Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Intel Sodaville vs. Toshiba SpursEngine?

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 24 Luglio 2008, all 10:11 nel canale ACCESSORI

“Intel si appresta a proporre la sua soluzione "all-in-one" dedicata al mercato dell'elettronica di consumo per portare elaborazione audio-video, upscaling e internet nei TV e set-top box”

In occasione dell'ultimo CES 2008, il colosso di Santa Clara aveva annunciato lo sviluppo di soluzioni SoC (System on a Chip) specificamente studiate per il mercato dell'elettronica di consumo. La prima soluzione "all in one" presentata fu la piattaforma "Canmore" basata su un processore Pentium M Dothan da 90nm e che integra anche i chip di connettività e di elaborazione grafica PowerVR SGX. Quest'ultimo è stato sviluppato da STMicroelectronics e consente la decodifica fino a 1080p dei filmati VC-1, Mpeg 4, DivX, nonché l'upscaling sempre fino a 1080p dei contenuti standard definition. La piattaforma "Canmore" è accreditata anche della decodifica dei flussi audio fino a 7.1 canali. L'introduzione della piattaforma è prevista entro la fine dell'anno e secondo indiscrezioni potrebbe trovare posto nell'atteso Apple TV 2.

Ma Intel sta già lavorando al successore "Canmore", che dovrebbe vedere la luce a partire dalla seconda metà del 2009 e che si chiamerà "Sodaville". La differenza più significativa rispetto al "Canmore" è l'adozione del più performante ed efficiente processore "Atom" da 45nm (introdotto proprio in queste settimane nei nuovi Eee PC e in tutti i cosiddetti subnotebook o netbook) e, a seconda delle applicazioni, potrà essere implementato nelle sue versioni single core o dual core. Il resto dell'architettura dovrebbe rimanere sostanzialmente immutata, anche se da qui all'introduzione potrebbero esserci naturalmente ulteriori novità.

Intel sembra dunque pronta a fare il grande passo nel mondo dell'elettronica di consumo (anche se avvisaglie ci sono già state sia con le Xbox di prima e seconda generazione e soprattutto con gli HD DVD di Toshiba!) proponendo soluzioni per televisori, sorgenti e media player che assomigliano molto a quanto si appresta a fare Toshiba con il processore SpursEngine. Anche se oltre alle elaborazioni audio-video, la nuova frontiera sembra quella di consentire a tutti gli apparecchi la massima connettività Internet (IPTV, VOD, Social Networking).

Fonte: Presence PC



Commenti (9)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Paganetor pubblicato il 24 Luglio 2008, 10:49
l'atom non è un system on a chip... e soprattutto la versione single core non riesce a gestire il 1080p... la definizione standard (e al limite fino alla 720) sì, ma oltre non va (per ora).
Commento # 2 di: TheRaptus pubblicato il 24 Luglio 2008, 10:58
E' dagli albori dell'HD che insisto sulla bontà di un sistema di upscaling. Ben venga Intel nell'arena, tuttavia aspetto ancora di vedere lo SpursEngine al lavoro, soprattutto cosa potrà fare nel nuovo standard DVD2 e l'upscaling dinamico come parlato tempo fa nelle apposite news.
Un po' di concorrenza non ha mai guastato, ma a mio avviso il CELL è un dsp (quadruplo!) quindi più performante di un Pentium M o Atom che sonopiù general purpose.
Commento # 3 di: Kuarl pubblicato il 24 Luglio 2008, 11:03
perdonami ma mica viene detto il contrario. Viene detto che l'attuale Canmore è un SoC che integra un pentium M ed un unità di calcolo separata che permette di decodificare videio fino a 1080p.

La notizia è che è in programma Sodaville, che sarà un SoC basato su atom che sarà la diretta evoluzione di canmore. Anche considerando che l'attuale atom non decodifichi flussi hd, non è detto che non potrà farlo il prossimo anno, o comunque non è detto che sarà lui ad occuparsene, visto che per l'appunto in un SoC ci sono vari componenti con compiti diversi.


La critica che muoverei è il paragone con lo spurs engine fatto nel titolo. Lo spurs non è un SoC ed è pensato per applicazioni differenti.
Commento # 4 di: Gian Luca Di Felice pubblicato il 24 Luglio 2008, 11:34
Originariamente inviato da: Paganetor
l'atom non è un system on a chip...


Infatti non ho mai scritto questo e ringrazio Kuarl per averti già risposto correttamente.

@Kuarl
Effettivamente sono sulla carta due cose diverse (SpursEngine e Sodaville), ma l'attinenza c'è e come anche perché puntano dritti dritti alla stessa tipologia di prodotti (anche se magari lo SpursEngine rimarrà confinato per lo più a prodotti high-end)

Gianluca
Commento # 5 di: mauriziofa pubblicato il 24 Luglio 2008, 11:34
Notizia buonissima, che fa presagire un 2009 pieno di lettori stand alone di qualità con processori e chip di decodifica ed upscaling di qualità. Mi spiace solo che la versione, ottimizzata Intel arrivi dalla seconda metà del 2009 perchè questo vuol dire vedere i primi prodotti per Natale 2009, ma spero che Toshiba con lo Spurs Engine sappia stimolare bene il mercato tanto da costringere Intel ad anticipare la versione Sodaville(che secondo me ottimizza anche i tempi di caricamento disco, menu e accensione)
Commento # 6 di: Paganetor pubblicato il 24 Luglio 2008, 11:40
non ho scritto che l'hai scritto, solo che Atom non è un SoC, quindi ha bisogno di altro hardware (oppure svilupperanno un chip nuovo che, al suo interno, conterrà Atom e tutto il resto dell'ambaraban )
Commento # 7 di: Gian Luca Di Felice pubblicato il 24 Luglio 2008, 13:17
Ma anche un SoC ha un processore e nel Sodaville verrà utilizzato l'Atom!
Non vedo perché insisti a dire che l'Atom non è un SoC: nessuno l'ha detto, né Intel, né tanto meno noi...lo stai dicendo solo tu!

Gianluca
Commento # 8 di: Gian Luca Di Felice pubblicato il 24 Luglio 2008, 13:18
Originariamente inviato da: Paganetor
...oppure svilupperanno un chip nuovo che, al suo interno, conterrà Atom e tutto il resto dell'ambaraban...


Esatto! ed è proprio il Sodaville!
Leggi bene la news!

Gianluca
Commento # 9 di: Paganetor pubblicato il 24 Luglio 2008, 13:47
vabbè, non ci eravamo capiti...