Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

DVB: approvate le norme UHD-1 Phase 2

di Riccardo Riondino, pubblicata il 21 Novembre 2016, all 12:23 nel canale AVPRO

“Il consorzio DVB ha ratificato la nuova versione delle specifiche TS 101 154 per il broadcasting 4K, aggiungendo il supporto HDR, WCG, HFR e audio 3D object/scene based, che dovrebbe tradursi in trasmissioni UHD aggiornate alle ultime innovazioni audio/video già dai primi mesi del 2017”

Appena pochi giorni fa il consorzio DVB ha approvato le specifiche UHD-1 Phase 2, aggiornando lo standard per le trasmissioni Ultra HD con le ultime innovazioni in ambito audio/video. Le nuove specifiche adottano la recente raccomandazione ITU-R BT.2100 per il video HDR, che include come opzioni la curva PQ (Perceptual Quantization) con metadati aggiuntivi dei formati HDR-10/Dolby Vision e lo standard retrocompatibile HLG Hybrid Log-Gamma.


- click per ingrandire -

Le norme aggiungono anche il supporto Wide Color Gamut definito dal range BT.2020, il video HFR fino a 100/120 Hz, dimostrato anche in occasione di IFA 2016, e dell'audio multicanale 3D. Le colonne sonore potranno essere in formato AC-4 "object based", come il Dolby Atmos/DTS:X, o "scene based" MPEG-H. Tutte le nuove specifiche saranno implementabili a risoluzione HD e UHD 2160p, utilizzando il codec HEVC 8/10 bit. L'offerta di contenuti Ultra HD aggiornati dovrebbe partire dai primi mesi del 2017.

Per ulteriori informazioni: www.dvb.org



Commenti (10)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: gfr pubblicato il 21 Novembre 2016, 16:01
Questo significa che tutti gli attuali TV , anche quelli acquistati quest'anno, diventeranno obsoleti, o saranno aggiornabili alle nuove specifiche?

Franco
Commento # 2 di: Plasm-on pubblicato il 21 Novembre 2016, 16:42
Purtroppo penso proprio di si....
Commento # 3 di: Riccardo Riondino pubblicato il 21 Novembre 2016, 16:52
L'HDR verrà implementato prevalentemente in formato HLG che ha il vantaggio di essere retrocompatibile, per il quale dovrebbe bastare un aggiornamento del firmware.
Infatti hanno svolto dei test anche con televisori già in commercio, mentre per le altre specifiche potrebbe dipendere dalle caratteristiche del display.
Ad esempio gli OLED LG hanno il refresh a 120 Hz, non a caso sono stati utilizzati per le demo High Frame Rate.
Chiaramente i nuovi modelli in alcuni parametri saranno superiori, ad esempio avvicinandosi sempre di più alla copertura completa del gamut Rec.2020.
Commento # 4 di: thegladiator pubblicato il 21 Novembre 2016, 18:32
Per il gamut REC.2020 temo che la strada sia ancora molto ma molto (ma molto!) lunga. Nemmeno il DCI P3 è coperto in maniera degna, ossia ai vertici estremi del triangolo alcuni display ci arrivano (qualche difficoltà ancora sul verde) ma la linearità non mi pare sia nemmeno vicina ad essere definita buona. Figuriamoci il 2020...
Commento # 5 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 21 Novembre 2016, 19:25
Originariamente inviato da: thegladiator;4655479
Per il gamut REC.2020 temo che la strada sia ancora molto ma molto (ma molto!) lunga....
Esatto: attualmente il gamut della raccomandazione bt.2020 deve essere considerato soltanto come un contenitore.

Secondo me sono molto più interessanti elementi come HDR10, HLG e HFR. Come ha detto Riccardo, HLG è un'ottima soluzione per le produzioni live come lo sport che permette di impostare una curva del gamma tale che sia commestibile anche per TV non compatibili. Certo, è probabile che la compatibilità non ci sia al 100%.

In altre parole è probabile che il TV non riconosca il flag per impostare automaticamente la curva HLG. Ma poco importa per gli utenti evoluti che possono impostarla manualmente, ammesso però che venga inserita tra quelle disponibili nelle impostazioni del firmware. Non ho ancora capito se ci siano degli obblighi da parte delle aziende produttrici per inserire la curva HLG nei TV ma non mi sembra. Indagherò- La curva però la conosciamo già molto bene ed è già in HFCR e - credo - anche in Calman. Il gamma è molto più alto, parte da un 2.45 sulle basse luci e si alza fino ad oltre 5.2 al 95%, passando per un 3.8 al 50%.

Per i TV non compatibili, il consiglio è impostare il gamma più alto possibile e - quando disponibili - plasmare con i controlli a 10 punti i punti intermedi in modo da avvicinarsi il più possibile. Osservare un contenuto HLG senza un TV compatibile, il contenuto apparirà con gamma un po' più basso, con colori meno saturi e con bianchi un po' bruciati, ovvero soltanto un pochino peggio di quello che passa il convento dell'HD. Con la curva corretta lo spettacolo è assicurato. Con il compromesso che ho indicato, siamo a metà strada...

Emidio
Commento # 6 di: thegladiator pubblicato il 21 Novembre 2016, 20:44
E non dimentichiamoci dei 10 bit ad amalgamare il tutto.

Anche perché, Emidio, mi pongo una domanda: sarebbe poi così necessario un verde così tremendamente profondo all'atto di migliorare la qualità della visione? Credo di no, tutto sommato, ci sono aspetti fra cui quelli che hai menzionato ben più importanti e percepibili. (detto che poi il verde appare posizionato ''là in alto'' sul grafico CIE anche perché quest'ultimo non è percettualmente uniforme)
Commento # 7 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 21 Novembre 2016, 21:36
Originariamente inviato da: thegladiator;4655541
sarebbe poi così necessario un verde così tremendamente profondo all'atto di migliorare la qualità della visione?.....[CUT]
Ripeto: il 2020 deve essere considerato come un contenitore. Tra i colori presenti in natura forse non è tanto il verde ad essere così profondo quanto il ciano (cielo, etc.) ma per fare un ciano così profondo serve un verde altrettanto profondo... Necessario? Ovviamente no. Come non è necessario l'HDR e compagnia...

Emidio
Commento # 8 di: Progressive pubblicato il 23 Novembre 2016, 15:35
Per la serie... Sfigati chi compra tv 4k oggi che tra qualche anno sarà considerata come quelle di anni fà...

@Emidio: Piccolo O.T. Secondo te nei decoder 4k che usciranno per rendere visibile il segnale quando ci sarà lo switch off al DVB-T2, incluederanno ancora l'uscita scart o come prevedo verrà tolta definitivamente?
Commento # 9 di: ostrica pubblicato il 23 Novembre 2016, 18:00
Ma i tv del prossimo anno avranno le nuove specifiche?
Commento # 10 di: Progressive pubblicato il 28 Novembre 2016, 14:12
Da quanto ho letto sì ma non credo siano quelle difinitive, qualcos'altro secondo me andare allo switch off cambierà... A cominciare dal HBB Tv che nelle tv del prossimo anno verrà implementato.