Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

First look BenQ W1700

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 24 Gennaio 2018 nel canale 4K

“Il primo esemplare di DLP da 0,47" a risoluzione 4K ha fatto la sua prima apparizione pubbilca italiana a Roma, presso il punto vendita Garman Grecia; in attesa dei modelli definitivi che arriveranno entro la prima settimana di febbraio, sveliamo qualche misura del nuovo proiettore...”

Misure in HDR e considerazioni finali

 


 - click per ingrandire -

All'interno della saletta di Garman, ho effettuato alcune misurazioni, iniziando dal tempo di "lag" che mi è stato chiesto da alcuni appassionati. Ebbene, spegnendo la vobulazione e quindi "trasformando" il proiettore in un "Full HD", con segnale full HD 60p il tempo è di circa 44ms. Con la vobulazione attivata, sempre con segnale full HD 60p il tempo sale a 48ms. Nelle condizioni di funzionamento, dopo la calibrazione, sullo schermo da 2,6 metri di base nella sala principale di Garman, ho registrato in flusso luminoso di circa 1.000 lumen in ECO e circa 1.600 lumen con lampada in modalità normale. Sullo schermo ho registrato circa 85 NIT in modalità "eco" e circa 135 NIT in modalità "normale". In tutti i casi il rapporto di contrasto misurato è stato di 696:1.

 
 - click per ingrandire -

La prima verifica è stata per la effettiva risoluzione, utilizzando l'arcinoto test del "lanciarazzi", che potete approfondire nell'articolo pubblicato a questo indirizzo; a pagina due potete anche scaricare il fotogramma test in formato PNG. Il risultato del piccolo BenQ è quasi sconcertante! A questo indirizzo, ad esempio, potete verificare le prestazioni di un Sony VPL-VW520 a risoluzione nativa 4K. La "quad-vobulation" insomma funziona eccome!

 
 - click per ingrandire -

Per quanto riguarda invece le prestazioni su altri importanti aspetti della qualità d'immagine, segnalo un ottimo "tone mapping" in HDR che non lascia quasi nulla al caso. Dopo aver calibrato molto velocemente luminosità e contrasto, è possibile modulare ulteriormente la curva del gamma con 5 differenti impostazioni (da -2 a +2 passando per lo zero), quindi alzando o abbassando il gamma a seconda delle necessità. Le curve che vedete pubblicate, che si riferiscono alle impostazioni di default, offrono in effetti un gamma leggermente troppo basso e un clipping che avviene a 2.000 NIT invece che a 1.000. Impostando invece la curva a -1 il gamma si alza leggermente, l'immagine acquista più "profondità" e le prestazioni crescono sensibilmente.


 - click per ingrandire -

Il bilanciamento del bianco in modalità predefinita "normale" è molto vicino al riferimento mentre quello con le impostazioni "caldo" lo sconsiglio perché vira troppo sul giallo-verde. Partendo dalle impostazioni "normale" la calibrazioni è abbastanza semplice e veloce ma non precisa al 100%; in questo caso si sente un po' la mancanza di più punti di calibrazione. D'altra parte il risultato è pienamente accettabile con Delta E uv estremamente contenuto e sbilanciamento delle componenti RGB entro il 4% dal 10% al 75% del segnale in ingresso.


 - click per ingrandire -

Ecco infine il gamut, in modalità HDR. Le dimensioni vanno poco oltre il gamut HD soltanto per il vertice rosso e per quello blu mentre il verde non arriva neanche al vertice REC BT.709, anche se per pochissimo. D'altra parte, se pensiamo a quanti sono i film che sfruttano effettivamente il gamut DCI e torniamo a considerare il prezzo di questo proiettore, si tratta di prestazioni più che accettabili. Meno accettabile la leggera tendenza alla "sovra-saturazione" delle tinte a media saturazione. Nessun problema per gli incarnati "neutrali". Basta invece qualche incarnato più "colorato" e la tendenza ad "arrossare" diventa troppo evidente. Il problema è ovviamente rimediabile, grazie ad un CMS in cui è possibile calibrare separatamente tinta, luminosità e saturazione dei colori primari e secondari. C'è solo bisogno di più tempo per una calibrazione più approfondita, che effettuerò sicuramente la prossima settimana sui primi esemplari definitivi che arriveranno nel punto vendita romano. 

Il BenQ W1700 è ancora da Garman e ci rimarrà fino a fine gennaio. Dai primi di febbraio arriveranno i primi esemplari definitivi. Se avremo tempo e compatibilmente con gli impegni "istituzionali" (ISE e Mobile World Congress) prenderò un esemplare e lo sottoporrò ad un test molto più approfondito rispetto a questo "first-look", in modo da pubblicare una recensione esaustiva, con indicazioni precise sulla calibrazione sia in REC BT.709 che in REC BT.2100. Nel frattempo per maggiori informazioni:

www.benq.it/product/projector/w1700www.videoproiettoriroma.com

 

 

Articoli correlati

Preview JVC DLA-X7900

Preview JVC DLA-X7900

Il primo contatto con il nuovo proiettore JVC di fascia media è stato esaltante: assieme allo schermo ad alto contrasto prodotto da DNP, sembrava di essere davanti ad un OLED con diagonale da ben 100", il tutto ad un prezzo pari a meno della metà di un OLED da 77"...
Preview Vivitek HK2288

