchor Bay VRS......
Commento # 3 di: belfiore pubblicato il 27 Luglio 2009, 14:26
Sono praticamente identici
Commento # 4 di: AlbertoPN pubblicato il 27 Luglio 2009, 14:31
chiaro che sono identici .... se fosse stato basato su piattaforma D&M sarebbe costato almeno 5 volte tanto


Commento # 5 di: fabio2678 pubblicato il 27 Luglio 2009, 14:36
La differenza sta nel telecomando, che in foto non si vede...ma che vale i 3000$ in più !


Commento # 6 di: stazzatleta pubblicato il 27 Luglio 2009, 14:48
certo che il frontale in alluminio spazzolato fa la sua figura....
Commento # 7 di: Gian Luca Di Felice pubblicato il 27 Luglio 2009, 15:05
Originariamente inviato da: fabio2678
La differenza sta nel telecomando....


La differenza starà sicuramente nella qualità costruttiva, componentistica interna, convertitori, alimentazione, ecc....usare una piattaforma comune a quella di Oppo non vuol di certo dire che sia la stessa macchina venduta a 3.000 dollari in più!!!

Gianluca
Commento # 8 di: stazzatleta pubblicato il 27 Luglio 2009, 15:10
Originariamente inviato da: Gian Luca Di Felice
La differenza starà sicuramente nella qualità costruttiva,

Gianluca, non è la prima volta che ci si trova davanti a dei cloni in tutto e per tutto .

comunque hai ragione tu, aspettiamo le foto dell'interno per sentenziare

Cosa? chi ha detto RT 20?
Commento # 9 di: OXO pubblicato il 27 Luglio 2009, 20:59
Beh, non che l'Oppo abbia componentistica da discount, mi pare.

Mettiamo pure che il case sarà superiore, che il brand si paga, magari che alcuni particolari componenti siano di elevatissima qualità (il meglio che possa offrire il mercato, come minimo), ma a me 3000 $ di differenza paiono comunque fuori luogo...

Sarò anche un barbone, ma io mi compro orgoglioso l'Oppo.
Commento # 10 di: Alessandro Pecorelli pubblicato il 27 Luglio 2009, 21:15
la componentistica non può far lievitare il prezzo in quella misura, ipotizzando condensatori mundorf, cablaggio in rame ofc o argento, schede più spesse, ed un cabinet alla wadia, non ci si avvicina a quel prezzo.
l'ipotesi da benpensante invece è che la disposizione interna delle schede sia identica (schede naturalmente profondamente diverse) e di conseguenza le piastre dei gruppi connettori siano nella stessa disposizione per puro caso inquanto sia alla lexicon che alla oppo credono che quella disposizione garantisca una più agevole connettività ed un migliore riciclo d'aria.
accendiamo la 1 o la 2?
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »