Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Torna Sèleco con una gamma TV LCD e OLED

di Riccardo Riondino, pubblicata il 03 Agosto 2017, alle 13:16 nel canale DISPLAY

“Il marchio che negli anni'80 deteneva il 10% del mercato italiano dei televisori, annuncia la riapertura dello stabilimento di Pordenone, in cui viene prodotta una gamma LCD da 24 a 75 pollici in formato HD, Full HD e 4K, con all'apice un modello OLED Ultra HD compatibile HDR, disponibile nei tagli da 55" e 65" ”

Il rinato marchio italiano Sèleco annuncia la riapertura dello stabilimento di Vallenoncello (Pordenone).

“Sono entusiasta di annunciare ufficialmente l'apertura dello stabilimento prevista per il 2 ottobre 2017 - afferma Maurizio Pannella, presidente di Sèleco -. Ci sono sempre due scelte nella vita: accettare le condizioni nelle quali viviamo o assumersi la responsabilità di cambiarle. Noi abbiamo deciso di affrontare questa sfida imprenditoriale, da giocare con e per il territorio, facendo sì che una storica azienda possa finalmente rinascere”.


- click per ingrandire -

L'operazione di rilancio del marchio per iniziativa di Twenty, prosegue quindi con l'apertura dello stabilimento, ormai ufficiale dopo mesi di lavoro e trattative, riavviando così la produzione dei televisori nella provincia del Friuli-Venezia Giulia.

"Sèleco, storico marchio dei televisori Made in Italy, entra nuovamente nelle case degli italiani - precisa Pannella - per riportare in vita un pezzo importante dell'eccellenza industriale e del design del nostro Paese, con una vasta gamma di apparecchi allineata ai più moderni standard tecnologici.

Serie 700 UHD
- click per ingrandire -

La nuova produzione Sèleco spazia da modelli LCD dai 24 ai 75 pollici, con risoluzioni HD, Full HD e Ultra HD. Da sottolineare come in cima all'intera gamma si posizioni l'OLED della Serie 900, disponibile nei tagli da 55" e 65". Sono dotati dell''interfaccia Smart Portal basata su Android, che offre l'app market di Google Play e l'accesso a Netflix e YouTube, mentre il processore effettua un'elaborazione dei segnali a 12 bit per componente (68,6 miliardi di colori). I due modelli SE 55UHD 900 TSW e SE 25UHD 900 TSW sono compatibili HDR e dichiarano rispettivamente una luminosità di 470/500 cd/m2.

Per ulteriori informazioni: www.seleco.it

Fonte: Eurosat



Commenti (6)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Sgulingione pubblicato il 03 Agosto 2017, 22:36
Queste sono belle notizie. E se il governo italiano cominciasse ad incentivare le proprie aziende invece di spremerle e basta ne avremmo tante di belle realtà. Speriamo che l'azienda funzioni e i prodotti siano validi, mi piacerebbe proprio avere in casa un bel tv made in Italy.
Commento # 2 di: saverio labate pubblicato il 04 Agosto 2017, 11:35
Si, veramente belle notizie! Forza madre in italy
Commento # 3 di: Nordata pubblicato il 04 Agosto 2017, 13:02
Originariamente inviato da: saverio labate;4750271
Forza madre in italy

E il padre?

Scherzi a parte, pare che in effetti siano apparecchi prodotti da un marchio cinese e poi assemblati qui.

In un'altra discussione, sempre sul forum, veniva indicato il nome.
Commento # 4 di: ciocia pubblicato il 04 Agosto 2017, 15:08
Pannelli sempre di LG?
Commento # 5 di: stazzatleta pubblicato il 04 Agosto 2017, 15:13
per gli OLED temo non ci siamo alternative...non so per LCD.

spero riescano ad affermarsi in qualche maniera; i modi per differenziarsi sono il design o l'avanguardia tecnologica. propendere per la prima in quanto la seconda prevede dei costi in R&D che difficilmente un'azienda di quel tipo può sostenere.

ad ogni modo non la vedo facile
Commento # 6 di: azetaelle pubblicato il 24 Agosto 2017, 17:42
mah, speriamo non sia il classico finto rilancio per ciucciare finanziamenti pubblici, la storia italiana ne è piena. In un settore consolidato e combattuto come quello dei TV non è facile inserirsi dovendo dipendere al 100% da fornitori esterni di pannelli e di elettroniche. Finirà che è il solito rebranding di prodotti importati dalla Cina.