Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

CES: Ultra HD Alliance

di Riccardo Riondino, pubblicata il 07 Gennaio 2015, all 16:37 nel canale 4K

“Al CES 2015 i principali nomi dell'elettronica di consumo e l'industria cinematografica hanno fondato un consorzio, al fine di definire gli standard per i contenuti e i dispositivi Ultra HD di qualità premium”

L'UHD Alliance è una nuova associazione che comprende alcuni dei principali Studios di Hollywood, produttori consumer, distributori di contenuti, aziende di post-produzione e sviluppo tecnologico. La lista include DIRECTV, Dolby, LG, Netflix, Panasonic, Samsung, Sharp, Sony, Technicolor, Walt Disney Studios, Twentieth Century Fox e Warner Bros. Entertainment. La finalità del consorzio è unificare i criteri identificativi delle specifiche UHD Premium, definendo le caratteristiche A/V di nuova generazione, quali risoluzioni 4K e superiori, HDR (High Dynamic Range), gamut cromatici estesi, HFR (High Frame Rate) e audio 3D immersivo.

L'associazione garantirà che tutti gli elementi della catena produttiva Ultra HD, dalla realizzazione dei contenuti fino alla compatibilità dei dispositivi, rispettino gli standard qualitativi stabiliti. L'UHD Alliance fornirà inoltre informazioni su contenuti e dispositivi UHD Premium, i quali saranno chiaramente identificabili in modo che gli utenti possano facilmente distinguerli nei punti vendita. Nei prossimi mesi il gruppo stabilirà la roadmap tecnologica per una rapida evoluzione della tecnologia UHD a livello mondiale.

Link al comunicato stampa ufficiale



Commenti (13)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: stazzatleta pubblicato il 07 Gennaio 2015, 16:45
i nomi degli attori sono importanti cosa che offre una sufficiente garanzia di non trovarci con diversi standard in competizione.
Non vedo Sony tra di essi
Commento # 2 di: Steven pubblicato il 07 Gennaio 2015, 17:14
Nella notizia e' riportata
Commento # 3 di: stazzatleta pubblicato il 07 Gennaio 2015, 17:22
in effetti , mi ha sviato il contenuto del tabellone (da cui manca anche LG peraltro)
Commento # 4 di: ludega pubblicato il 07 Gennaio 2015, 17:23
Questa notizia non ha niente a che vedere col formato fisico ma è sugli standard di trasmissione:

tanto è vero che nell'elenco c'è Netflix che é concorrente del Blu-ray
Commento # 5 di: stazzatleta pubblicato il 07 Gennaio 2015, 17:25
chiaro, ma se si sviluppano standard diversi di risoluzione, compressione, spazio colore o altre amenità, penso che qualche incompatibilità o quanto meno scocciatura potrebbe sussistere
Commento # 6 di: JohnTuld pubblicato il 07 Gennaio 2015, 18:18
La differenza tra questo e il formato fisico è che qui compaiono majors interessate, per il firmato fisico invece non sono mai apparse...

Questa notizia mi fa dubitare sempre più circa questo fantomatico bluray 4k...
Commento # 7 di: ludega pubblicato il 07 Gennaio 2015, 20:26
Originariamente inviato da: JohnTuld;4314767
La differenza tra questo e il formato fisico è che qui compaiono majors interessate, per il firmato fisico invece non sono mai apparse...

Questa notizia mi fa dubitare sempre più circa questo fantomatico bluray 4k...


Esattamente, qui sono a bordo tutti...
Commento # 8 di: g_andrini pubblicato il 08 Gennaio 2015, 00:13
Bluray 4k e streaming 4k non sono in vera concorrenza. Chi acquista il supporto ottico ritiene il film in questione un capolavoro, mentre per un buon film da gustare per esempio in compagnia è sufficiente lo streaming da 20 Mbits.
Commento # 9 di: ludega pubblicato il 08 Gennaio 2015, 01:06
Originariamente inviato da: g_andrini;4314938
Bluray 4k e streaming 4k non sono in vera concorrenza. Chi acquista il supporto ottico ritiene il film in questione un capolavoro, mentre per un buon film da gustare per esempio in compagnia è sufficiente lo streaming da 20 Mbits.


Finché la banda in download è scarsa, non sono in vera concorrenza, ma questo nei Paesi avanzati presto non sarà più un problema. La nostra sfortuna é che l'Italia non è un Paese avanzato...

Ho avuto modo di vedere uno streaming a noleggio Vudu HDX (1080p) con la mia penosa 7 mega ed era tutt'altro che orribile. Pensate se avessimo 70 mega di banda? Presto questi servizi passeranno anche all' HEVC.. Dopo di che le differenze col supporto fisico diventeranno sempre più sottili...
Commento # 10 di: g_andrini pubblicato il 08 Gennaio 2015, 01:58
Se milioni di persone scaricassero a valori superiori ai 20 Mbits si bloccherebbe tutto, non solo in Italia. Una Telecom da 30 Mbits è più che sufficiente per il 4k, lato utente.

P.S. Anche youtube 1080p non è affatto male, e bastano 5-6 Mbits effettivi.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »