Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Mitsubishi Day 2010

di CineMan , pubblicato il 24 Novembre 2010 nel canale AV Professional

“Mitsubishi ha incontrato la stampa per presentare le ultime novità della divisione Visual Information Systems: occasione ghiotta per scoprire la nuova gamma di videoproiettori e display del settore professionale e la prima macchina 3D ready full HD con matrici LCD riflessive”

HC9000 3D-ready, HC4000 e HC3200

Milano, Novembre 2010. Mitsubishi Electric ha inviato anche quest'anno la stampa specializzata per presentare le ultime novità della divisione Visual Information Systems. La nostra attenzione era focalizzata come di consueto all'ambito videoproiettori, sia Home che Business, ad inziare dal nuovo HC9000 3D, col quale Mitsubishi Electric inaugura l'esperienza Home Cinema Full HD in 3D: la macchina di cui all'IFA ancora non era disponibile la sigla. Il videoproiettore è basato su tecnologia 3 chip SXRD Sony ad alta velocità (2 ms) con rapporto di contrasto 120.000:1 e 1000 ANSI Lumen di flusso luminoso. All'interno c'è un pocessore video HQV Silicon Optics che elabora le immagini e le presenta fino a 240 Hz per la riproduzione stereoscopica. L'azienda giapponese ha inserito anche lenti a bassissima dispersione, zoom 1,8x, lens shift sia verticale che orizzontale e la lampada con durata di 4000 ore (low mode).

Il sistema di riproduzione stereoscopica funziona con occhiali attivi, sincronizzati per mezzo di un emettitore IR  in dotazione con il videoproiettore. Gli occhiali attivi hanno un costo di 120 Euro mentre è annunciata la compatibilità con gli occhiali Panasonic. La stessa Mitsubishi dichiara che gli occhiali XpanD Universal NON sono compatibili, anche se ci riserviamo di verificare questa dichiarazione poiché XpanD ha già annunciato un aggiornamento firmware per gli occhiali per estenderne la compatibilità. Tra le altre caratteristiche segnaliamo un doppio ingresso HDMI 1.4. La visione di questo esemplare, vistosamente provvisorio, è stata effettuata con "Oceani in 3D", un film con una stereografia che già al cinema non ci aveva molto convinto. In ogni modo, la caduta di luminosità è sensibile, come per tutti gli altri videoproiettori con occhiali attivi. Il cross-talk invece è molto contenuto. Aspetteremo un esemplare definitivo per un esame più completo.

HC4000 e HC3200


Il nuovo HC4000 accanto al grande HC9000

Rimanendo in ambito Home era presente anche l’HC4000 che riceve il testimone dall'ottimo modello HC3800. Anche il 4000 è un DLP con risoluzione Full HD 1920x1080 e tecnologia BrilliantColor ma stavolta viene impiegato un microdisplay DMD DarkChip3 con  diagonale di 0,65", che promette un miglior livello di nero e un rapporto di contrasto pari a 3600:1 (750:1 ANSI). L'ottica è versatile ed è caratterizzata da un rapporto di tiro compreso tra 1,4:1 e 2,1:1. Tra le altre caratteristiche segnaliamo un flusso luminoso di ben 1.300 ANSI Lumen e rumorosità contenuta in soli 25 dB. Interessante l'aspettativa di vita della lampada, che arriva a ben 5000 ore di esercizio in modalità eco. Il nuovo HC4000, come il precedente modallo, rinuncia al lens shift per cui occorre prendere bene le misure riguardo il posizionamento rispetto allo schermo.

Per chi fosse interessato a ottenere un proiettore full HD a un prezzo interessante, c'è il modello HC3200, da 1.100 Ansi Lumen e 2900:1 di contrasto (ANSI 600:1). Si tratta sempre di un DLP con microdisplay da 0,65", rumorosità di 25dB, 5000 ore di vita della lampada in low mode e obiettivo a focale corta, di recente concezione, costituito da 4 gruppi ottici per un totale di 13 lenti in vetro.