Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Analisi costi HD-DVD Toshiba HD-A1

di Emidio Frattaroli, pubblicata il 26 Giugno 2006, all 10:28 nel canale HT

“In un recente articolo, iSuppli ha sezionato con attenzione il nuovo lettore HD-DVD Toshiba HD-A1 e ha valutato il prezzo di ogni singolo componente, verificando come il player sia nettamente sottocosto”

Secondo un'indagine condotta da iSuppli, il prezzo di produzione del nuovo lettore HD-DVD Toshiba HD-A1 che ha un prezzo di listino di appena 499 US$, sarebbe di circa 700 US$ e parte da un'attenta analisi dei contenuti e dei prezzi relativi ad ogni componente utilizzato nel lettore.

La lista della spesa condotta da iSuppli non è stata poi così difficile ed è partita dai principali integrati inseriti all'interno dello chassis del nuovo HD-A1. Il costo presunto per la CPU Pentium, il decoder HD Broadcom, i 4 DSP Shark, il modulo da 1GB di RAM e le altre memorie utilizzate è valutato in poco più di 350 US$.

La meccanica di lettura HD-DVD ROM prodotta da NEC è valutata in 200 US$ mentre il corollario di chassis, display, alimentatore e altri componenti elettrici e meccanici (display, telecomanto etc.) ha un costo presunto di altrettanti 200 US$ che, insieme ai costi di produzione,  test, confezione e spedizione, porterebbero il totale a ben 700 US$.

Se l'analisi di iSupply fosse corretta, il nuovo HD-A1 sarebbe notevolmente sottocosto e i rischi di questa operazione per Toshiba non dovrebbero essere trascurati. In realtà noi crediamo che la meccanica di lettura prodotta da NEC abbia un costo notevolmente inferiore e che anche i principali componenti (CPU Pentium e RAM da 1GB) siano meno elevati.

La sostanza comunque non cambia: il Toshiba HD-A1 è venduto attualmente sottocosto anche perché in qualche negozio on-line il nuovo lettore è disponibile anche a meno di 420 US$, tasse e trasporto esclusi. Un bel divario rispetto all'unico lettore Blu-ray Disc Samsung disponibile, quotato circa 1.000 US$.

Fonte: iSuppli



Commenti (4)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Kuarl pubblicato il 26 Giugno 2006, 11:55
il messaggio è chiaro... samsung, sony e compagnia bella non temono il flop e propongono un prezzo giusto per il contenuto tecnologico. Toshiba invece è con l'acqua alla gola e per prevenire il colossale flop cerca di spingere il più possibile prima dell'avvento del blu ray e della ps3 -.-'
Commento # 2 di: eragon pubblicato il 26 Giugno 2006, 12:20
Siamo un mondo ormai pieno di sottocosto, vedi console per videogiochi, decoder Sky-HD: i guadagni si fanno ormai con le royalties che sono in grado di ripagare in breve tempo degli investimenti.
Quindi, qui chi arriva primo puo' vincere!

À la guerre comme à la guerre...

Saluti

Eragon
(aka Nemo propheta in patria)
Commento # 3 di: Guido G. pubblicato il 26 Giugno 2006, 14:36
I calcoli dei costi di questi apparecchi probabilmente viene calcolato quando la produzione viene effettuata in giappone,ma come si sà la maggiorparte dei componenti elettronici viene prodotta o assemblata in cina e li i costi sono molto inferiori.Nel mio negozio viene un cliente olandese che per lavoro fa spesso viaggi in america e in cina; mi ha riferito che un marchio conosciutissimo si fa fare lettori dvd home a 10 dollari a pezzo mentre il prezzo sul mercato europeo si attesta sopra i 150,00 euro.
Commento # 4 di: sasadf pubblicato il 27 Giugno 2006, 00:34
Basta che ci sia concorrenza, va bene per noi, che andiamo a guadagnarci alla grande!!

walk on
sasadf