Preview Vivitek HK2288

Il primo, vero contatto con il nuovo videoproiettore DLP Vivitek HK2288 a risoluzione 4K l'ho avuto all'interno del punto vendita Buscemi HiFi a Milano; nonostante un firmware ancora acerbo ho apprezzato prestazioni di ottima qualità, non solo in HD ma anche in HDR...
Anteprima Sony 4K VPL-VW260ES

Anteprima Sony 4K VPL-VW260ES

Nella nuova gamma di proiettori home theater presentata ad IFA, Sony propone ora il suo "entry level" a risoluzione 4K nativa, compatibile con contenuti HDR10 e HLG, 1.500 lumen e ottica motorizzata, a 5.000 Euro; in attesa di un test approfondito ecco le prime misure
DLP alla riscossa: BenQ W11000 4K

DLP alla riscossa: BenQ W11000 4K

Il primo videoproiettore DLP 4K consumer ad arrivare sul mercato è il BenQ W11000: un prodotto importante, telaio con dimensioni generose, ottica manuale con lens shift e zoom 1,5X, lampada tradizionale ad alta pressione e ruota colore 6X. Mancano però la compatibilità con HDR e spazio colore BT.2020



Commenti (34)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: stazzatleta pubblicato il 24 Gennaio 2018, 13:10
mi viene in mente una cosa: visto che la porzione del DMD utilizzata è inscritta in una più ampia, perchè non sfruttare la possibilità di muovere l'immagine all'interno del DMD per compensare, seppure di poco, l'assoluta assenza di regolazione meccanica dell'ottica?
Commento # 2 di: kabuby77 pubblicato il 24 Gennaio 2018, 14:18
Lens shift digitale .
Peccato proprio per il discorso del contrasto nativo, altrimenti avrebbe fatto terra bruciata intorno con queste caratteristiche.
Bisogna dire che la colpa è più di Texas che non riesce a innovare
Commento # 3 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 24 Gennaio 2018, 16:54
Originariamente inviato da: stazzatleta;4819443
mi viene in mente una cosa: visto che la porzione del DMD utilizzata è inscritta in una più ampia, perchè non sfruttare la possibilità di muovere l'immagine all'interno del DMD per compensare, seppure di poco, l'assoluta assenza di regolazione meccanica dell'ottica?
Sarebbe molto interessante, hai ragione e infatti ho già chiesto. Se non sbaglio lo faceva NEC anni fa con i DMD XGA quando riproducevano immagini in 16:9 (1024x576): era possibile scrollare l'immagine in verticale.
Originariamente inviato da: kabuby77;4819480
Lens shift digitale .
Peccato proprio per il discorso del contrasto nativo, altrimenti avrebbe fatto terra bruciata intorno con queste caratteristiche.
Bisogna dire che la colpa è più di Texas che non riesce a innovare
Si tratta pur sempre di un proiettore economico. Alla fine il rapporto di contrasto nativo è vero che è molto basso ma non è poi molto distante da quello di proiettori con DMD da 0,66 dal costo doppio, come Vivitek etc. Alla fine il feeling è quello di un TV LCD con tecnologia IPS... Con schermo da 135!!!

Emidio
Commento # 4 di: stefanix pubblicato il 24 Gennaio 2018, 17:06
Ciao Emidio,
ma quindi anche rispetto al più costoso vivitek 2288 sono allineati a livello di qualità di visione?
Entrambi li avevo presi in considerazione per un passaggio al 4k economico (benq molto di più ovviamente), ma perderei mi sembra parecchio rispetto al mio attuale sony 65es...confermi?
Grazie
Commento # 5 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 24 Gennaio 2018, 20:17
Il Vivitek ha più dettaglio, non solo grazie al chip da 0,66 ma anche per un'ottica di qualità decisamente superiore. Anche il rapporto di contrasto nativo è superiore, il gamut è leggermente più ampio e la precisione dei colori è probabilmente superiore. Del resto il costo raddoppia!

Rispetto al Sony 65ES perderesti sicuramente in rapporto di contrasto (profondità d'immagine) e qualcosa in colorimetria.

Emidio
Commento # 6 di: 29013Leo pubblicato il 25 Gennaio 2018, 07:18
Buongiorno,
Come contrasto e gestione colore si puo considerare allo stesso livello di un benq w1070 o è meglio o peggio?
Commento # 7 di: nikko pubblicato il 25 Gennaio 2018, 07:37
Anche la mia curiosità riguarda le differenze con il w1070.
Inoltre, come si comporta con materiale HDR?
Grazie
Commento # 8 di: defcom pubblicato il 25 Gennaio 2018, 09:32
Non ho trovato info in merito, ma la porta HDMI che velocità ha?
Commento # 9 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 25 Gennaio 2018, 10:04
Originariamente inviato da: nikko;4819820
Anche la mia curiosità riguarda le differenze con il w1070.
Inoltre, come si comporta con materiale HDR?
Grazie
Il comportamento è molto simile. Il rapporto di contrasto in realtà è leggermente inferiore. Non ho mai misurato un 1070 ma dovrebbe essere di almeno 1.000:1. Similitudini anche per i colori. Le reali differenze si riassumono in due punti: risoluzione 4K e HDR. Con materiale HDR, come ho detto, le prestazioni sono ottime.

Emidio
Commento # 10 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 25 Gennaio 2018, 10:05
Originariamente inviato da: defcom;4819855
Non ho trovato info in merito, ma la porta HDMI che velocità ha?
18Gbps. Ho verificato personalmente: contenuti 4K 60p HDR vengono riprodotti correttamente, senza solarizzazione o altri artefatti.

Emidio
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »