Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

BenQ W1700 a Bologna e Milano

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 26 Marzo 2018 nel canale 4K

“Negli ultimi due weekend, il nuovo BenQ W1700, il proiettore DLP monochip a risoluzione 4K, ha mostrato le sue potenzialità nei due punti vendita Audioquality a Bologna e Milano 2, confermando ancora una volta di essere un piccolo campione del rapporto qualità prezzo”

BenQ W1700 a Bologna


- click per ingrandire -

Il BenQ W1700 è il primo videoproiettore con tecnologia DLP a risoluzione 4K a scendere al di sotto dei 1.500 Euro. Annunciato alla fine del 2017 è arrivato sul mercato solo recentemente, alla fine del mese di febbraio. In occasione dell'evento di anteprima a Roma dello scorso gennaio ho analizzato il proiettore e ho pubblicato alcune misure preliminari, con ottimi risultati nonostante il firmware molto giovane (l'articolo è a questo indirizzo).


- click per ingrandire -

Durante gli ultimi due weekend del 17 e 24 marzo, ho partecipato ad altri due eventi a Bologna e a Milano non soltanto per mostrare il piccolo campione del rapporto qualità prezzo ad un numero ancora più elevato di appassionati ma anche per verificarne le prestazioni dopo un aggiornamento del firmware e anche con installazioni decisamente differenti rispetto a quella di Roma, in un'ambiente completamente assorbente e totalmente oscurato.

  
- click per ingrandire -

Il 17 marzo a Bologna, presso Audioquality, il piccolo W1700 è stato installato nella grande shoow-room al piano superiore, illuminando uno schermo tensionato con superficie tradizionale a guadagno unitario da tre metri di base, a corollario di un sistema home theater con lettore Sony UBP-X1000ES (la nostre recensione è a questo indirizzo) e soundbar Samsung HW-K950 in configurazione Dolby Atmos 5.1.4 con subwoofer e satelliti posteriori wireless.

Nonostante la luce residua in ambiente e le dimensioni generose dello schermo, il "piccolino" si è difeso egregiamente, grazie soprattutto ad un flusso luminoso più che sufficiente e adeguato anche ai contenuti HDR. Con l'occasione ho potuto sottolineare il vantaggio in termini di risoluzione rispetto ai proiettori "vobulati" con matrici native full HD "non DLP" con il solito filmato demo del "lanciarazzi" di ScoobyDoo: trovate i particolari del filmato test in questo articolo e i risultati con il BenQ W1700 in questa pagina.

 
- click per ingrandire -

Al piano inferiore, nella sala home theater principale completamente oscurata e assorbente, con schermo DarkStar9 da 3,2 metri di base in 21:9, era in dimostrazione anche un proiettore JVC DLA-X9900, il top di gamma JVC tra i modelli "vobulati" con matrici full HD, dotato di una gamma dinamica straordinaria, inarrivabile da qualsiasi altro proiettore domestico. Dopo la calibrazione effettuata in collaborazione con Francesco Aliotta, software Calman e sonde xrite e Klein K10-A.

 
- click per ingrandire -

Grazie alla calibrazione abbiamo sfiorato i 70 NIT in formato 16:9 e ben 60 NIT in 21:9. Le prestazioni eccellenti in termini di controllo della curva del gamma, specialmente sulle basse luci, l'elevata precisione dei colori anche a saturazioni intermedie e la straordinaria ricchezza di sfumature hanno lasciato a bocca aperta più di un appassionato. Il prezzo del DLA-X9900 purtroppo vale ben sei volte quello del BenQ W1700; la capacità risolutiva è sicuramente inferiore ma sulla gamma dinamica siamo a distanza siderale. E certe cose purtroppo si pagano.