Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

In Europa schermi digitali più che triplicati

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 14 Maggio 2010, all 09:08 nel canale CINEMA

“Crescita record per le sale digitali in Europa: secondo i dati raccolti da Media Salles, infatti, gli schermi dotati della tecnologia DLP Cinema o SXRD sono, a gennaio 2010, 4.693, con un incremento del 206,9% rispetto all’anno precedente”

Situazione rosea e in crescita per gli schermi digitali in Europa. La maggior parte delle sale digitali si trova in Europa Occidentale: 3.904 schermi, con un incremento del 198,2% in dodici mesi. La parte del leone la fanno i cinque mercati maggiori: la Francia, presenta il 19,3% del totale degli schermi digitali in Europa, il Regno Unito il 14,2%, la Germania il 12,6%, l’Italia il 9,1% e la Spagna il 5,1%. In Europa Orientale e nel Bacino del Mediterraneo si situano i restanti 789 schermi digitali, con una variazione rispetto a gennaio 2009 (+258,6%) molto elevata e superiore a quella dell’Europa Occidentale. I paesi con lo sviluppo maggiore sono la Russia con 352 schermi digitali (il 7,5% del totale europeo), la Polonia con 176 schermi (il 3,8%) e la Turchia con 62 schermi (l’1,3%).

Gli schermi digitali hanno raggiunto, a gennaio 2010, un grado di penetrazione pari a circa il 13% rispetto al totale degli schermi presenti in Europa, contro il 4,1% dell’anno precedente. Il numero dei cinema digitali presenti in Europa a gennaio 2010 ha toccato quota 2.374, con un incremento rispetto all’anno precedente del 191,3%. La penetrazione dei cinema digitali sul totale ammonta a circa il 16%, contro il 5,4% del gennaio 2009. In aumento anche il numero medio di schermi per cinema digitale, che a livello europeo è passato dal valore di 1,6 registrato a gennaio 2008 al valore di 2,0 a gennaio 2010.

Schermi e complessi digitali in Europa (1 gennaio 2010)

Il numero medio di schermi digitali per cinema varia molto nei diversi paesi europei. A gennaio 2010 i valori più elevati si registrano in Belgio (5,3 schermi per cinema), in Lussemburgo (4,4), in Austria (4,2), in Francia (3,5) e in Portogallo (3,4). Con riferimento ai principali mercati seguono, a distanza, Regno Unito (1,9 schermi per cinema), Germania (1,8), Italia (1,5) e Spagna (1,3). Analizzando lo sviluppo subito nei paesi europei dagli schermi digitali in una prospettiva più di lungo periodo, si possono notare percorsi di crescita diversi. Paesi come il Regno Unito e la Germania hanno registrato un forte impulso alla crescita a partire dal 2006 e, dopo un periodo di minore incremento, sono tornati a crescere dal 2009. Altri territori invece hanno conosciuto uno sviluppo più graduale e hanno registrato un fortissimo incremento negli ultimi anni: dal 2008 nel caso della Francia o dal 2009 nel caso del Belgio, dell’Italia, dell’Austria e della Spagna. Altri territori ancora, come la Finlandia e il Portogallo, hanno registrato uno sviluppo recente, con un incremento medio annuo molto elevato negli ultimi tre anni, pari al 263,4% per la Finlandia e al 230,8% per il Portogallo.

Cinema e schermi digitali in Europa (1 gennaio 2010)

In Europa lo sviluppo degli schermi digitali appare piuttosto concentrato rispetto al numero di società di esercizio, in quanto a giugno 2009 il 5% di esse deteneva il 33,6% del numero complessivo di schermi digitali. I primi cinque operatori risultano essere la francese CGR (con il 13,1% degli schermi digitali), Kinepolis (6,8%), che opera in Belgio, Francia e Spagna; Cineworld Group (5,6%), presente nel Regno Unito e in Irlanda; Odeon e UCI Cinemas Group (4,8%), che opera come Odeon Cinemas nel Regno Unito, come UCI in Austria, Germania, Italia e Portogallo e come Cinesa in Spagna; Cineplexx (3,4%), presente in Austria e in Italia.

Motore della crescita avvenuta nel 2009 è certamente il cinema 3D: dal momento che l’industria nordamericana ha sostanzialmente rispettato il calendario delle uscite previste e il pubblico si è mostrato disposto a pagare un prezzo più elevato per fruire della novità, gli esercenti hanno investito nella tecnologia che consente di offrire questo nuovo tipo di prodotto. La percentuale degli schermi con tecnologia 3D ha continuato perciò a crescere, passando dal 54,4% del giugno 2009 al 68,8% di gennaio 2010.

In diversi paesi dell’Europa Orientale e del Bacino del Mediterraneo, come Cipro, Croazia, Lituania, Lettonia, Malta, Serbia, Slovenia e Slovacchia, nei quali i cinema digitali sono ancora in numero ridotto, gli schermi 3D rappresentano la totalità degli schermi digitali. La percentuale di penetrazione degli schermi in 3D rispetto al totale degli schermi digitali supera comunque l’80% in molti paesi, come Russia, Turchia, Repubblica Ceca, Danimarca, Italia, Ungheria, Finlandia, Paesi Bassi, Svizzera, Spagna e Polonia. Assume, invece, percentuali inferiori nel Regno Unito, dove risulta pari al 70,8%, in Germania (62,3%) e in Francia (52,8%).

Fonte: Giornale dello Spettacolo



Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: TheRaptus pubblicato il 14 Maggio 2010, 09:43
Secondo me aiuta molto il fatto che la distribuzione è più semplice. Basta con le pizze. La qualità migliore non è da molti neppure presa in considerazione. Nella mia città, Como, solo qualche anno fa c'erano cinema con audio mono. Stereo se ti andava bene con le casse di qualità da stadio (le ho viste da vicino). Io andavo a MOnza, Milano e Melzo se volevo un po' di qualità. Poi hanno aperto 2 multisala per 20 schermi!

W il digitale.